una notte ad Amburgo

Notte. Ascolto Gianmaria Testa e decido di scrivere un post.
Perché il mio amico blog, mi manca, enormemente.
Un bicchiere di vino bianco qui vicino a me. Vino FRESCO non come quello caldo che abbiamo bevuto a cena. Che cena noiosa! Tutti amici di un amico e noi catapultati li, che non si capisce come mai.. Sushi e vino. Il riso azzeccoso, il pesce insipito, perfino la salsa di soya non mi piaceva. Non capivo tutte le battute e non potevo intervenire. Bhe una serata sprecata per aver lasciato Daniel con Daniela. Nel senso che per una volta che facciamo i fidanzatini e ce ne usciamo, mi sarebbe piaciuto spassarmela un pó di piu.

Ma va bene lo stesso i miei 5-6 bicchieri di vino me li sono fatti. Anche se era vino caldo. Che schifo il vino bianco caldo. Peró loro carini, ospitali, una bella casetta. Nel bagno la carta igienica di Hello kitty e una pila di asciugamanine, tutte uguali, per gli ospiti.

Ecco, mentre scrivevo, ho trovato la cosa buona della serata. La casa dei ragazzi che hanno fatto il sushi dista 50 minuti da casa nostra , per cui ci ho dato sotto con l´ennesimo libro di  Jonathan Coe. Beh si, se non fossimo andati fin laggiú, non avrei avuto il tempo di leggere nel treno tante pagine. Mio figlio dorme. Quando sono tornata, l´ho baciato, chissá se nel suo mondo dei sogni si sará accorto che la mamma é tornata.

Certe sere ho tanta, tantissima voglia di fumare. Non siate malpensanti, di fumare sigarette. Non so se resisteró ancora senza fumare. Penso di no. Ma vedremo.

Qui fa freddo, metá aprile 5°. Non vi sembra un buon motivo per ripendere a fumare? 😉

Ci siamo organizzati per i prossimi 5 mesi. Danny boy al kindergarten , papá al lavoro e mamma a scuola. Poi a settembre si vedrá. La frequenza é obbligatoria e non ci possiamo muovere da Amburgo. A meno che non si faccia un finesettimana rubacchiando un lunedi, a Barcellona, o a Napoli o magari da qualche parte per ossiggenarci. Ossigeno viaggereccio, cura la staticitá.

Domani é un gran giorno. La lista degli italiani ( ad Amburgo) che aderiscono alla cena mensile che in genere organizzo, conta ben 60 persone. Avevo detto che dovevamo fare il botto e lo faremo. C´e anche la band di Armando che suona.

Vado a leggere Circolo chiuso, intrigante come gli altri libri di Coe.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a una notte ad Amburgo

  1. francesca scrive:

    bene dunque a casa! bilancio del lungo viaggio?? spero nel prox post..!

  2. anna scrive:

    Ciao e ben tornata nel vecchio continente!
    Se ti può consolare anche a Roma fa freddino e sono 2 giorni che piove
    quasi ininterrottamente….Pure i turisti sono spariti!
    Tieni duro puoi fare benissimo a meno delle sigarette, parola di ex-fumatrice! Ti sembra che tu ne abbia bisogno ma non è così! Attenta a non comprarle, però…Decisamente meglio un buon libro 😉
    Per quanto riguarda la serata sono sicura che ti rifarai alla grande con la cena “italo-amburghese”

    Alla prossima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *