forse ho capito. forse

forse ho capito.

forse è il mercoledì.

si perchè il mercoledì non è nè lunedi o martedì, con tutti gli entusiasmi di una nuova settimana, nè giovedi-venerdi, dove si assapora già il finesettimana…nè tantomeno, il mercoledì può essere come il sabato o la domenica.

en fin: il mercoledì ultimamente mi fa un pò schifo.

mi mette troppa malinconia.

i miei amici stanno avendo tutti un sacco di bimbi, e quelli che non ne hanno portano avanti energici le loro storie pluridecennali.

poi ci sono quelli come me.

quelli che non trovano pace.

quelli che invidiano le coppiette abbracciate nel metro.

quelli che si rattristano su di una canzone romantica.

quelli che affogano la solitudine in spese pazze.

quelli che trovano le notti come questa, vuote, tristi, troppo blu per intravedere la luce delle stelle.

quelli che affondano la malinconia in qualche cannetta.

quelli che magari col passare del tempo diventano timidi..

quelli che di spiaggia nada, sono bianchi in faccia e dentro le viscere,bianco neutrale senza emozioni fuori…

quelli che scrivono scrivono scrivono per dare un senso, un significato agli stati d’animo

quelli che vanno a letto con lo sbadiglio “sfasteriato”

quelli che tanto “caloria più caloria meno”

quelli che stanno sempre su edreams, vueling, iberia, alitalia, ryanair

quelli che hanno l’orologio 10 minuti avanti

quelli che quando fanno la lavatrice dimenticano sempre i calzini in fondo al contenitore o gli cadono per terra e non se ne accorgono

quelli che pagano le bollette sempre in ritardo

quelli che scendono spettinati da casa

quelli che non si accorgono che il tempo passa

quelli che vanno al cinema da soli…

quelli che vivono a poche fermate di metro .. ma si conoscono su skype!!!

quelli che immaginano emozioni.

quelli come me.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a forse ho capito. forse

  1. Alberto scrive:

    amo asturias
    Ciao Giordana sono un ragazzo Napoletano vivo a torino e sono innamorato dell Asturias…infatti sto cercando lavoro li…mi piacerebbe molto se puoi aiutarmi in qualsiasi modo mi farebbe piacere….sono diplomato perito meccanico…ma sono disposto anche a fare un lavoro piu umile un abbraccio Alberto

  2. Alberto scrive:

    amo asturias
    Ciao Giordana sono un ragazzo Napoletano vivo a torino e sono innamorato dell Asturias…infatti sto cercando lavoro li…mi piacerebbe molto se puoi aiutarmi in qualsiasi modo mi farebbe piacere….sono diplomato perito meccanico…ma sono disposto anche a fare un lavoro piu umile un abbraccio Alberto

  3. giordana scrive:

    silvia…e alberto
    ragazzi ma voi veramente pensate che io sia un ufficio di collocamento? adesso carissimo alberto, come pensi che io ti possa aiutare?davvero spiegamelo.Vivo a Barcellona non in Asturias, non si capisce dal blog?
    ps : sivia datti un numero o l’iniziale del tuo cognome accanto al tuo nome perchè vedo che dalla mail, non sei una delle tante silviette che scrive..x cui x non fare confusione..
    no la fotografa non si chiama Laura. quando pubblicherò le sue foto scriverò anche il suo nome.

  4. sonia/roberta scrive:

    rimedio?
    Cara Giordana,
    adesso che siamo diventate anche coinquiline(perche’ tu mi ospiti),ho la sensazione e la voglia di suggerirti un vecchio rimedio,ma efficace a questa apparente sfiducia:
    TI CI VUOLE UNA BUONA E SANA S……A
    Vedrai che dopo il mondo ti sorride.

    bacini

  5. Luca scrive:

    lentamente muore
    Buona notte Giò .. le tue righe mi hanno fatto tornare in mente una poesia di Neruda .. te la copio/incollo

    Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

    Muore lentamene chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore e ai sentimenti.

    Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.

    Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.

    Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

    Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
    chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
    chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

    Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
    richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
    Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

    .. per quelli che .. non trovano pace!

    notte!

  6. stefano scrive:

    neruda?
    è antiquato ……………………………….anzi mi sembra una versione rielaborata della bibbia
    allora tanto vale fare così:
    rispetta totalmente i 10 comandamenti a partire da: ama il prossimo tuo come te stesso
    sarebbe felicità totale e semplice, pensateci bene in quanti ci riusciamo?
    Oggi è così,
    tutti siamo buoni e cattivi,
    tutti siamo bianchi e neri,
    tutti siamo caldi e freddi,
    tutti siamo passione e razionalità,
    tutti siamo tristi e felici,

    viviamo costantemente sopra il bordo di una medaglia che ruota.
    è inevitabile, nn siamo ne carne ne pesce
    chi tocca per troppo tempo gli estremi
    è l’uno o l’altro
    un santo o un diavolo,
    il paradosso è che nn ho visto mai nessun uomo e nessuna donna innamorarsi solo di un santo o solo di un diavolo.
    L’ amore vero nn esiste, l’armonia totale nemmeno e se ci fosse uno dei due si stuferebbe
    Perchè?
    A QUESTO CAZZO DI ESSERE UMANO MANCA SEMPRE QUALCOSA NONOSTANTE MILLENNI DI LEZIONI E DI STUDI.

    IL MISSIONARIO (nn male come posizione)

  7. giordana scrive:

    intimità
    cara la mia coinquilina da pochi giorni, e che lo sarà spero x molto…
    sulla relazioni occasionali, mi sono già pronunciata, ho una sola intimità e la divido coin chi veramente ne valga la pena.
    posso dilettare il mio spirito con altre cose…
    vero è che il sesso rende felici, ma io ho fiducia nella vita…anche se dal post di ieri non sembra…
    vi bacio tutti
    vado in una fabbrica per scegliere delle persiane..a dopo!

  8. Silvia g scrive:

    io ti capisco benissimo e leggendo è come si mi guardassi allo specchio!
    ma credo che se è così che deve andare c’è sicuro un perchè!
    un bacio
    Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *