data stallare 14.06.2007

Ci sono momenti nella vita di un uomo in cui questi deve prendere il coraggio a quattro mani e dire quello che pensa.
Quando in sede di discussione della tesi, presentai oltre alla carrellata di lavori voluti dall’assistente del mio relatore, che tanto si era battuto perchè il MIO progetto venisse gettato nel dimenticatoio, il suddetto progetto e lo REINFILAI A TRADIMENTO in fase di stampa (quindi portandolo contro il loro parere, la loro volonà e le loro intenzioni), e i commissari mi domandarono “Questo progetto è finito. Perchè non ha portato questo come tesi?” non ebbi il coraggio di ribattere “Parli con questi due stronzi!” ma mi limitai a una lunga ed eloquente occhiata nella direzione del mio relatore.
Quando in sede di esame di stato (ultima volta) il presidente mi domandò “Come mai non è passato alla prima? Cosa le ha impedito di passare questo esamaccio e iniziare la professione?” Non ebbi il coraggio di rispondere “Cazzo ne so?
Quando una mia carissima amica mi presentò la sua versione del mio progetto per casa sua e mi domandò cosa ne pensavo di lei come progettista, non ebbi il coraggio di dirle “FA CAGARE LUI E FAI CAGARE TU! MI SEMBRA DI STARE IN UN CESSO TANTA MERDA STO VEDENDO“… o forse sì? Non ricordo… Cmq devo aver detto qualcosa di molto simile, conoscendomi… MA ANDIAMO AVANTI
Ma oggi NO. Oggi è giunto il mio momento. Oggi prenderò il coraggio a quattro mani e urlerò il mio dolore…
TU!
COSTRUTTORE DEGLI STABILI DOVE ABITO…
SEI UN BASTARDO! IO TI ODIO E TI AUGURO LE PEGGIORI MALATTIE, che siano esse INTESTINALI E VENEREE!
Ma come stracazzo ti passa per la testa di costruire case talmente vicini che l’unica aria che circola è quella dei gas intestinali dei loro abitanti?!
Come diavolo ti è entrato in quel tuo craniaccio maledetto (che ti possa esplodere sul momento) di edificare OPPONENDO UN MURO al rifrescante ponentino romano?
Qual è l’idiotissimo principio costruttivo che hai seguito e che ti ha portato a erigere case roventi d’estate e gelate d’inverno?!
Mi auguro che tu stia comodo nella tua villetta, in mezzo agli alberelli (che te ne frani uno sulla macchina, si incendi e ti distrugga il gazebo con sotto il tuo isterico yorkshire) mentre noi la notte cuociamo a fuoco lento in quei forni crematori che hai costruito… Comodo per ricevere UN METEORITE DIRETTAMENTE SULLA TUA BELLA SDRAIO, che ti incastri in eterno tra le falde tettoniche e lì ti costringa per il resto della tua miserrima e idiotissima esistenza, MAI cmq TROPPO BREVE!
Ok, per il momento mi ritengo soddisfatto.
MA, mi riservo il diritto di aggiungere altri insulti mano a mano che trascorrono la giornata, la settimana, il mese, l’anno, il lustro e il secolo…
Quanto la faccio lunga per le consuete e stagionali sudate notturne eh? Lo so, ma amo la lagna plateale!
Ma non fissiamoci sulle nostre disgrazie: nel mondo ne succedono di tutti i colori. Il problema è che come commento, rischio l’incidente diplomatico… Un esempio?

Colombiano sbanda ubriaco e finisce sulla scalinata di trinità dei monti a roma. Chiede aiuto a dei giovani marines americani che erano lì a divertirsi strappando targhe dalle auto parcheggiate (vero) e per tutta risposta lo spingono giù quasi fino a piazza di spagna lungo la più prestigiosa scalinata dell’umanità. Le autorità italiane li hanno arrestati e consegnati all’ambasciata americana. Probabilmente entro stasera saranno severamente puniti: a letto senza playboy. Io per rappresaglia gli parcheggerei una fiat duna in una riserva indiana… EH OH! E’ LA COSA PIU’ ANTICA CHE HANNO! CHE VOLEMO FA?!

Poliziotto pentito sulla violenza alla DIAZ… che detta così sembra che parliamo di un tutore della legge che ha violentato la bionda cameron, ma non dobbiamo parlare sempre male dei giornalisti no? Si puniscono benissimo da soli… “sembrava di essere in una macelleria messicana“. Entro domani cambierà inAvete frainteso. Ho detto che dovevo passare in macelleria e avevo fame, così ho chiesto se andavano a finire l’udienza dal messicano

Il vaticano accusa Amnesty di essere abortista e dichiara “Vi tagliamo i fondi”. Amnesty risponde “Ma veramente non ci avete mai dato una lira…”
“Fate abortire le donne rimaste incinta dopo uno stupro!”
“Garantiamo i loro diritti”
“Beh, non si fa!”
Io a questo punto avrei risposto con un rutto… ma ad Amnesty hanno uno spessore superiore, non c’è che dire…

Mongolia, scoperto enorme uccello dinosauro. Un fossile di 70 milioni di anni fa. Il senatore Andreotti piange commosso: non sapevo della sua scomparsa. Avevamo fatto il militare assieme… mamma mia quanto era telefonata ‘sta battuta…

Insomma, come mi giro, mi tocca incazzarmi per qualche assurdità. O c’è uno scontro di pensieri (più o meno idioti, talvolta) o ci sono notizie che non cambieranno la nostra situazione… non vedo l’ora di leggere: CAMBIATO IL MERCATO DEL LAVORO, ECCO LE NUOVE REGOLE.
Ma conoscendo i giornalisti, leggerei: LAVORO CAMBIATO. NUOVE REGOLE AL MERCATO…
Oggi puntata breve: stasera c’è Santoro… abbiamo tutto domani per incazzarci a dovere…
Vi strizzo e vi stritolo ragazzuoli! Forza che domani è già venerdì!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a data stallare 14.06.2007

  1. giorgio scrive:

    lista
    ti farà piacere sapere che esiste già negli stati uniti, l’ho letto sul numero di marzo del giornale dell’architettura nell’inchiesta “generazione mille euro”.
    è un sito in cui gli architetti americani descrivono come si sono trovati nei vari studi citandone il nome.
    immagino che da loro sia meno vincolante la legislazione…
    ti fornirò il nome appena torno a casa e ritrovo il giornale
    ciao

  2. giorgio scrive:

    lista
    ti farà piacere sapere che esiste già negli stati uniti, l’ho letto sul numero di marzo del giornale dell’architettura nell’inchiesta “generazione mille euro”.
    è un sito in cui gli architetti americani descrivono come si sono trovati nei vari studi citandone il nome.
    immagino che da loro sia meno vincolante la legislazione…
    ti fornirò il nome appena torno a casa e ritrovo il giornale
    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *