Comptine d’un autre été:

Napoli: dopo 10 mesi

neapel foto kapelle san severo

10 mesi senza tornare, è la prima volta chemi trattengo tanto tempo senza vederla…la mia Napoli

  • ho voglia di andare a vedere la trasformazione di Alvaro Siza, del palazzo DFonnaregina, attualmente il museo MADRE

espongono:Rebecca Horn, Clemente, Paladino, Serra, Kapoor, Lewwit, quindi non mi piacerà, ma va visto. Fosse solo per l’allestimento del portoghese.

  • poi mi farebbe piacere portare Sara nella cappella san severo a vedere il Cristo velato
  • …..dicono che adesso a Napoli Ci sono le ‘archistar’, grandi firme dell’architettura come Dominique Perrault, Benedetta Tagliabue Miralles, Alvaro Siza Vieira, Oscar Tusquets Blanca, Boris Podrecca, e gli ingegneri e gli architetti della Metropolitana di Napoli e del Comune, alla Mostra internazionale dell’Architettura della Biennale di Venezia. Sono i padri delle prossime cinque stazioni della linea 1, che attraversa la città e chiuderanno l’anello da Secondigliano fino al Centro direzionale e oltre l’aeroporto di Capodichino.
  • poi..ancora c’è una mostra di Bruce Nauman, quello dei neon per intenderci
  • una mostra sui campi Flegrei a Castel Sant ‘Elmo.
  • e poi ancora spettacolo teatrale dedicato a Satie, in un teatro che si chiama, teatro Area Nord di Napoli… come passa il tempo, si aprono teatri e io non ne conosco i nomi….

“….Erik e Suzanne”, un omaggio alla personalità del musicista Erik Satie.
L’esplorazione della vita del musicista viene centrata sul periodo della sua relazione con Suzanne Valadon nella Parigi della Bohème artistica, luogo di incontro di una assortita koinè linguistica e culturale. La storia d’amore, visto che non se ne conoscono altre, tra il musicista e la pittrice. Il loro menage mescolato ai pezzi musicali e ai quadri, alle idee che si confrontano, alla straordinarietà delle loro vite”.
per chi non lo sapesse, la famosa Suzanne, è stata l’amante di tanti altri

artisti come Renoir, Degas e Toulouse-Lautrec trasse da quest’ultimo una efficace spinta decisiva per lo sviluppo autodidatta della sua arte.

  • domenica mi aspetta una immersione dal significato archeologico!!!nelle acque procidane, scusate se è poco…

musica e web = progressi e conoscenze

tra le amicizie più dolci, che attualmente ho nel web, spicca quella con frankie-boy, una ragazzo che lavora nella polinesia francese, vivace, sveglio e simpatico. Oggi ci siamo regalati a vicenda dei brani bellissimi, e cercando in collaborazione, sul web, dei pezzi, siamo arrivati alla conclusione che “Comptine d’un autre été: l’après midi” è di Yann Tiersen.

se per caso vi risulta un concerto di questo splendido pianista, in una capitale europea…avvisatemi!

cinema

mi consigliate dei film interessanti in questo momento in Italia?

il blog nel mondo

Oggi il blog è stato letto nel Qatar, son dovuta andare a cercarlo sulla mappa, perchè non sapevo dov’era… e poi mi piacerebbe tanto sapere chi mi legge in Giappone…scusa potresti uscire allo scoperto e dirci cosa fai in Giappone, caro lettore???

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Comptine d’un autre été:

  1. Alessandro scrive:

    Jap
    … probabilmente il lettore sarà Toyo Ito. Ciao

  2. vincenzo scrive:

    film
    ti consiglio di vedere Scoop e Babel e per divertirti un pò Il Diavolo veste Prada (simpatico)…
    Ciao e buon divertimento……aaaa dimenticavo L’imbroglio.

  3. Roberto scrive:

    Anch’io..
    Ciao Giordana.
    Scopro oggi il tuo blog, cercherò di leggermi di corsa il più possbile. Perchè ti scrivo? perchè da martedì inizierà anche la mia di avventura a Barcellona. Lascio Milano, il lavoro e il resto e per due mesi sicuri mi butto nella splendida città. Chissà che un giorno non ci si incontri.
    A presto!
    Roberto, architetto

  4. Francesca scrive:

    Consigli cinematografici
    Ciao Giordana è la prima volta che ti scrivo anche se è un casino di tempo che segue le tue avventure! Rompo il ghiaccio consigliandoti due film assolutamente fantastici: “Nuovo Mondo” di Crialese un meraviglioso affresco, (alquanto attuale), sull’immigrazione italiana in America, e “Little Miss Sunshine”…..beh il film più tenero, ironico e divertente che abbia visto negli ultimi anni! Ti assicuro che il finale è assolutamente entusiasmante!
    Un Bacio e buon soggiorno a Napoli!
    Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *