data stellare 22.02.2007

Eccoci qui. Anche stamattina. Oggi sono tutto solo a studio… mi sono rilassato, preso un caffè, acceso radio due (quanto mi piace…), consultato il forum http://www.skyscrapercity.com/forumdisplay.php?f=507 per la mia città. Quest’ultimo lo consiglio caldamente a chi, come me, è sufficientemente malato da leggere il giornale partendo dalla cronaca locale, per poter sapere SUBITO e TUTTO sui lavori in corso nella propria città, le iniziative culturali, i progetti. Ecco, questo forum, non solo fa una rassegna stampa un po “fai da te” ma cmq estremamente efficace, non solo non si perde nelle pippe mentali e nelle filosofiche discussioni (completamente inutili) che in tanti forum si fa sull’architettura…. questo forum parla di architettura. Punto. Meglio di così?! L’ho trovato per caso un giorno e da allora lo leggo tutti i giorni… è veramente pieno di chicche!
Dico quello che sto per dire, per amor di cronaca e per chi mi ha già spedito qualche mail domandandomi che ne penso di quanto accaduto al governo. Non voglio esprimere opinioni politiche, per evitare di trasformare l’angolo della posta e la mia mail in un campo di battaglia. Mettiamola così:
1. Apprezzo la coerenza di chi dice “Se non ci sono i numeri, dimissioni” e constatata l’assenza dei numeri, presenta le dimissioni. Non importa che queste poi vengano rigettate o si proceda con un bis, tris… ho apprezzato la coerenza, e non voglio commentare oltre. Non voglio sapere cosa succederà, non voglio commentare allargamenti, alleanze, rotture, inciuci. Qui si parla del mondo del lavoro e delle difficoltà che abbiamo dopo l’università, non di politica. Certo, c’è anche il rischio delle urne… e da qui mi nasce il secondo pensiero…
2. Sto iniziando seriamente a pensare all’espatrio… Ero orientato verso il centro-nord europa. Parigi, per esempio, visto che conosco il francese, ho un po di contatti e conosco benissimo la città. Devo dire però che leggere filippo e rosy mi fa sempre venire una stretta al cuore… un po perchè li sento vicini e faccio profondamente il tifo per loro, un po perchè muoio di invidia… quindi anche Londra non mi dispiacerebbe, visto che conosco anche l’inglese. Anzi, a sentire tanti amici, sarebbe perfetta. Ma devo tenere conto di diverse situazioni, non ultime le intimo-personali, che sono più orientate verso la Spagna. Non parlo lo spagnolo ma lo capisco (ho cugini sud-americani) e impararlo sarebbe il male minore. E la Spagna mi ha sempre attirato molto, se posso essere sincero…
La voglia di partire ci sarebbe anche, ma per il momento ho un problema chiamato abilitazione. Ricordate? Cosa è la laurea in architettura, senza abilitazione? ESATTO! L’alternativa ecologica alla diavolina!!!
Quindi rimarrò qui a difendere la posizione, un po come il famoso giapponese della famosa isola dell’oceano pacifico. In futuro… chissà?
Ora basta, devo lavorare 😉
Un abbraccio ragazzuoli!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a data stellare 22.02.2007

  1. luuu scrive:

    già…
    come ti capisco x l’espatriooo!!!
    anch’io avevo le tue opzioni..ma alla fine ..nonostante so poco l’inglese e molto bene il francese…ho optato x londra…pare che lì x il nostro lavoro sia un pò meglio..ma staremo a vedere!!
    e alle prese con il cv mi diverto leggendoti….
    (NATURALMENTE FACCIO IL TIFO X R. E F. DA MESIII..sono incredibili!!!)

    quindi ci si vede a londra????!!!

    buona giornata

    luuu

  2. babi scrive:

    anch’io!
    Anch’io vorrei tanto andarmene all’estero, mi piacerebbe un sacco la Spagna, ma anch’io ha il problema esame di stato. Per il mio indirizzo sarebbe perfetta, sono pianificatore territoriale, ma ultimamente qualche amico mi ha parlato della svezia. Sembra che lì cerchino pianificatori e non li trovino. Mi darò una scadenza, chissà!

  3. Claudia scrive:

    complimenti
    Ciao, sono Claudia, architetto barese di 29 anni, nelle stesse condizioni di tutti gli architetti squattinati e sottopagati….ahimè. Attualmente sono nella situazione “signorina, venga a lavorare otto ore al giorno nello studio, in prova, e poi vediamo…”

    Manco a dirlo, ho pochissime speranze che arrivi almeno il rimborso spese. Del resto l’ultima esperienza (800 euro mensili, meglio di molti altri ma assolutamente insufficiente per qualunque tipo di affitto a Bari+bollette+cibo+gasolio…) è terminata con la trovata: “ho un’idea! dal prossimo mese non ti dò più lo stipendio, così ti responsabilizzi e porti tu il lavoro in studio” (pure! non solo ti faccio da schiava, disegnatore cad e segretaria per minimo otto ore al giorno e mando avanti io tutto mentre tu cazzeggi, adesso sono io che ti devo trovare i clienti? e sarei io quella che si deve responsabilizzare ???)

    Purtroppo qui al sud vige la legge del nero, dello schiavismo e della mano che lava l’altra… con buona pace di tutte le belle speranze di quando eravamo studenti.

    Ho letto con piacere il tuo blog che mi ha fatto tanto ridere, cosa non da poco considerato che quello che dici è perfettamente vero e tragico! Ma si sa, si ride per non piangere!
    Pertanto, grazie per il momento di allegria che hai fatto materializzare nella mia giornata lavorativa. Faccio il tifo per te e tornerò a leggerti!

    Claudia

  4. Claudia scrive:

    sempre io
    scusa ma leggendo un tuo post un po’ più vecchio mi è venuto in mente un aneddoto… di una signora a cui ho fatto il progetto di ristrutturazione della sua sgangheratissima casa (costruita una stanza per volta da tre generazioni di muratori fai da te e casalinghe disperate) fino a renderla qualcosa che poteva a ben diritto chiamarsi casa. E lei? Viene a vedere il progetto e poi mi fa: “Oooohhh…è belliiissima, fantaaastica, meeeravigliosa! Ma… io non sono emotivamente pronta ad avere una casa bella, potresti farla più brutta?”

    Non commento nemmeno…

  5. rosy scrive:

    londra o parigi?
    dai simone vieni a londra….
    una mia amica con cui ho parlato qualche tempo fa mi ha detto che, anche lei disperata per il lavoro, eveva deciso di cercare fortuna a parigi e e` andata a fare dei colloqui…e sai che ha scoperto? che ora li` gli architetti italiani li vogliono per pagare meno la gente!
    ricordati, l`apertura mentale che hanno gli inglesi nei nostri confronti non e`paragonbile con come ci trattano i francesi…Ok per la bellissima spagna, pero`i miei amici che stanno li`mi dicono che la situazione e` definitivamente meglio di quella italiana, ma non poi di tanto…Allora vieni a Londra!

  6. Barbara scrive:

    Spagna
    Ti leggo da tanto ma non ho mai avuto il coraggio di scriverti, tante, troppe sono le cose che avrei da dirti, perchè nei tuoi post ho trovato mille riferimenti ad esperienze personali: il babbo-capo, gli amici-parenti che si improvvisano architetti-ingegneri, che ti chiedono un consiglio e poi danno ascolto al muratore, l’insofferenza per il sistema-lavoro italiano e non solo… ma ora che mi tiri fuori anche l’adorata spagna non posso più nascondermi!!! Anche io sto pensando di ritonare, perchè… leggi il mio blog (o per lo meno “tentativo di blog”, perchè non ha niente a che fare con i vostri qui che sono bellissimi): http://barbapu.spaces.live.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *