data stellare 28.05.2007

Ha piovuto a Roma. Temevo tirasse giù quattro gocce, mandando a mille l’umidità e facendoci soffocare tutti orribilmente. E invece fa addirittura FREDDINO…
Domani l’esame di abilitazione. Terza puntata.
Insomma, le cose più “impegnative” si sono limitate a 3 no? Star Wars… 3 episodi, no? E la serie nuova non conta! O fa conto di per se, quindi 3 + 3…
Matrix… 3 episodi, no? Le coppe italia! L’inter ha vinto la prima, la seconda e infine ha perso alla terza… CRTL-I (comando per il negativo di photoshop, gnurantoni!) e nel mio caso bocciato alla prima, bocciato alla seconda… e?
Lo sapremo tra un po. Un bel po, conoscendo i tempi biblici del nostro paese.
Tanti i messaggi ricevuti da molti ragazzi sparsi un po per tutta la penisola. Chi fa gli auguri, chi grida vendetta e vuole la creazione della lista di proscrizione.
Cui sono favorevolissimo, mi venga un colpo!
Ma ora no… ora dobbiamo essere concentrati sullo scontro.
I grandi generali del passato, prima di una battaglia decisiva, consultavano gli aruspici, offrivano animali, cercavano di interpretare i segni…
Noi, vi domando io… come dovremmo interpretare questa pioggia? Che abbia lavato via le orribili macchie della trama di questo paese? Che ci regali un foglio candido, lavato con le lacrime degli angeli su cui progettare il nostro avvenire e passare l’esame di abilitazione? E questo fresco? Cosa vuol dire? Che sia la nuova forza che rinasce dalle viscere della terra stanca di tanti soprusi che torna per regalarci l’energia necessaria ad affrontare questa ignobile prova? Che questo fresco sia il nuovo slancio necessario per combattere in aule altrimenti roventi, invivibili, dannate?

O sarà mica che la sfiga ci toglie così l’ultimo alibi? Per la serie mo’ non vi inventate cazzate: fa pure fresco…

Chissà perchè, il mio innato realismo…

In bocca al lupo a tutti i ragazzuoli impegnati nell’esame di abilitazione!
Vi abbraccio tutti!!!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a data stellare 28.05.2007

  1. miki scrive:

    AIUTO!!!!!
    ma simone, non mi puoi abbandonare così…
    Capisco il panico da esame, ma lasciarci così…senza una parola…per giorni… non ce lo meritiamo proprio!
    Mettiti nei miei panni, sto subendo il peggiore dei mobbing, sono completamente ignorata dal mio capo cialtrone che non mi passa più nessun lavoro!
    Non mi dire “cosa aspetti ad andartene?”
    perchè la risposta è ovvia: i soldi del mese!
    Se me ne vado prima non becco un euro!
    E il tuo verbo,così, è diventato per me, momento di svago e riflessione in queste mie giornate di navigazione solitaria……
    IN BOCCA AL LUPO PER L’ESAME!!!
    SPACCALI!!!!!!!!!

  2. Claudia scrive:

    dedicata a tutti voi, in un momento di delirio
    La vacanza

    La vita del caddista è proprio stronza
    Ci vuole una pazienza
    Io però ne son rimasto senza
    E’ una questione di sopravvivenza
    Mi serve una vacanza… vacanza… vacanza
    La vacanza è una speranza
    Che ti assale proprio dentro la tua stanza
    Se lavori ad oltranza
    Mentre il capo lì si gratta la sua panza.
    Con prudenza
    Lui ci pensa
    Se ti sfrutta può fregar la concorrenza
    E spacciare la sua assenza
    Per ricerca su tettonica ed essenza.

    Giovani giovani c’è ancora una speranza
    Prima che un fesso vi rovini l’esistenza
    Prima di avere uno scatto di violenza
    Vi suggerisco di pensare a una vacanza.
    E poi ci vuole solo un poco di baldanza
    Tanto si sa poi nessuno nota più l’assenza
    La panacea di tutti i mali è la distanza
    E poi ci si diverte con la vacanza.

    In vacanza l’ignoranza
    Si sopporta con maggior pazienza
    A distanza
    All’occorrenza
    Del cialtrone ti ricordi l’eleganza.
    In vacanza se ti avanza
    Una briciola di esultanza
    Con prudenza
    E intelligenza
    Pensa anche alla tua sopravvivenza

    Così da Genova puoi scendere a Cosenza
    Come da Brindisi salire su in Brianza
    Chi se ne frega del cialtrone, hai l’esigenza
    Di ignorare la sua esistenza
    No no no no non è possibile
    Non è raccomandabile
    Farsi sfruttare sempre fino all’indecenza
    E’ molto meglio dedicarsi a una vacanza
    Se vuoi tu chiamala latitanza

    In vacanza l’ignoranza
    Si sopporta con maggior pazienza
    A distanza
    All’occorrenza
    Del cialtrone ti ricordi l’eleganza.

    Dimmi che rimani che rimani
    E di domani in domani
    Dallo stipendio ti allontani
    In ogni caso muovi quelle mani
    La consegna è domani
    Dimmi che ci tieni che ci tieni
    E se non vieni
    In ogni caso mi appartieni
    Ti ricompenso con quest’aria che respiri
    Come prima
    Come ieri

    Dov’è dov’è
    Tutti si chiedono
    Dov’è dov’è
    Ma non mi trovano
    Lo sai che c’è?
    Che sto benissimo
    Fintanto che
    Io sono libero
    E poi perchè
    Ritornare da lui
    Quando dice che ne trova cento meglio di me
    Non riusciranno a prendermi
    Io resto qui

    La vacanza es un baile
    Que se baila nella latitanza
    Con prudencia y elegancia
    Y con un lento movimiento de panza
    La vacanza es un baile
    Que se baila nella latitanza
    Con prudencia y elegancia
    Y con un lento movimiento de panza
    E se io latito latito
    Mica faccio un illecito
    Se non sai dove abito
    Se non entro nel merito
    se non vado a discapito
    Dei miei stessi consimili
    Siamo giovani liberi
    Siamo giovani liberi
    E voi comodi comodi
    Sulle stuoie di vimini
    Sulle spiagge di Rimini
    Sull’atollo di Bimini
    Latitate da anni
    Con i soliti inganni
    Ma non latiti tanto quando capiti a pranzo

    E se io latito latito
    Mica faccio un illecito
    Se non sai dove abito
    Se non entro nel merito
    se non vado a discapito
    Dei miei stessi consimili
    Siamo giovani liberi
    Siamo giovani liberi
    E voi comodi comodi
    Sulle stuoie di vimini
    Sulle spiagge di Rimini
    Sull’atollo di Bimini
    Latitate da anni
    Con i soliti inganni
    La vacanza

  3. irene scrive:

    un applauso…
    Bellissima e divertentissima canzone! Complimentoni!!! Ti prego, dimmi che posso “accidentalmente” farla leggere al mio cialtrone…
    ciao e in bocca al lupo a tutti per domani!

  4. babi scrive:

    BELLISSIMA!!!!
    Cavolo Claudia… complimentoni per la canzone, è veramente bella!
    Ei Simo in bocca al lupo per l’esame di stato, io penso di darlo a novembre…ma non ne sono troppo sicura dopo aver letto il testo di una prova pratica di noi pianificatori. Vedrò! Più che altro, non ho voglia di regalare i 200 euro al Poli.
    Ciaaaoooo!!!

  5. Da scrive:

    esame?
    ?? allora Simo..ragazzi…
    come è andato l’esame??
    il tema com’era?
    ??siete sopravvissuti??
    Ciao Da

  6. patri scrive:

    ritorno alla vita……….
    Ciao Simone la giornata di ieri a via Flaminia è passata velocemente e alla fine sono soddisfatta di quello che ho prodotto in 8 ore di tempo. Amo l’architettura e non sarà certo un esame ad oscurare la mia passione che mi avvolge e mi proietta in un mondo fantastico ogni volta che la vivo. La vivo quando viaggio, quando sfoglio una rivista, quando contemplo un edificio di Foster o Calatrava, quando ascolto una conferenza, quando tutto per me è architettura perfino un fiore, quando penso che essere architetti è meraviglioso……….ciao e in bocca al lupo a tutti per i risultati dello scritto. Ciao e a presto da Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *