Oggi è bank holidays

Oggi è bank holiday qui in Inghilterra; tutti fuori per il week end lungo, clumber street pullula di potenziali customers e le distese d’erba di Wollaton Park sono tappezzate di tovagliette a quadri rosse-verdi, elemento indispensabile per un pic-nic che si rispetti.

Impegno la mattinata davanti al pc per cercare di ricucinere i brandelli della mia vita passata nella speranza che ne venga fuori qlc di illuminante per quella futura. Per adesso non ne cavato ancora nulla di buono; il “risultato” non mi si confà…. mi sento un po’ confusa ma con quelle poche ma buone convinzioni che ti permettono almeno di capire, mettendo in conto un margine d’errore, ciò che potrebbe e ciò che non potrebbe essere giusto per la mia persona, per mio modo di essere, di esistere.

Mi sento come in attesa….di qualcosa, di un segno, di un consiglio. Non sono mai stata avvezza a pianificare la mia vita o a prendere decisioni più o meno importanti davanti ad un foglio di carta con una tabella di pro e contro; per quanto mi ritenga una persona estremamente razionale alla fin fine ripensandoci, a conti fatti, mi accorgo forse di non esserlo affatto: la maggiorparte delle scelte + importanti nella mia vita sono state frutto del mio istinto. E non e` detto che cio` sia male.

Penso a me tra 10 anni, a come vorrei essere, con chi e dove. Metto in pratica quel giochino che ti insegnano da bambini per alimentare la tua capacita` creativa nella speranza di ritrovare il bandolo della matassa e di capire come riassettare le priorita` della mia vita.

Unica compagnia in questo momento di meditazione una tavoletta di Ritter Sport – Whole Hazelnuts … God save the Queen e chi ha inventato la cioccolata!!!luna

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Oggi è bank holidays

  1. Fabrizio scrive:

    amico di blog
    ciao paola. sono fabrizio e … sono qui nel blog di fianco. io mi preparo per partire per l’africa. anche io non ho molte convinzioni ne suggerimenti da darti. so solo che a volte c’è qualcosa dentro che se lo ascoltiamo per bene ci suggerisce le strade da percorrere. io a volte ci provo e tra non molto mi troverò nel CONTINENTE NERO. Chissà che laggiù non trovi altri suggerimenti per ….la felicità. Anche io mi sentivo nei mesi scorsi in …attesa di qualcosa e dentro di me (anche se qualcuno mi prendeva per pazzo) sapevo che stava per accadere qualcosa di importante.
    L’istinto? c’è molto di questo in ogni cosa che facciamo perchè solo noi conosciamo noi stessi anche se a volte non vogliamo accettarlo, anche se a volte riesce difficile comprenderlo. ti auguro di essere sempre in ricerca perchè credo che solo in questo modo si troverà la forza di scalare le montagne e di non arrrendersi mai.
    coem sarai tra 10 anni…io pensando al mio futuro mi stavo dimenticando del mio presente: è giusto?
    Tema di progettazione che mi diede una prof all’università di napoli qualche anno fa: Progettare un luogo felice. Ogni giorno un piccolo tassello!

  2. fabry scrive:

    fabry
    a quanto vedo hai la possibilità di essere in rete molto frequentemente.beh! anche io per le prossime due settimane. poi dal 16 giugno non so prorpio (il girono della partenza per l’africa). quindi ne approfitto adesso per scambiare 2 chiacchiere.
    Non so se io mio sia coraggio cedo maggiormente inconscienza ma..per certi versi non poteva essere diversamente…non poteva che andare così. Sono un viaggiatore nato e troppo tempo nello stesso posto non riesco proprio a starci.
    Ho letto velocemente il tuo Blog e vedo che vieni dalla Puglia beh…viva il regno delel due sicilie o forse meglio: viva i briganti!
    certo le foto che hai messo sul blog sono interessanti. mi fanno vedere un mndo verso il quale forse ho detto no per sempre. un giorno durante l’università anche a me era balenata l’idea di venire in inghilterra per fare un po di pratica…ma…non mi andava di emigrare verso nord per il semplice fatto che la mia terra non mi garantisce un “dopo laurea” accettabile. e così cominciai a maturare che era meglio scendere il più a sud possibile. dimenticavo: io sono di salerno!
    Adesso mi trovo a Venezia ma tra 2 settimane sarò in mezzo all’atlantico in un arcipelago non molto distante da senegal: le isole di capo verde. metà di tanti turisti che “stanno devastando” tutto quello che trovano a tiro. speculazione a non finiere e zero risorse che rimangono agli isolani che per una serie di condizioni si avvicinano sempre più al baratro!
    Così mi sono inventato anche io uno stage come hai fatto tu , solo che ho preso una direzione diversa, forse come te, confuso, provo a trovare la mia direzione.
    Odi essere indecisa? e perchè mai? odi non sapere quele è il tuo futuro prossimo e vagare in balia degli eventi? Purtroppo forse non siamo più abitauti a vivere nell’incertezza (anche se ci viviamo da sempre) e forse non sappiamo più gestirla. certo se avessimo sicurezze sarebbe meglio …o no!?!? Beh! basta con le chiacchiere adesso devo terminare una relazione su una serie di dati e fare un’analisi multivariata sulla condizione di 40000 famiglie delle filippine…come se la povertà si possa davvero misurare con dei numeri.
    Beh! alla prossima…magari ti mando uno foto dell’africa.
    fabry

    p.s. il coraggio è in ognuno di noi nel momento in cui abbiamo la forza di guardare al futuro dopo ogni caduta!

  3. franco scrive:

    qualche informazione…
    Ciao, sono un architetto di Forli. Vorrei fare anche io un’esperienza in U.K. (come tanti…) Leggo nel tuo blog del 29/5 che hai incontrato un architetto italiano a Londra. E’ possibile conoscerne il nome? Vorrei mandargli il Cv.
    Grazie.

  4. fabio scrive:

    info borsa leonardò
    ciao sono un laureando di architettura e vorrei avere delle informazioni sul progetto Leonardo.
    grazie
    ciao