Soddisfazioni e licenziamenti

Simone passeggia. Fa su e giù per una strada romana. Non è una strada qualsiasi, no. E’ una strada romana. Degli antichi romani, forse? No, dei romani moderni e quindi in condizioni peggiori. Sanpietrini mezzi rovinati, grosse radici degli alberi sporgenti, i blocchi di travertino del ciglio mossi e con i loro pericolosi spigoli in fuori. Simone passeggia su e giù, fa sempre lo stesso percorso. E prende a calci una scatola di cartone. Quando è arrivato alla fine del suo percorso, gira attorno alla scatola e riprende a calciarla pacatamente. Così. Su e giù. Per ore, con calma, senza fretta, odio o astio. E mentre fa questo, ha il cellulare in mano
Licenziato
Come scusa?
Hai capito bene. Mi hanno licenziato
Ah
Eh… te l’avevo detto, no? Erano mesi che c’era qualcosa di strano nell’aria. Stamattina mi chiamano e mi dicono che non ci sono buone notizie per me…
Bel casino
Eh, lo so Bix…
Stop. Mettete in pausa il video. Simone rimane con la bocca aperta, il contesto si paralizza, la scatola rimane a volteggiare a mezzaria.
Bix e Neo. Succede qualcosa? Il telefono di Simone compone automaticamente questi due numeri. Se non c’è campo, ci sarà piccione; se i piccioni sono morti, ci sarà un falò con la coperta umida; se non funziona l’accendino una lantera è nei pressi; se non funziona la lantern… E BASTA! IL CONCETTO E’ CHIARO! Dicevamo…
Neo è l’anima razionale, è l’amico che ti ascolta per ore senza aprire bocca, cui spieghi tutti i dettagli di una complicatissima trattativa, cui racconti ore e ore di colloqui e poi analizza in tre parole “Conta quello che c’è scritto sul contratto. Tutto il resto è caciara”. Chiami Neo quando vuoi sintesi, rapidità di esecuzione.
Bix è l’anima laida. Il pirata, il mercenario, l’ambizione allo stato puro, il super-ego, il controllo assoluto. Chiami Bix quando vuoi sentirti bene, quando vuoi suggerimenti su come conquistare il mondo convincendolo oltretutto che VUOLE essere conquistato, magari con due o tre schiaffetti sadomaso sulle natiche.
Ok… e adesso? Emigri come previsto dal piano B?
Bella domanda… Ho una paio di questioni aperte, qualche mezza offerta all’orizzonte… magari resto ancora un anno, al massimo un anno e mezzo. Poi parto
E’ deciso dunque!” C’è un tono di entusiasmo nelle parole di Bix. Non perchè esulti per il mio licenziamento, figuriamoci: Bix è un fratello. E nemmeno perchè si toglie di torno la mia ingombrante presenza… Bix ragiona in modo lucido e razionale: se Simone si trasferisce in Francia, questo significa che Bix, la prossima volta che viene in Francia avrà un alloggio gratuito.
Come ti ho detto: prima sbrigo un paio di mille cose qui
Certo… comprensibile. Ma non c’è modo di rimanere?
Eh che ti vuoi rimanere? In Italia, poi?! Dovrebbe arrivare un’offertona… in Italia… per un architetto… LA SMETTI DI RIDERE SGUAIATAMENTE?!
Scusa… la sola idea di un’offerta in italia per un architetto mi fa scompisciare
Effettivamente… La situazione non è rosea: la crisi è a 360°. Il mattone non sarà mai abbastanza in crisi da avere licenziamenti di massa come nel settore metalmeccanico: troppi investimenti in alto per permettere una cosa del genere. Se fallisce l’edilizia, fallisce il sistema Italia. Ma gli architetti sono un bene sacrificabile… siamo considerati dei deliziosi orpelli… siamo la biancheria intima sexy in un rapporto sessuale: costosi, carini, duriamo circa 5 minuti e poi non hanno più bisogno di noi. La gente preferisce ripiegare sui mutandoni bianchi: non saranno carini ma costano meno… almeno dicono loro… e stringi stringi il risultato è lo stesso
Devo essermi perso un passaggio… noi ingegneri saremmo i mutandoni bianchi?” Bix è un ingegnere. Non edile, fortunatamente: siamo in competizione distruttiva su troppi campi per rischiare il reciproco linciaggio professionale. Ma la competizione tra architetti e ingegneri ci ha contaminato molto tempo fa… e non riusciamo a farcela passare
I geometri… intendevo i geometri… Voi ingegneri in camera da letto nemmeno ci entrate! Troppo impegnati a installare questo nuovo plugin per l’mp3 player
Noi almeno sappiamo usarlo un pc
Non ha tutti i torti… il mio penultimo capo era convinto che gli indirizzi IP avessero i numeri civici… ma tagliamo la parte dello scambio di insulti tra professionisti: andrebbe oltre la normale capacità di sopportazione di un essere umano medio. Riprendiamo dal momento in cui il discorso torna ad essere interessante
Questo è il paese delle leggende metropolitane, è il paese che ti insegna che studiare, impegnarti, approfondire, fare Ricerca… è tutto tempo perso: l’importante è avere la botta di culo. Sei laureato? Evidentemente non avevi voglia di lavorare. Hai fatto 18 lavori? E’ perchè non sei buono a tenertene uno. E proliferano le storielle, i racconti pittoreschi che fanno tanto paese delle fiabe… conoscerai SEMPRE qualcuno che ti racconta che quando ha fatto lo scrutatore ha trovato la fetta di prosciutto dentro la scheda con scritto
Prosciutto?
Dipende dalla regione… un calabrese ti parlerà di soppressata, un bolognese di mortadella… A Roma si sente spesso raccontare del ragazzo che ha l’incidente di moto, si alza, si toglie il casco e… c’è sempre qualcuno che giura di aver visto la testa del tipo aprirsi in due come un melone. Noi architetti, ad esempio, abbiamo il mito della casalinga designer
Megalomani… anche le Vostre leggende metropolitane…

Ci scherzi… prova a leggerti qualche forum di quelli dove queste signore si incontrano e riscrivono le regole della fisica e dell’edilizia… ognuna butta lì la sua esperienza personale interpretando il fenomeno in base alle sue parche, o porche se preferisci, conoscenze. Avrai chicche quali l’aria calda che va in basso, il fornello a te più vicino che brucia meglio perchè consuma l’ossigeno attorno al tuo corpo e poi il design… ahhhh… che meraviglia: ovunque tu vada a leggere, troverai SEMPRE la stessa storia. Una casalinga passeggia per la strada, quindi entra in un negozio di design. Dopo ore e ore di chiacchierate col proprietario, in cui lei da sfoggio della sua impressionante conoscenza, il proprietario le offre un lavoro perchè vede in lei la stoffa e la passione che i suoi architetti non hanno. Sì, il pezzo di carta c’è, ma ‘sti fighetti universitari non hanno davvero il pathos necessario. Lei ovviamente rifiuta, perchè ama troppo fare il sugo con le cipolle, ma questo dimostra come passione e voglia possano fare più di qualsiasi cosa… persino 5 anni passati a dare esami nei periodi più improbabili dell’anno, stando dietro a matti di ogni solfa…
Bellino
Ogni volta che ci penso, dopo il senso iniziale di tristezza, mi viene da ridere… A parte il commerciante che chiacchiera ore e ore.
.. Lei che fa, compra? No? E allora che vole? Ma può anche capitare il tipo gentile… ma te lo immagini? … con tutti questi architetti tipo bambini sfruttati, nel retro del negozio che alla luce di una lampadina appesa ad un filo disegnano e cuciono assieme pezzi di pallone…

Beh, non mi sembra che le vostre attuali condizioni lavoratire siano troppo differenti… no?
Ti odio…
Comunque hai ragione. E’ un paese dove il primo fesso che capita ha la pretesa di insegnarti il tuo mestiere. Ma tu ora che farai?
Te l’ho detto: ho un paio di faccende da sbrigare. Forse riesco a mettere insieme qualcosa, ma sulla lunga distanza migrare sembra la prospettiva migliore
Ma come si fa a licenziare COSI’?!
Quello che mi fa incazzare non è tanto il pensiero che devo andarmene. So che c’è crisi e so che dobbiamo fare TUTTI dei sacrifici… ma c’è modo e modo di fare i sacrifici. Tre settimane fa mi arriva il capo e mi dice di scansionare e mettere in archivio una ricevuta di pagamento. Ho soprasseduto sulla voglia di spiegargli che mi sarei laureato, ma ho deciso di accontentarlo. Butto un occhio e cosa vedo? Una ricevuta per un pagamento di un vaso di cristallo. Tremila euro. No dico… hai i soldi per un vaso di cristallo da tremila euro e poi mi vieni a raccontare che IO ti costo troppo? Ah chicco, ma i sacrifici qui dentro CHI li deve fare per salvare la TUA società?
Carino
Già… molto carino. Poi dicono che uno sbrocca e ha reazioni folli. Tipo l’altro giorno che un commesso di un supermercato, a milano, dopo essersi sentito rispondere che non poteva andare in bagno ha preso e tirato una cassetta di legno vuota al capo reparto
Una cassetta di legno vuota?
Già… ‘sto fesso… Ma io dico… Ma sei matto? Quello ti nega di andare al bagno e tu gli tiri una cassetta vuota?! Ma che ti costa prenderne una di quelle piene, no?
Ora ti riconosco. Ma ti hanno mandato via, così? Senza nemmeno una buona uscita?
Simone allora sorride. Si ferma e guarda verso il basso, verso la scatola di cartone ai suoi piedi
Oh beh… magari una buona uscita no. Ma mi sono preso… come dire? Una soddisfazione…
Stringi l’inquadratura sulla scritta della scatola… ok, rimani immobile su “estremamente fragile” ancora per qualche secondo eeeeeee… STOP! Buona! Grazie a tutti!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Soddisfazioni e licenziamenti

  1. david scrive:

    ti leggo da sempre, ma non ti avevo mai scritto finora: solo per dire, SEI UN GRANDE!!!!

  2. Daniela scrive:

    che dire…
    …veramente sono senza parole.
    Solo un grandissimo abbraccio e un immenso grazie..:)
    Con sincero affetto.
    Daniela.

  3. giordana scrive:

    DUBAI
    ho un’amica che cerca 2 architetti europei qui a Dubai. se ti interessa…scrivimi e sap pi che di blog da Dubai già ce n’è uno!
    saluti

  4. Claudia scrive:

    Ciao Simone,

    è capitato anche a me, già da qualche mese però. Sono dovuta tronare in Italia, all’estero è anche peggiore la situazione….in Italia forse, paradossalmente rispetto ad una crisi costante che dura già da molti anni, la situazione non è cambiata tantissimo, a Londra ad esempio s’è ribaltata. Per cui ti consiglierei davvero di provare a stare un po’ qui…(o Dubai, Cina, sono alternative) prima di intraprendere altre vie, almeno fino a che la bufera non passa… IN BOCCA AL LUPO! Cla

  5. giusy scrive:

    In bocca al lupo Simo!
    in 2 mesi anche da me hanno licenziato 2 persone…bella media eh! Incrociamo le dita.
    Un bacio
    giusy

  6. ste(ppi) scrive:

    Grandeee!!
    Grande SImo!!!
    ..ma perchè non la porti a Zelig quella sulle mutande???;)
    ..”miiii ha detto mio cugino che da bambino una volta è morto!!” (Elio!)
    Un abbraccio e un bacione!!
    Tieni duro!!

  7. ste(ppi) scrive:

    Grandeee!!
    Grande SImo!!!
    ..ma perchè non la porti a Zelig quella sulle mutande???;)
    ..”miiii ha detto mio cugino che da bambino una volta è morto!!” (Elio!)
    Un abbraccio e un bacione!!
    Tieni duro!!

  8. mrgrz scrive:

    crisi economica/baby doll
    nn se se è perchè sono nella stessa situazione……..ma mi è piaciuto molto il tuo post
    😉

  9. veronica scrive:

    preghiera
    preghiera intanto perchè qui ormai giusto quello si può fare…e pensare che son atea!

    e poi perchè ti SCONGIURO di far valutare i tuoi scritti da una casa editrice, lo dico sul serio.

    i tuoi post sono veri, amari e divertenti allo stesso tempo: fanne un libro! sarà il manifesto di una generazione (purtroppo?)

    ultima preghiera: se mai dovessi seguire il mio consiglio e dovessi avere un successo tipo gomorra con sucessivo espatrio conseguente alle mincacce ricevute dal temibile Ordine Professionale Riunito, NON cederne i diritti a quel cretino di muccino.

    in bocca al lupo

  10. benedetta scrive:

    GRAZIE!
    Ciao Simone, è la prima volta che ti scrivo! Sono laureata in Ingegneria Edile -Architettura, anch’io come i miei “cugini” architetti ho lavorato presso uno studio di Architettura a 8 € lordi all’ora, ho provato a ribellarmi e ne ho pagato le conseguenze, capisco il tuo stato d’animo e ti ringraziox quello che scrivi perchè sei la voce di un’intera generazione di laureati. Continua così! Grazie!!!!

  11. stefano scrive:

    era ora
    mi spiace per come sono andate a finire le cose con il lavoro.
    Certo è che sei veramente un lamentone. Per come scrivi e per quello che racconti. Ti lamenti di ogni cosa, ma sembra (dico sembra) che ti piaccia essere dipendente o subordinato. Chiarisciti il fatto che se tale sei (anche se solo temporaneamente) sei un costo che deve produrre qualcosa, e come tale perfettamente sostituibile. Se in più nell’ambiente lavorativo metti quella saccenza in terza persona che usi in queste pagine, devi essere realmente inospportabile. Tira fuori le palle, valuta bene le opportunità offerte e quelle che ti puoi creare tu, magari insieme ad altri, ed evita di ammorbarci (chiaro che possiamo non leggerti, ma non aggiungi nulla alle pagine delle esperienze professionali di questo sito) delle tue turbe tardo-adolescenziali. Nessuno ti deve niente per natura, conquistati stima e “autorevolezza” nell’ambbiente professionale, anche guardando cosa vuol dire nell’ambiente che ben conosci tenere in piedi una struttura in uno studio professionale.
    Prendi quello che ti è successo come pretesto per cambiare registro e rimboccati le maniche. C’è sicuramente bisogno più di gente per bene che di lamentoni, in ogni campo. Buon Natale, S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *