una visita

Oggi ho avuto voglia di fare campeggio

Da qualche giorno vado bazzicando da quelle parti…e oggi, finalmente, ci sono passato. Gesù,…il mio vecchio terreno di progetto!!!! (Projecto III), tema abitazioni!!! Il classico groppone in gola, una vera e propria polpetta avvelenata per certi versi. Quanti ricordi sono cominciati a scendere dal cucuzzolo del dimenticatoio, …le idee progettuali, le mie amate idee progettuali che avevo difeso a spada tratta e che anche dopo questa visita continuo ancora ad approvare… le cose che mi avevano affascinato di quel terreno hanno continuato a farlo anche questo pomeriggio. Tanto tutto è immutato, il passare del tempo lo si legge solo sul viso delle persone. E tantissimi bambini, che prima non c’erano, che probabilmente hanno cominciato a popolare qualche scuola che forse prima non c’era. Meraviglioso e malinconico allo stesso tempo.
Il terreno è una bellissima pineta. Questi pini sconosciuti e altissimi solcano con i loro tronchi un cielo azzurrissimo perché si dà il caso che questo terreno si trovi su delle quote più alte rispetto al contesto. Il terreno si è salvato da un processo di urbanizzazione consistito nel pericoloso avvicinarsi di stecche di abitazioni. In 4 fasi hanno rubato ettari preziosi di altre pinete, ma ad un certo punto si sono fermati di fronte al terreno che ha creato come una specie di collinetta, una trincea naturale di fronte alle stecche della fase IV. È così grande ed abbandonato che in alcune sue parti è diventato una discarica a cielo parto. All’epoca del mio primo sopralluogo erano vestiti e qualche etto di grucce di plastica, oggi ci ho trovato un divano. Così, libero in mezzo al verde e ai pini altissimi, …faceva venire in mente una specie di salottino, a cielo aperto.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a una visita

  1. Ed scrive:

    sconcerto? generalizzo?
    e vabbè

  2. davide scrive:

    continua a scrivere d’architettura che e’ meglio… l’italietta e’ gia’ piena zeppa di tuttologi alla brunovespa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *