data stellare 24.05.2007

Ultimo giorno di lavoro prima del permesso-studio. Venerdì a casuccia a studiare, così come il fine settimana e lunedì. Quindi, martedì e mercoledì, scontro finale. Diciamo che non me ne frega un granché. Come già ampiamente illustrato, non mi emoziono… la totale e assoluta mancanza di voglia di fare dipendono esclusivamente dal fatto che è la TERZA STRAMALEDETTA FOTTUTISSIMA VOLTA.
Ma a parte questo, tutto ok.
FINALMENTE è uscita la commissione, ma non abbiamo notizie degli elenchi e della sede. Non mi meraviglio veramente più di nulla…

Oggi scrivo pochino, perchè prima di andare a casa, devo chiudere diverse praticuzze, controllare le sezioni a che punto sono… insomma, un po di “facite ammuina” e poi posso iniziare a imprecare privatamente contro il sistema accademico. Non credo che posterò nei prossimo giorni… ma voi tenete le dita incrociate per me e tutti gli altri poveri cristi che affronteranno quest’ennesima tortuta.
Sinteticamente:il dipendente-segretario. E’ tipico dell’Italia, l’arte di arrangiarsi. Se questo costituisce punto di merito nella gestione di un problema, allo stesso tempo costituisce FULGIDO esempio di cialtronaggine nella gestione del personale. Con questo principio eccelso, chi sa fare l’architetto non viene messo a fare l’architetto; chi sa fare il grafico non viene messo a fare il grafico; chi sa fare il selezionatore del personale non viene messo a fare… avete capito, no? E chi ci mettiamo? Oh beh, un po mi ci metto io, domani lui, dopodomani di nuovo io ma poi la settimana prossima ci va quell’altro. Ma se siamo tutti troppo impegnati? O guarda, c’è mio nipote che è a spasso. Ma lo sa fare? No, ma almeno lo paghiamo poco, e poi sai come è mia moglie, no? Dai su, fammi stare tranquillo che son mesi che mi rompe le palle che devo prendere quel piccolo deficiente etc etc
Poi ci mettiamo l’aspetto vanaglorioso che ogni cialtrone ha insito: come hanno UNA persona a studio che non sia imparentata con loro (tecnicamente si chiamano “dipendenti”) iniziano a sbrodolarsi, essere presi dai quarti di nobiltà, per cui praticamente NON LAVORANO PIU’. Se hanno una vena progettuale, si metteranno al tavolo e non alzeranno più, lasciando che VOI rispondiate al telefono, apriate la porta, lo stiate a sentire quando vuole raccontare una barzelletta (e RIDERE, CHIARO?!) etc etc; se è un magheggione svanirà LETTERALMENTE da studio, lasciandovi da soli, tempestati da telefonate cui rispondete sempre allo stesso modo:

No, l’architetto non c’è
No, non so quando torna
Non lo so se può chiamare sul cellulare, provi
Non ho idea del perchè non risponda al cellulare
No, non lo so se se lìè dimenticato da qualche parte
No, l’architetto non vuole non vederla
Sì lo so che è urgente
Può lasciare un messaggio
Sì, glielo do
Ma certo che glielo do
Glielo giuro su mia madre: glielo do
ME POSSINO CECAMME SI NUN JOO’ DO!
Sì, mi dica… ok… sì certo
No, non ho idea di QUANDO la richiamerà

E quando torna (ammesso che si faccia vedere di tanto in tanto)? Gli date la pila di messaggi e lui fa disgustato “Ma che vonno questi? Che palle” Poi suona il telefono, gli passate la chiamata e lo sentite dall’altra stanza: “Carissimo, come va? Come? Tutto il giorno? No il telefono mi prende… ma che numero hai fatto? E’ giusto… ah, ‘ste cazzo di cellulari! So’ quasi più ladri di quelli ar governo… messaggio? No, quei rincojoniti che lavorano qua nun m’hanno dato nessun messaggio
Ricordo di un tipo, una volta. Ero alle primissime esperienze e mi nascondevo all’ombra di una collega da poco laureata ma di grande esperienza che mi aveva adottato (la chiamavo “mamma” scherzando). Il cialtrone la chiama, dinanzi a un cliente, ogni 3 minuti: Francesca, mi manderesti questo fax? Francesca ci faresti portare dal bar due caffè? Francesca abbi pazienza, ci potresti fare una fotocopia al volo? Così per tutto il tempo. Lei ogni volta rientrava in stanza, si rimetteva al lavoro per 2 minuti e poi di nuovo il trillo “Francescaaaa” e lei che per tutto il tempo bestemmiava fitto fitto. Finchè, qualche giorno dopo, il cliente ritorna. Il cialtrone non c’era e quello, beccando me, mi fa “Senta” che carino, mi dava del lei “Posso parlare un istante con la signorina Francesca?” Io, che avevo un certo pepe in eccedenza già all’epoca domandai candidamente “Ma chi? L’architetto Suocognome?” (l’anonimato DEVE essere garantito, ragazzuoli). Il tipo cerca di spiegarmi di chi sta parlando, e io gli rispondo ogni volta. Constatato che era la stessa francesca, da QUEL giorno, ogni volta che il cialtrone chiamava, sentivano il tipo che faceva: Ma no, lascia perdere. Non disturbare l’architetto. Ma le facciamo io e te le fotocopie… Il caffè ce lo prendiamo al bar…
Allora il pensiero è semplice e efficace: QUALCHE IDIOTA CHE DA UN PESO ALLA LAUREA ESISTE ANCORA!
Chiudo con due pensieri:

1. c’è chi mi obietta che se si dovesse aspettare la “firma”, non si inzierebbe mai a lavorare a Milano. E’ così anche a Roma. Ma se non ci tuteliamo IN QUESTO MODO, come possiamo poi combattere il fenomeno per cui, i tanto promessi contratti, non arrivano mai? Dobbiamo BLOCCARE in qualche modo questo scempio

2. è stato costituito il comitato per la creazione del partito democratico. E’ un evento molto importante, la creazione di un partito “unico” di questo livello. E attendiamo con ansia la creazione di un omologo anche dall’altra parte, quantomeno per far assumere alle schede elettorali un aspetto dignitoso e non quell’ignobile lenzuolata di 0,01%. Una cosa, però: NON CI SIAMO. Non ci siamo assolutamente. Non si può creare un soggetto politico del genere sostenendo il “guardiamo al futuro” e poi non c’è un solo personaggio sotto i quarantanni. Non si può parlare di riforme, modernità e poi non raggiungere ALMENO la parità di presenze tra uomini e donne. Non ci siamo davvero. Ho sentito tante volte rivolgere accuse a questa figura nascente su come verrà spartita la direzione (ah tu vieni dai DS? Allora ti aiuto. Ah sei della margherita? Ma potevi dirmelo subito, vieni vieni). E altrettante volte avevo sentito una risposta che mi era piaciuta moltissimo: aspettiamo che nel partito ci siano le nuove leve, ragazzi cresciuto nel partito democratico e non nei ds o nella margherita. Ma così facendo, mi dispiace dirlo, secondo la mia PERSONALISSIMA E DISCUTIBILISSIMA OPINIONE, non avete mandato all’ITALIA un segnale di rinnovamento. E se veramente contate e contiamo sul ricambio generazionale, qualcuno, prima o poi, se ne dovrebbe andare.
Ah, dimenticavo: “andare” nel senso di dimettersi
, non morire alla scrivania, eh?! …che poi facciamo come al solito!

Buonagiornata ragazzuoli! Un abbraccio grandissimo!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

18 risposte a data stellare 24.05.2007

  1. L scrive:

    e allore…
    che ne dite degli studi che vi fanno fare da pseudo-segretaria???(rispondere al tel,fare fotocopie,ricevere le persone,mandare fax,email..)
    vorrei solo sapere….
    MA è NORMALE?
    fa parte di compiti di un arch?
    ve lo chiedo sinceramente…
    xchè magari mi sbaglio io…
    ciaooo
    L

  2. patri scrive:

    quanto mi piacerebbe……..
    ciao Simone volevo dirti che purtroppo mi sono fidata di un cialtrone e ora mi sento delusa ma anche molto incazz………con me stessa perchè non ho saputo cogliere il filo sottile che c’è tra gentilezza e fregatura. Però mi sono difesa con l’unica arma a mia disposizione abbandono immediato del lavoro. Mi servirà da esperienza per il futuro vuol dire che fiuterò prima la fragatura.Volevo suggerire a tutti quelli che leggono il tuo blog di leggere il libro “Schiavi Moderni” che si può scaricare gratuitamente sul blog di Beppe Grillo. Ciao e a presto lottiamo per un futuro prossimo migliore e pieno di garanzie senza più rinunce ed eterni sacrifici.

  3. patri scrive:

    quanto mi piacerebbe……..
    la lista dei cialtroni e disonesti.

  4. patri scrive:

    studi che vi fanno fare da pseudo-segretaria?
    Per esperienza diretta non hanno molto lavoro oppure non vogliono pagare una segretaria a tempo pieno e poi perchè non sfruttare la situazione se si può?………che mondo di disonesti e a sentirli parlare non si direbbe, loro, si reputano onesti e altruisti.

  5. Da scrive:

    in un mondo di cialtroni..
    una speranza o un sogno? voglio raccontarvi del mio ultimo colloquio..
    fine aprile, un buon annuncio per me, invio il curriculum; dopo un paio d’ore (giuro non più di 3!), mi chama lo studio, era la segretaria (la segretaria..???, perchè esistono?), mi propone un orario, troppo presto per i miei orari e le chiedo se è possibile più tardi, consulta l’architetto e mi conferma il mio orario (possibile? di solito rischi di far saltare il colloquio se non sei disponibile ai loro orari..). ma la cosa straordinaria è che mi ha pure inviato una mail di conferma! Wow ho pensato uno studio serio??
    Arrivo al colloquio, mi spega il progetto, mi chiede della mia esperienza di architetto, precisa orari di lavoro (“non sono uno schiavista” sue testuali parole) e compenso netto; mi informa che il lavoro sarebbe cominciato con il primo di giugno e che per metà maggio avrebbe avvisato.
    Detto fatto! purtroppo non sono stata assunta ma vi giuro che ho aprezzato la sua professionalità..
    che ci sia qualche speranza? che non siano tutti dei cialtroni?
    buona giornata a tutti
    Da

  6. rosy scrive:

    CIALTRONI………
    vi prego facciamo in qualche modo qsta benedetta lista…………io ho un bel po’ di nomi che non riesco piu’ a trattenere…..anche dall’Inghilterra, dove credetemi che le cose vanno davvero diversamente per noi architetti, continuo a seguire le vicende del lavoro italiane perche’ mi sento ancora parte di qsto mondo e vorrei tanto far qualcosa per danneggiare questa gente incivile che sta danneggiando l’Italia e costringendo tanti giovani a lasciarla….

  7. L scrive:

    telefonate
    ciao Siiimo!
    ma sei nascosto nel nostro studio???
    perchè le risposte che diamo al telefono sono le stesse!!!!
    e anche quelle che danno gli altri…
    un mito!
    continua così!
    L
    ps non era un’obiezione la mia…ma una triste constatazione!!!!! 🙂

  8. anna scrive:

    esame
    vai simo!!in bocca al lupo a tutti…anch’io sono al 3° tentativo…
    CREPI!!CREPI!CREPI

  9. eleonora scrive:

    forza saimon
    simo mi unisco al coro dell’imboccallupo!! so perfettamente cosa provi, non puoi nemmeno immaginare quante volte ho provato a dare a firenze sto cazzo di esame…ritrovandomi alle correzioni senza ricevere spiegazione alcuna alla bocciatura (una volta addirittura i complimenti!!). la bacheca esami di stato strabuzza di miei sfoghi/denunce nei riguardi di questo sistema, di questa spada di damocle che ha ben poco di meritocratico e moltissimo di aleatorio. bè alla fine l’esame l’ho passato, alla “prima” a reggio calabria, dove ho trovato serietà e voglia di lavorare, sconosciuta evidentemente tra le commissioni di firenze. ogni compito corretto o non corretto aveva un voto, cosa che a firenze a raccontarlo sarebbe considerata fantascienza. ho avuto un voto altissimo, e siamo passati un 40%…anche io mi ero impuntata che DOVEVO farlo a firenze, dove mi ero laureata, dove ero cresciuta…e mi sono solo fatta del male. io ti auguro con tutto il cuore che sia la volta buona, credimi ti capisco tantissimo, capisco l’umiliazione, la frustrazione…o forse l’avevo presa male io :-). comunque….ti abbraccio forte.
    ps. io per il mio EX capo sono andata: a riparare la sua cintura, a pagargli l’assicurazione della macchina e a comprare la carta igienica….

  10. Mister Z scrive:

    “lista cialtroni”-catena di sant’antonio?
    Innanzitutto ribadisco il mio inboccallupo a simone,pure io fratè (se mi permetti) sono al mio terzo episodio della saga “Stat Wars”,che la forza sia con noi…questa volta parto alla volta di Genova,sperando che lo spirito di Cristoforo Colombo vegli su di me (si,potevo dire pure Renzo Piano ma:primo,non son degno…,secondo,Egli è ancora vivo e non mi pare bello,che poi magari si gratta la dove non batte il computo metrico…).
    Secondo,pensavo:se questa ormai famosa “lista cialtroni”la facessimo girare via mail come una (per una volta tanto) amata catena di sant’Antonio?o dite che è solo una battaglia contro i mulini a vento?che rischiamo di pestare i piedi a qualche MAMMASANTISSIMA della CUPOLA-ARCHITETTI,e ci ritroviamo la polizia postale a casa a ravanare nei nostri pc in cerca della mail incriminata?
    Ditemi che ne pensate e per il momento.
    IN BOCCA AL LUPO A NOI!

  11. L scrive:

    x Mister Z
    d’accordissimo…
    da milano siamo d’accordo sulla catena di S.Antonio!!!!

    in bocca al lupo a tutti x l’esame di stato…ovunque lo facciate!!
    forza e coraggio colleghi!
    L

  12. Da scrive:

    x Mister Z e L
    mi accodo anch’io..
    possiamo farla girare finalmente questa catena..
    almeno, per una volta, non vedrò girare inutili “rimedi del cuore” per la felicità eterna..
    ma che servono a fare queste catene??
    e comunque mi impegno a farla girare un po’ da Trieste (triestina doc) a Venezia (Laurea) a Milano (dove lavoro)..
    allora chi comincia?
    in bocca al lupo a Simone e a tutti quelli che stanno preparando l’esame di stato.
    ciao

  13. L scrive:

    esame di stato,cialtroni,permessi..
    simo, se me lo concedi,volevo fare un bel mix di questi tre ingredienti..
    quando ho fatto l’esame di stato ho dovuto chiedere dei permessi :1 giorno un pò prima dello scritto, 1 giorno x scritto,1 giorno x orale, totale 3 giorni!!
    “Da” è testimone…sono stata presa in giro x il permesso chiesto (con largo anticipo) per il giorno prima dello scritto…UN GIORNO…
    e in 3 anni mi sono assentata dal lavoro solo per quei giorni e un paio al massimo xchè malata (visite,appuntamenti,colloqui li faccio sempre in pausa pranzo o dopo il lavoro)…
    ma non dovrebbe, un datore di lavoro, premiare o quantomeno appoggiare, non ostacolare)lo sforzo, l’aggiornamento, la formazione, l’abilitazione di un proprio collaboratore??
    così facendo il suo nome e il suo studio acquisirebbero più valore..o no???
    correggetemi se sbaglio..
    xchè altrimenti mi sa che non ho capito proprio nulla!!!!
    ciao
    L

  14. claudia scrive:

    catena e scongiuri
    Mi unisco agli scongiuri di rito per il tuo esame, in bocca al lupo!

    Sono disponibile anch’io per la catena dei cialtroni. Ho qualche nome che mi è rimasto in gola ^_*

  15. claudia scrive:

    idea
    E se invece di far girare le mail e rischiare problemi e/o rischiare di diffondere indirizzi di posta di chi magari preferisce restare anonimo e “incontattabile”, aprissimo un altro blog, dove uno o più di noi avessero l’incarico di ricevere le segnalazioni via mail (magari facciamo un indirizzo email apposito) e inserirle nel blog rispettando l’anonimato di chi segnala? Un bel disclaimer sul fatto che non abbiamo modo di controllare le segnalazioni e che le riportiamo solo come ci sono state inviate e il gioco è fatto!

    Rivoluzione, ragazzi, rivoluzione!

  16. giglio82 scrive:

    Coraggio!!!
    Dai, Simone, coraggio… anch’io devo rifare l’esame per la terza volta!!! Speriamo vada bene a tutti e 2!!!

  17. Francesca scrive:

    Esame di stato…AAAAH!!
    Ciao Simone, per me martedì sarà il PRIMO tentativo…a Roma!! Vista la media degli abilitati in capitale, mi viene già da ridere…ma so già che la prossima volta non sarò così allegra!! Un in bocca a lupo a tutti quanti, SPERIAMO BENE e……crepi il lupo!! 🙂

  18. patri scrive:

    in bocca al lupo…………
    Sì devo rifare l’esame di stato a Roma per la seconda volta che “dio ce la mandi buona” in bocca al lupo a tutti quelli che condivideranno con me questa ennesima fatica. Comunque la considero una esperienza formativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *