data stallare 22.06.2007

Siamo stati bravi anche questa settimana? Ci siamo fatti sfruttare da bravi schiavi ubbidienti? ci siamo fatti umiliare? Bravissimi!
Oggi i miei ringraziamenti vanno in particolare a una delle pupe della tribù, che mi ha risolto l’imbarazzo per la scelta del tema (ne ho circa 400 iniziati, e poi interrotti per mancanza di ispirazione. Non per ultimo l'”invidioso”, cui vorrei accoppiare il “maniaco”, in modo di rispondere in un’unica soluzione a M e a miras):
Lo schiavo Outbond
Il link al sito di Beppe Grillo è quasi scontato. Al punto che non l’ho mai nemmeno messo sul linkario.
Perchè? Prima di tutto perchè non sarebbe nelle mie intenzioni fare Spartaco e liberare gli schiavi. A me piacerebbe fare quello per cui ho studiato: l’architetto. Così come voi… Lui è il vero Spartaco. E se lo può permettere, anche in termini di battaglione di avvocati difensori. Io a malapena potrei buttarla in caciara, ma non credo aiuterebbe molto ai fini di una condanna per calunnia.
Dal suo scritto, cosa deduciamo? Che mobbing, precariato, schiavitù esistono sul serio. Non solo tra di noi, non solo tra i metalmeccanici, ma un po in tutta la fascia di quei poveri babbei che hanno trovato i soldi e il tempo per pagare un grasso e inutile stipendio ai viziati e talvolta incompeteneti professori uiniversitari.
La domanda è una: possibile che non se ne accorgano? Possibile che ancora nessuno si accorga del disastro che hanno combinato? Io non posso credere che qualcuno voglia FIERAMENTE rivendicare questa legge sul mercato del lavoro… E anche quanto scritto nel link che vi ho girato: il 10% che diventa tempo indeterminato… a me sembra anche troppo. Nel senso che nei POCHISSIMI casi che ho conosciuto di tempo indeterminato, il datore di lavoro voleva semplicemente un periodo di prova. Per motivi burocratici non era possibile fare il tempo determinato, allora d’accordo col dipendente si passava per quello a progetto, alla fine del quale (quindi con la prova andata bene), si passava all’assunzione come Dio comanda.
Ma questo non è un progetto che diventa tempo indeterminato. Dio mio come si può considerate TALE?
Quello che mi meraviglia, e per oggi chiudo, causa scandenza (non vorrete farmi lavorare di sabato, VERO?), è:
E’ mai possibile che debba parlare un “esperto” o un presunto tale per far percepire in alte sfere un problema che la popolazione conosce, vive, affronta e spesso avrebbe anche un paio di soluzioni?
Mah…
Chiudo ragazzuoli! Vi abbraccio forte forte!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a data stallare 22.06.2007

  1. miras scrive:

    discriminazioni 2
    ho segnalato questo annuncio all’osservatorio di professione architetto e l’hanno tolto…ah! ah! ah!
    ogni tanto qualche intralcio ai cialtroni si riesce a creare..

  2. Da scrive:

    venerdì..
    già..venerdì pomeriggio..
    nooooiaaaa!!!!!
    ma dove siete finiti tutti? ve ne andate al mare mentre io sono qui ad addormentarmi sulla tastiera del computer?
    precisazione sul post di qualche giorno fa..
    ti sei lamentato del plotter in bianco/nero.
    ma chi non c’è l’ha il plotter??? pensa quando stampiamo le tavole di prova prima di mandarle alla copisteria attacchiamo gli A2 con lo scotch,,
    beh, buon we a tutti 🙂
    Da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *