Napoli 26 dicembre 2004

Napoli 26 dicembre 2004

Salve a tutti!!!Buon Natale!!!!bhe…lo so sono in ritardo di qualche ora ma confido nel vostro perdono!! Sono a Napoli in quella che è stata la mia stanza per ben 24 anni, fedele compagna di sorrisi, pianti, discussioni, segreti, nottate sui libri e al tavolo da disegno, canzoni ma soprattutto sogni….. che strano adesso la sento cosi poco mia…..eppure le pareti, la scrivania, le mensole e parte dei libri sono sempre le stesse, pero se devo pensare a casa mia,penso a quei novanta metri quadrati in Calle Pintor Casas, che ho messo su da sola e che amo…….li nella bella Barcellona. Il giorno 21 notte prima di partire stavo male,

penso che esistono tre tipi di partenze

1) Quando parto per un viaggio di piacere: la vigilia è bellissima.

2) Quando parto per un fine settimana a Napoli: la vigilia è bella

3) Quando parto per Napoli sotto Natale: la vigilia è tremenda.

Spiegazione: normalmente quando vengo per Natale mi fermo sempre una settimana-10 giorni, cio significa avere tempo per vedere molti amici, molti parenti, cio vuol dire una rottura di palle…… non per tutti è chiaro…pero cominciano con:

come si sta a Barcellona? Ma allora ti sei trasferita definitivamente li?

E il lavoro come va?

Quando ti sposi? (senza sapere se c’è, o no, l’esistenza di un eventuale sposo…)

Qualcuno ha la minima idea dello stress che queste domande portano? Bhe se non avete idea, ve lo assicuro io….è asfissiante. Poi i primi due giorni mi servono per decidere chi vedere e perché, “questo l’ho visto a settembre, allora chiamo quest’altro…bhe pero magari se prendo appuntamento li in quel bar posso chiamare anche questa…. E pinco pallino che stara facendo? ma si un messagino…”

poi questa del “ti sei trasferita definitivamente?” è davvero bella, non so che rispondere, a volte dico di si….tanto x chiudere il discorso, ma lo so che non è una risposta a cui posso rispondere, se mi avessero detto 5 anni fa “sai? Vivrai a barcellona nei prossimi 5 anni!) Avrei detto :ma che sei matto? Eppure è successo….adesso non so che dire..mi conosco so che potrei cambiare città anche domani, non lo faccio perché per il momento mi sento bene a Barna….resta fermo che non ha molto senso chiedere qualcosa di questo tipo…non lo so…mi spazienta…

Bhe il Natale è passato, non sono andata in chiesa e me ne dispiace,

ho anche dimenticato di mettere Gesù bambino nel presepe prima di uscire di casa a Barcellona…..

la cenetta del 24, che normalmente per tradizione deve essere MAGRA, è stata stupenda e mamma e papà (in queste occasioni cucinano entrambi) si sono veramente superati, il pranzo di Natale è stato bello e buonissimo, i regali SOTTILMENTE suggeriti dai destinatari agli altri familiari hanno reso contenti tutti. Dovrei pensare che tutto fino ad ora è andato bene… e invece no, mi sarebbe piaciuto proporre ai miei di versare la cuota destinata alla spesa di Natale in beneficenza ( vivendo a Barcellona mi sono disabituata al consumismo e agli sfarzi) e con la cuota destinata ai regali, comprare dei biglietti di aereo per Barcellona, pero non è possibile pensare cosi, con chi mi ha aspettato per fare questa spesa e farmi scegliere cio che andava nel carrello. Non è giusto che in tante parti del mondo il Natale non si faccia come lo si fa in Italia, ma non è giusto nel mio piccolo, togliere la soddisfazione ai miei di imbandire la tavola e di sederci tutti e 5 intorno……non sono giuste tante cose, ma a volte si devono accettare.

d’altro canto a parte il traffico e squintennati che vanno in vespa senza casco e quasi ti vengono sui piedi, il caos, la gente che urla per strada, le file non rispettate, la metropolitana ogni non so quanti minuti, e altre piccolezze del genere, ho trovato una Napoli bella, piena di mostre d’arte, concerti, progetti in corso, palazzi restaurati, giardini nuovi, e cio mi riempie di gioia.

Lo so, come direbbero gli spagnoli, sono un’impresentabile, perché ho promesso di farvi leggere il resoconto del viaggio a Berlino e ancora non ho finito di scriverlo, anche qui confido nel vostro perdono.spero che le feste sino ad ora siano andate bene, vi abbraccio tutti.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Napoli 26 dicembre 2004

  1. fabrizio scrive:

    3 blogger insieme?
    beh! l’idea di re blogger riuniti inseme sarebbe davvero divertente? programmiamo un weekend?
    fab

  2. tiziana scrive:

    auguroni
    se tu sei in ritardo io sono proprio fuori tempo per gli auguri di NATALE, ma sono ancora in tempo per il BUON ANNO. a dopo quelli della BEFANA!!!!!

    è solo una battuta!!!!
    a presto
    Tiziana
    saluti ed auguri anche da Vita

  3. Chiara scrive:

    altra barcellonese!
    Ciao Giordana! Vivo anche io a barcellona da un’anno e mezzo… alterno dottorato alla UPC a lavoro in uno studio di architettura del paesaggio. Mi piacerebbe conoscerti! Se hai tempo scrivimi, chiarabf@virgilio.it. Un beso y hasta pronto! Chiara

  4. carmen scrive:

    Befana……. eeeeeeehhhh
    Ciao Bella Giordana, come stai?
    Ci siamo sentite da poco, io sto bene e anche tu mi auguro, ho letto il resoconto delle tue ferie natalizie sul blog…..

    Cara buon anno, che tutti i desideri siano esauditi, per il lavoro, per l’amore e per tutto quello che vuoi…..

    Baci baci dalla Sardegna (oggi tempo splendido), quando verrai ti porterò a mangiare i ricci al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *