Ascoltando……

Stanco e perduto

Stanco e perduto
ma ero allegro quando me ne andai di casa
e certe stelle splendevan forti
a far luci e ombre
sul mio cammino
perso e solitario
non riesco a ricordare
le tristi notti degli occhi
e le corse dietro alla luna
fuggite via

E le colline sembravan fantasmi neri
su un fondo blu
e le strade più misteriose d’adesso
facevan largo
alla nostra euforia
la notte passava in fretta
e non sarebbe più tornata
fuggita via
anche lei

E proprio l’altro giorno un vecchio amico
mi dice corri a casa
tutto è cambiato
tua sorella aspetta un figlio
e tuo padre
ha bisogno di te
subito a casa

E io che posso fare
stanco e perso su una strada
questioni di sfratto
faccende di soldi
ma non importa
prenderò il primo treno
e verrò là

E ora questa storia sembra un vecchio ritornello
una serenata
fatta a una luna traditrice
e mi trovo tutto solo qui a cantarla
tutti gli altri sono scappati via
poesie, folletti, pazzi
amori persi e diventati
nostalgia

V.Capossela

Buon fine settimana!

Filippo

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ascoltando……

  1. Gennaro scrive:

    coincidenze
    Non ci credo!!! Mi ritrovo nelle vostre foto! Ma dove eravate? Vabbè, Londra non è poi tanto grande. Coincidenze a parte, davvero la mostra è da vedere: su Zaha se ne può dire di ogni ma la sua opera è semplicemente ispirata. Da vedere!
    Bye Gennaro

  2. Gennaro scrive:

    Come non dare torto di cio’…
    Alcuni inglesi pensano di noi e condivido… ed ecco perche’ anch’io mi trasferiro’ presto nella grande Londra! :”…totally right, i also hate italy. Unfortantly i live here for work, but i can’t see the day i can leave this s***place… the problem are the italians, so arrogant, ignorant and always convinced to be the best in anything… they are disgusting….. they do not respect any law, do whatever they want… and if you tell them that they are wrong they get offended and aggressive… i lived a long time in the 3rd world, but italy is 100000 times worst…..”

  3. massimiliano scrive:

    saluti da Miami
    Ciao Rosy e Filippo,
    se vie’ mai capitato di “bazzicare” dalle parti della bacheca del pA “serve un consiglio”…sono quel massimiliano li! 😉 insomma abbiamo “parenti in comune” nella grande famiglia del pA.
    E’ da mesi che mi ripromettevo di scrivervi ma rimanda oggi e rimanda domani…
    here we are!
    Come voi vivo un’esperienza (che dura da 4 anni) all’estero e vi scrivo da una soleggiatissima Miami.
    la molla che mi ha spinto a scrivervi sono le tendenze “gucciniane” dell’Ipod di Rosy! per una strana coincidenza in questi giorni “l’avvelenata” e’ il brano piu’ gettonato del mio Ipod! (scusate la profondita’ dell’argomento ma dovevo pur trovare un modo per “spaccare il ghiaccio” e scrivervi un saluto.
    Bene, da oggi, anche se virtualmente, avete un amico in piu’, e ricordatevi che c’e’ di peggio del the con il latte: questa brodaglia scura che qui negli USA si ostinano a chiamare coffee!!! (e hanno anche il coraggio di chiamarlo “ristretto” quando e’ meta’ tazza!!!
    ciao
    Massimiliano