DESIGN AND MUSIC

MUSICA

MI TERCER CONCIERTO DE U2

El concierto de U2 se ha transformado en un aurtentico espectaculo. Peró la musica que podiamos escuchar en los anos 90, no es la misma.
Quisaz porque hay mucho mas rock y menos pop, quisaz porque la voz se esta alejando de BONO y para reemplazarla, intentan de distraer el publicos con efectos escenicos. Me pareceria una buena idea, si el grupo no fuera tan empeñado en en las fronteras sociales, sobretodo las africanas donde una buen aparte de la humanidad se muere de hambre. El porque es de facil intuicion. Los Snow Patrol dignos acompagnantes de un grupo como los U2, han echo un opening de todo respecto! El cantante Gary Lightbody ha dado prueba de una gran profesionalidad adelante de un publico que evidentemente no era el suyo. 360 grados, queremos hablar de esto? Que el palco este situado en el centro del estadio, no tiene dudas, se vee, esto presupone con las miticas paserelas movibles, que los protagonistas se vayan un poquito por todos los lados; pues no, no fue así y en la parte de detras, donde estabamos nosotros, no vinieron que por medio minuto.
Amo U2, desde toda la vida, y seguiré emocionandome escuchando canciones como One Y With or without you, pero cuando hay que ser objetivos…hay que serlo hasta al final. El stage disegnado por Mark Fisher es un colosso, nunca he visto un escenario de este tipo, y la sincronia entre las luces y los golpes de bateria que siguen el rock, provocan escalofrios sobre todo el cuerpo. Con la luces verdes, color de la esperanza cantan One, y los flash de las camaras parecen miles de estrellas en el cielo sobre Berlin.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

20 risposte a DESIGN AND MUSIC

  1. magda scrive:

    risposte varie…
    e’ vero… il tuo e’ un bel blog, non ho dubbi; tanto vetriolo e un po’ di acredine senza dubbio si leggono nelle tue parole; peró continuo a non avere dubbi sul fatto sia un blog molto molto personale, che di architettura ha poco; a livello tecnico e di esperienze…
    non credo sia sufficiente appiccicare foto di edifici e viaggi per essere architetto;
    ecco tutto; p. architetto e’ una bella pagina web;
    non e’ un elenco che mi citi che rende una persona professionalmente competente; lo sanno tutti e credo che lo sappia anche tu;dietro a un progetto ai tante tante persone…

    non credo che il tuo blog “stoni” su p. architetto, solo si tratta di scritti di una persona che ama l’architettura, come tante.peró che non la FA.
    Non la tocca in diretto, non la manipola, non la soffre… capisci cosa voglio dire? che non ha l’angoscia di una consegna, di un termine burocratico, di una normativa che non quadra;

    bel blog, fresco.
    ma assolutamente leggero…come altri.. che forse meriterebbe una parte sua;
    di architettofila, ma non di architetto.
    solo e’ il mio punto di vista; spero non ci siano altre risposte con veleno.

  2. Giordana scrive:

    x Magda
    Allora Magda, stamane sono molto sbrigativa, perchè ho veramente altre cosette a cu pensare. ti pregherei di pesare bene le parole quando dici che una persona come me ama l’ arhcitettura ma non la FA. Non mi conosci e non sai assolutamente come è organizzata la mia vita professionale. Non vedo perchè dovrei spiatterlala ai 4 venti.questo blog è il blog di un architetto che fa una vita normalissima. Non c’ è assolutamente veleno nei miei scritti, solo un consiglio, mi pare che tu ti sia persa molti post, in cui si parlava di burocrazia nel nostro settore, problemi strutturali e di design. Se non conosci la storia di questo blog, non lo puoi assoluatemnte criticarlo superficialmente come stai facendo.Poi se hai bisogno di leggere la tensione e il dolore, come tu stessa indichi, dettati dalla pressione per una consegna, allora hai sbagliato blog. Amo il mio lavoro e non lo trasformo mai in angoscia.

  3. michele scrive:

    ha ragione magda

  4. Giordana scrive:

    ragione o no
    peró consentitemi, se scendete ai livelli di torto o ragione, invece di argomentare e parlare di punti di vista, siete di una pochezza…alquanto sconcertante. Ogni frase che esprimete non é soggetto a critiche, sembrano tutti dogmi i vostri. ah..Santa pazienza!

  5. anna scrive:

    concierto? Meglio concerto
    Ciao Giordana, sapevo che al tuo ritorno da Berlino avresti scritto un bel post sul concerto degli U2 …. ma non mi aspettavo fosse in spagnolo!!! Stò un pò a rosicà (come si dice a Roma) perchè non riesco a capire granchè 🙁
    Pensi di poter fare un sunto, magari una piccola traduzione per chi come me ha difficoltà a leggerlo e soprattutto non ha assistito e non assisterà (purtroppo) ad alcuna tappa del tour?
    Grazie e alla prossima

  6. Daniela scrive:

    cara Magda…
    Cara Magda, pur rispettando il tuo punto di vista mi permetto di dissentire..Chi l’ha detto che fare architettura voglia dire travaglio interiore, sofferenza spasmodica, consegna al fulmicotone, eruzioni cutanee da stress e forfora? Forse questo è quello a cui ci stanno abituando…o forse è una via per fare architettura. Ma concordo con Giordana quando dice che non è l’unica via. Inoltre per quanto riguarda la critica al blog..anche su questo avrei da ridire..io credo che a volte può uscire un pò fuori tema, ma anche nelle cose più improbabili ci trovo sempre una citazione “creativa” (qualsiasi ambito riguardi..design, architettura o l’arte pasticciera!). Tra l’altro ci ho anche trovato parecchi spunti..Anyway, è la mia opinione.
    p.s. l’altro giorno riflettevo sui capi che ho avuto in questi due anni di professione/tirocinio…stressatissimi, lontani dalle famiglie, caimani con il sorriso da agnello, nevrotici incapaci di godersi il pochissimo tempo libero che gli rimaneva…tutto questo mentre serseggiavo un caffè in compagnia del cane del mio ragazzo e buttavo giù qualche schizzo per un concorso di design…E pensavo che per fortuna non c’è un’unica via..

  7. magda scrive:

    mhn…
    soffrire l’architettura, vivere l’angoscia…
    sono parole scritte con un punto di vista relativo; ho due bambini… 30 anni…
    sono felice, equlibrata, faccio barbecue con i suoceri…
    peró questo non significa che non vivo momenti difficili con l’architettura; non sfrutto e non sono sfruttata;

    peró’ disegno, cancello, ri disegno, elimino…
    penso, marco, sottolineo, uso la carta, rinocheros, autocad, la matita, 3d studio, scontrini, fogli…

    non so se sono un buon architetto, nemmeno mi importa. peró sono architetto, fino al midollo.
    con difetti, limiti, e errori.
    giordana, no. e’ tutto. forse solo una mia opinione, che non richiede giri di paole. e con questo, davvero lo scrivo e lo dico. non voglio insistere di piú.
    non voglio ribattere o contraddire il tema. un saluto a tutti e alla “propietaria” del blog.ciao!

  8. Giordana scrive:

    x Magda, ancora una volta.
    mi sento disarmata, mai avrei pensato di avere tra i miei lettori, persone di una ottusitá senza limiti. Magda la tua é ottusitá, se non capisci e non rifletti sulle tue affermazioni. Non puoi, (non ne hai materiale sufficiente a tua disposizione, o forse ne hai e non lo sappiamo?prepariamo concorsi insieme noi due?) dire quello che io faccio e quello che io non faccio. Ma stiamo scherzando? Ma come ti permetti? che ne sai della mia vita professionale? delle stampe, degli schizzi, delle foto, dei programmi che uso o non uso, della mia posta elettronica con chi ha a che fare? di quello che io creo, progetto, respiro e vivo momento per momento? Cosa ne puoi sapere tu? Su che contenuti e fatti, puoi giudicare fino a che punto io sono architetto? e chi mai ti chiede paragoni con il tuo essere architetto? ( questa poi…apriti un blog se vuoi parlare di te, qui non ci interessa…)scrivi ” forse é solo una mia opinione?” se fosse una opinione no scriveresti nei termini in cui lo fai. ” io sono architetto, Giordana NO” solo persone prive di cultura ed equilibrio ( quello vero) possono effettuare delle critiche e dare giudizi totalmente infondati, trasformandoli in dogmi. Tu hai fatto esattamente questo.
    Ricordo che la crocetta in alto a dx é sempre pronta, aspetta solo il tuo click.

  9. michele scrive:

    non c’è, non ce ne mai stata, di architettura su questo blog. viaggi, concerti, tuttalpiù qualche citazione di architettura, ma null’altro. giordana lo sa, ne è cosciente e tutte le volte che qualcuno glielo ricorda va su tutte le furie…basta scorrere i post per rendersene conto…

  10. Daniela scrive:

    ……….
    Premessa: non scrivo per difendere Giordana. Innanzitutto è tosta parecchio da farlo da sola. Secondo non sono solita perorare cause per coloro che non me lo chiedono direttamente.

    Ma una cosa la devo difendere: il diritto a dire no ai pressapochisti convinti esclusivisti! Ma non solo nell’ambito della nostra professione..ma in qualsiasi ambito! E’ come dire a priori che i napoletani sono tutti chiassosi, gli svizzeri sono tutti precisi, i francesi sono tutti romantici..Mio Dio, Buddha, Shiva, Allah o noi stessi direttamente: liberaci dai portatori insani di convinzioni granitiche!
    Fine delle comunicazioni (in merito).
    Saluti.
    Daniela.
    P.s. Giordana confessa…tu la carta non la usi!!! E non sottolinei nemmeno, ti ho vista io…

  11. Giordana scrive:

    Michele
    Michele non capisco perché se insoddisfatti dei contenuti, sempre qui tornate. la crocetta in alto a destra vale anche per te sai? mica é proprieta esclusiva di Magda!un altro che ha perso una buona occasione per stare zitto.

  12. B. scrive:

    Mi sorge spontanea una domanda.
    Su PA ci sono 10-15 blog ? nn li ho contati ma poco importa il numero esatto. Tutti a mio avviso parlano di vicende personali, fatti e misfatti della vita quotidiana del rispettivo proprietario. Ognuno a modo suo parla di tutto e non solo di architettura. Nessun blog è un resoconto di questioni legate al solo ambito professionale. Perché allora la sola a non essere architetto è Giordana? Perché l’intervento di Magda lo trovo solo qui su questo blog? A meno che non mi sia sfuggito sugli altri. Non è necessario rispondere… Cmq io non uso Rhinoceros (mi pare si scriva cosi), non sono architetto nemmeno io. Consolati Giordana siamo in due a non esserlo 😛

  13. giordana scrive:

    x B. ( sarebbe meglio il nome e non 1 lettera)
    I post sui dettagli dei restauri, sui progetti a Dubai, le foto in cantiere, nessuno ha visto niente. Come si dice ultimamente un mio amico, criticare e giudicare é il nuovo mestiere nazionale in voga.
    Comunque é sempre carino vedere che prendete le mie difese…é ovvio ne sono lusingata.
    ciao B. grazie

  14. Lu scrive:

    mi permetto…
    io qui ho letto molto di architettura e comunque A NOI QUASSU PIACCIANO TANTO LE TUE TRASVERSALITA’…:)!!!
    un bacio

    Lu

  15. B. (lo so lo so è meglio il nome...) scrive:

    Ma chi è l’architetto?
    Giordana, non è questione di difenderti 🙂
    Il punto è che invece di stare qui a polemizzare su il perché e il percome uno è meno architetto di qualcun altro sarebbe piu interessante capire chi è oggi l’architetto. Sai io non credo che l’architetto sia solo colui che disegna, scrive, cancella, sottolinea, appallottola (si scrivera cosi?!) la carta, usa 100 software, passa la sua giornata tra tecnigrafo e plotter. L’architetto è anche quello che torna a casa la sera con le scarpe sporche di fango, i capelli bianchi, i polmoni pieni di gesso, puzzolente come una capra e che nn vede l’ora di buttarsi sotto una doccia piuttosto che mettersi a disegnare l’ennesimo dettaglio…tanto lo sa dove va a finire il suo disegno preciso e pulito una volta arrivato in cantiere.
    Quello che mi ha lasciata perplessa nel messaggio di Magda é proprio la mancanza della parte “sporca” del mestiere di architetto. Se fossi Madga oserei dire che lei non è un architetto completo visto che “disegna, cancella, ri disegna, elimina… pensa, marca, sottolinea, usa la carta, rinocheros, autocad, la matita, 3d studio, scontrini, fogli…” pero non va in cantiere, non alza i tombini della fogna per controllare che le pompe funzionino, non si sporca la giacca di pittura fresca, non porta almeno 100 volte i disegni in cantiere, non spiega, non cambia in opera, non trova soluzioni al volo, non litiga, non cerca il compromesso, non misura, non sposta sacchi di cemento, ma per fortuna (o sfortuna?!) non sono Madga e nn mi permetto di declassarla al ruolo di “non architetto” solo perché ha omesso di descriverci la sua esperienza sul campo. Mi chiedo: l’architetto è davvero solo l’artista che passa il suo tempo a cercare l’idea geniale e trasferirla su carta o è anche altro? Mi sa che difficilmente la mia domanda troverà risposta…

    Ora me ne vado a casa a farmi sta doccia e domani con il mio disegnino pulito pulito stampato per la 101 volta me ne andro in cantiere a litiga con il falegname sperando che le nuove pompe funzionino e non mi ritrovi ricoperta di…vabbè questa è un’altra storia 😛
    Saluti a tutti
    Bruna

    Postilla: tutti gli errori sono dovuti o all’uso della tastiera QWERTZ o al fatto che mi sto dimeticando l’italiano. Chiedo venia 🙂

  16. Giordana scrive:

    x B. ( posso svelare il nome? tanto nella mail mi compare…)
    vi ricordate quando stavo nella CLAR e andavo sugli “andamio” ; le impalcature esterne di edifici a 12-14 piani? mi sentivo male, tremavo dalla paura e lo facevo. ma la mia collega, a 10 cm da me, in quel periodo doveva stare in un cantiere dove si rifacevano le tubature, gli scoli della acque nere. e quando andava giu con gli operai, anche se avevano avvisato i condomini di non usare il wc, c´era sempre qualche idiota che lo usava e scaricava… Io un incarico cosí non lo varei mai accettato. mi fa schifo la merda! mó non so perche ho raccontato questa cosa…
    Io mi sento cosí felice se penso alle esperienze che ho fatto in cantiere, anche a Dubai…
    vabbe sciaooooooooooooo
    B. ma quindi sei all´estero?

  17. B. scrive:

    lo so che compare…
    Giordà! Ho già firmato con il mio nome quindi suppongo nn sia un mistero…il B. è un vizio 😛
    Si si sono all’estero! ma ho sempre un piede in Italia dove torno ogni 15 gg…sai l’amore fa fare cose impensabili 🙂
    Ciaociao Bruna

  18. rosy scrive:

    Questa e’ bella
    Ma chi ha stabilito quello che fa in assoluto un architetto?
    L’architetto e’ quello che disegna in rhino, cancella, ricancella, fa i barbecue, va in cantiere, fa la mamma contemporaneamente, si spalma sul tecnigrafo….ma che scemenze dite????
    se c’e’ una professione che veramente non puo’ essere incasellata in luoghi comuni e puo’ essere svolta con mille sfaccettature in base alle proprie caratteristiche personali, quella, vivaddio, e’ la nostra professione. ho conosciuto architetti diversissimi fra di loro, alcuni animali da cantiere, altri inguaribili romantici degli schizzi sul lucido, altri maghi di 3d studio, altri ancora fantastici managers e venditori di se’ stessi,
    altri supertecnici e amanti dei calcoli…l’architetto e’ un po’ tutto questo, ed e’ il bello di questa professione. e non capisco come magda si permetta di definirsi piu’ architetto di giordana ( ma di chiunque al suo posto).
    primo perche’ la cosa in se e’ alquanto stupida dato che non esistono i 10 comandamenti dell’architetto, e poi del tutto infondata in relazione al fatto che bisognerebbe avere una conoscenza molto approfondita del soggetto in questione ( giordana appunto) per arrivare ad una tale affermazione ,
    che non credo magda abbia…
    con tutto il rispetto magda ma se fossi cosi’ equilibrata e contenta di te non credo che avresti bisogno di venire su un blog e proclamarti’piu’ archtetto di qualcun’altro.
    un’ ultima cosa…trovo veramente sciocche le critiche ai bloggers perhe’ non parlano di architettura o di quello che il lettore vorrebbe leggere.
    il blog da che mondo e’ mondo nasce come spazio personale in cui si esprime la personalita’ di chi scrive e si decide di accedere,
    non e’ un servizio pubblico addetto ai desideri e alle esignenze dei lettori, non viene catapultato nelle loro caselle mail,
    ma sono i lettori stessi che decidono di accedervi. ognuno dei blog su pa ha un taglio particolare in base ai caratteri e alle peculiarita’ dei bloggers.
    e soprattutto ognuno scrive cio’ che ha voglia di scrivere nel suo spazio personale.
    chi li legge e’ perche’ si ritrova nel modo di pensare di uno di noi, non abbiamo mica firmato un contratto in cui ci veniva chiesto di parlare di architettura per aprire i nostri blog su pa? anche se giordana parlasse di pizza e fichi ne avrebbe tutto il diritto nel suo spazio personale, e soprattutto avrebbe tutto il diritto
    di stare su pa se ha tanti lettori a cui piace leggere di pizza e fichi

  19. giordana scrive:

    x rosy
    mmmm pizza e fichi, bona la combinacion!
    Rosy sto a dieta e ho sempre fame!

  20. barbara scrive:


    http://nuke.mollotutto.com/Default.aspx

    Per chinque voglia seguire la tua strada…
    Una gran bella strada a mio avviso ….
    l’ho visto oggi, magari lo conosci già..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *