data stellare 29.10.2007

Basta, protesto formalmente! Ho capito che da quando sei diventato architetto te la tiri, ma ora la misura è colma! Smetti immediatamente di fare quello che stai facendo (cazzate, come al solito…) e corri ad aggiornare il blog! SCHNELL!

Dopo aver ricevuto un sms del genere, come potevo non correre ad aggiornare il blogghe?
…senza stare troppo a puntualizzare sul “quando” ho ricevuto questo sms, eh!
Dunque, la domanda più frequente è “cosa ne pensi dell’appellativo ?” Dunque… io le cose le vedrei con una certa elasticità.
Che esistano dei simpatici “fregnoni” che nonostante le due lauree e i tre master, si ostinino ad accettare lavori da terzo shampista a 200 euro lordi l’anno perchè non hanno ALCUN INTERESSE ad uscire di casa è oggettivo. Ne conosco personalmente (per quanto cerchi disperatamente di tagliare ogni ponte di comunicazione con queste figure dalla dubbia moralità). Ecco… questi sono i “bamboccioni” propriamente detti. E che vadano tirati fuori di casa e messi a produrre a badilate, non ci piove!
TUTT’ALTRO DISCORSO sono quelli che hanno un buon lavoro, una posizione rispettabile, una qualifica anche notevole e vivono a casa per una scelta personale. Non gli manca il denaro, non gli mancherebbe nemmeno la voglia, ma forse sono:
a. un po vittime della sindrome del 30enne
b. un po soffocati da una ragazza che preme per fare queste cazzatine che piaccioni tanto alle donne, tipo emanciparsi, vivere assieme, farsi una famiglia
c. ostaggio di una madre-padrona. C’è poco da scherzare… chi ne ha conosciuta almeno una sa PERFETTAMENTE di cosa sto parlando
Questi possiamo definirli “bamboccioni”? Personalmente li lascerei dove stanno. Producono, non occupano indebitamente alloggi. Che male ci fanno?
Infine abbiamo il ragazzo medio, con un lavoro pagato
a. male
b. poco
c. senza contratto
(il candidato barri una o più possibilità)
Dinanzi a SIFFATTE condizioni, poi, parliamo della disponibilità del nostro sistema bancario… Durante le rivoluzioni più cruente, durante le primissime ondate di fucilazioni, al muro finiscono sempre i banchieri.
Ora… ci sarà un perchè, no?
Che poi ci sia una botta di revisionismo che definisce la rivoluzione d’ottobre un atto che soffocò nel sangue la nascente democrazia russa… io domanderei ai servi della gleba (ancora esistenti allora)! Ma questa è un’altra storia!
Ecco… dinanzi a questa situazione, che un ragazzo possa farsi girare i rognoni è comprensibile, no? Oltre al danno anche la beffa! Gira una mail ultimamente, con un dettagliato rapporto… spiega COSA è ottenibile in termini di mutuo e casa con gli stipendi che ci passano oggi. Mandatemela, che va PUBBLICATA AD OGNI COSTO (che io ovviamente me la son persa…)
Non è finita qui! Compito di oggi: mandatemi quella mail che non posso continuare senza!
Attendo fiducioso!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a data stellare 29.10.2007

  1. sere scrive:

    solerzia…
    Chissà perchè usare la lingua tedesca sortisce sempre un certo effetto… he he he!
    per premiare la tua solerzia (5 giorni di sedimentazione per un sms in fondo non sono molti…) ti mando la mail dei bamboccioni…
    cià!

    Gentile Ministro Padoa Schioppa ,

    Sono un ragazzo di 30 anni, lavoro come operaio, vivo in periferia di una grande città e, ahimè, vivo ancora a casa dei miei.

    L’altro giorno ho sentito le sue parole in tv, e mi sono immediatamente identificato in coloro che lei definisce ” bamboccioni”, quei trentenni che lei vorrebbe “mandar fuori da casa”.

    Mi son detto: ” Grande Ministro, Lei ha ragione”.

    Mi sono così rivolto alla mia Banca per ottenere un mutuo.

    “Grande Ministro, avrò finalmente una casa tutta mia “, ho pensato!

    Guadagno 1.000 Euro al mese + 13esima e 14esima, le quali spalmate in 12 mesi mi garantiscono un reddito mensile di 1.166 Euro.

    Visto che la rata mutuo non può superare 1/3 dello stipendio, mi posso permettere una rata di 388 Euro al mese.

    Con questa rata mi viene concesso un mutuo di € 65.770 Euro in 30 anni (se aspettavo un altro po’, vista l’età, non me lo concedevano un mutuo trentennale… Grande Ministro, grazie per avermi fatto fretta! )

    Con il mio bel preventivo in tasca, ho deciso di rivolgermi immediatamente ad uno studio notarile, per farmi preventivare le spese che dovrò sostenere per acquistare una casa.

    Dai 65.000erotti Euro, dovrò infatti togliere:

    – Euro 3.000 circa di Tasse in fase d’acquisto (“solo” 3.000 euro visto che è la mia Prima Casa ! Grande Ministro, grazie)

    – Euro 2.500 circa di Notaio per l’acquisto

    – Euro 2.000 circa di Notaio per il mutuo

    – Euro 2.500 circa di Allacciamenti alle utenze acqua, gas, enel.

    Per un totale di Euro 10.000 circa

    Beh… ho ancora a disposizione ben 55.770 Euro per la mia casetta!

    La dovrò arredare, ovvio, mica posso dormire per terra…

    Mi sono rivolto così ad un mobilificio, per ora posso accontentarmi di una cucina, un tavolo con 2 sedie, un divano a due posti , un mobile tv, un letto matrimoniale, un armadio e due comodini… il minimo, ma mi conosco, mi saprò adattare.

    Euro 7.000 circa , se i mobili me li monto io! Beh… pensavo peggio!

    Ho ancora a disposizione ben 48.770 Euro per la mia casettina, sono sempre 90erottimilioni di una volta! Grande Ministro, grazie!

    Entro gasatissimo in un’agenzia immobiliare, è arrivato il momento…

    Con 48.770 euro mi dicono che posso acquistare:

    – un garage di 38 mq. al livello – 2 di un condominio di 16 piani;

    – due cantine (non comunicanti tra loro) di mq. 18 ciascuna nel condominio adiacente.

    Per l’abitazione più piccola ed economica – un bilocale trentennale di 45 mq. al piano seminterrato di uno stabile a 20 km dalla città – dovrei spendere 121.000 Euro!

    Me ne torno a casa Ministro, a casa dei miei, ovviamente!

    Ho fatto quattro conti: per potermi permettere quel bilocale, dovrei:

    – o indebitarmi per altri 63 anni, quindi l’ultima rata la verserò finalmente a 93 anni!

    – oppure dovrei guadagnare 3.000 euro al mese!

    Grande Ministro, grazie!

    MEDITIAMO… E FACCIAMO GIRARE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *