In bocca al lupo

Abbiamo  festeggiato tutti insieme appassionatamente in un ristorante, eravamo al consueto incontro mensile del gruppo di fb, con la particolaritá che stasera eravamo 60 italiani. Per un momento abbiamo pensato che dopo l´incontro al colle, Napolitano si dimettesse…

Quando abbiamo avuto la notizia definitiva, con chitarre e matteria abbiamo cantato Bella Ciao. Beh un pó i brividi mi sono venuti.

Peccato che sia stata l´ Europa e la paura per il suo patrimonio a farlo cadere e non  gli italiani, lenti e distratti e un pó ciechi  !!!si potevano tirare fuori prima la bandiere.

 

In ogni caso faccio un grandissimo in bocca al lupo all´Italia che merita un buon governo, l´italia precaria e quella che lavora sodo, l´Italia che paga le tasse. In bocca  al    lupo all´Italia PULITA.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a In bocca al lupo

  1. antonella scrive:

    Qui a napoli ieri sembrava capodanno e/o carnevale!!!anche noi abbiamo brindato fino a notte fonda, ripercorrendo i 17 nefasti anni di “berlu-nanesimo”.Sicurmente ci ha lasciati in una situazione pietosa, ma non averlo più tra le …. è un buon INIZIO!!!
    Siamo liberi finalmente!

    Anto

  2. anna scrive:

    Hai ragione è una vittoria amara perchè in 17 anni ne ha combinate così tante che risollevarsi e trovare la strada giusta sarà molto molto dura…
    Però oggi è il giorno dei festeggiamenti ed è sacrosanto goderseli tutti 🙂

    Baci

    Sempre più bello Danny boy

  3. Bianca-Hamburg scrive:

    Ancora con l’euforia addosso…mi sono svegliata alle 4 di notte e ci ho scritto un post.
    E chi se lo scorda questo 12 novembre 🙂
    In bocca al lupo Italia!

  4. stefania scrive:

    Giordi….purtroppo non c’era molto che la gente comune potesse fare…nelle uniche occasioni in cui siamo stati chiamati a pronunciarci Mr. B ha preso delle sonore mazzate (vedi Pisapia, De Magistris, referendum etc.), che ormai non avesse più la maggioranza nel Paese era evidente, ma purtroppo in Parlamento si comprava i deputati e quindi ad ogni voto di fiducia la sfangava. Di manifestazioni di piazza ce ne sonob state eccome, purtroppo non tutte finite bene come abbiamo visto. Obiettivamente eravamo in una situazione in cui la gente comune non poteva fare granchè se non linciarlo….ma pare che non sia democratico :-).
    A parte gli scherzi, io ero al Quirinale l’altra sera e devo dire che a prescindere da quello che hanno scritto i giornali, l’atmosfera che si respirava era bellissima…gioiosa, festosa, allegra. E’ stato bello vedere che non siamo stati annientati del tutto, che sotto la cenere c’era ancora la brace 🙂
    In bocca al lupo a tutti.
    Stefania

  5. giordana querceto scrive:

    Che dire, il problema degli italiani sta proprio li, si accontentano. Invece di dare una immagine di festa, forse si doveva dare una immagine di ribellione. Ribellione per un altro governo imposto. In maniera assolutamente antidemocratica. Monti é un altro carnefice, un esponente dell´elite bocconiana, la sua carriera in Europa è cominciata col primo governo Berlusconi, quello del ’94. é stato mandato Monti per risolvere i problemi patrimoniali dell´Europa che dipendono in buona parte dall´Italia, far risalire le banche ecc… e come? trapanando con duri colpi il tessuto sociale ancora di piú. Proprio il professore ha spinto verso le privatizzazioni, la globalizzazione, “mondializzazione selvaggia”, e ditemi voi é o non é questo il mix che ha favorito la crisi? C é da piangere….in piazza ci volevano altri cartelli. Ma il problema é che , chi si documenta e studia é ancora una minoranza assoluta.

    • stefania scrive:

      Sai Giò….in un primo momento già l’idea di avere a Capo del Governo una persona che non fa festini, che non fa le corna ai vertici internazionali, che non dice “culona inchiavabile” parlando della Merkel e che non apostrofa come “coglioni” tutti quelli che non votano per lui…..beh già questo ci è sembrato un miraggio. Certo avere un governo non frutto di elezioni ma imposto dall’alto sicuramente non è una cosa che ci fa impazzire. Purtroppo se il testa di m. si fosse dimesso un anno fa, quando era evidente che la situazione sarebbe precipitata e che il governo in carica non sarebbe stata in grado di gestirla perchè non aveva più la maggioranza e stavamo in mano ai capricci dei vari Scilipoti etc, avremmo avuto tutto il tempo di organizzare le elezioni, fare programmi, dare alla gente il tempo di capire i problemi e le ricette proposte dalle varie parti politiche per uscire dalla crisi. Purtroppo tutto ciò non è successo, ci siamo ritrovati in una situazione limite, sull’orlo della bancarotta, sotto attacco da tutti e l’unico segnale positivo che si poteva dare era un cambio al vertice. Obiettivamente nella situazione in cui eravamo arrivati non era possibile aspettare altri 2 mesi per fare le elezioni. A me in generale non piace giudicare le persone prima ancora di vedere cosa propongono e cosa fanno. Di pancia direi che persino il mio salumiere avrebbe fatto meglio di B. per cui ben venga il cambio. Staremo a vedere che farà Monti e se proprio farà male alle prossime elezioni saremo di nuovo liberi di esprimerci su chi ci deve governare, anche se detto tra noi il panorama è talmente squallido che se chiamata a votare oggi non avrei veramente saputo per chi farlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *