metti un sabato a londra….

no, we can’t. maybe

ma lasciateci provare.

(grazie della foto a Chiara Zilaghe)

io c’ero perchè mi era stato assicurato che non ci sarebbero state altre bandiere se non quella italiana e quella viola. era vero.

c’ero perchè mi avevano promesso che i toni della discussione non avrebbero assunto accenti volgari, beceri, scomposti, e che la discussione ci sarebbe realmente stata. era vero.

c’ero perchè mi avevano detto che, almeno qui a londra, la manifestazione avrebbe raccolto i malumori di tutti, da destra a sinistra, e avrebbe dato loro una voce. era vero. il titolo della manifestazione forse era fuorviante, o magari sono stati aggiunti contenuti via via che prendeva forma. ma non mi interessa. finché si grideranno cose in cui credo griderò anche io. anche da sola o con pochi intimi, all’occorrenza.

c’ero perchè mi mortifica, come italiana e come essere umano dotato di raziocinio, che in Italia si continui a definire politica una sottospecie di programma contenitore a reti unificate, un reparto geriatrico sbrindellato e sudicione, popolato di mafiosi e culi al vento.

c’ero perchè sono stufa di sentir parlare di società come un’entità evanescente a cui tutti e nessuno sembrano appartenere, a seconda della convenienza. io non sono la società, non lo sono nel bene e nel male, ma per fortuna ho ancora un corpo e una voce, e non sono evanescenti (voce soprattutto…). e questi ho portato, sabato, il mio corpo e la mia voce. insieme a tanti, tanti altri, più di quanti avessimo pensato.

grazie a tutti

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a metti un sabato a londra….

  1. Mario scrive:

    ciao eleonora
    Ciao Eleonora, seguo da molto tempo il tuo blog e lo apprezzo molto ma onestamente sta cosa dell´antiberlusconismo all´estero te la potevi anche risparmiare. Queste manifestazioni fatte in Italia sono controproducenti. Fatte all´estero sono patetiche.

    Let´s all observe a moment of silence for all the good ideas killed by demagogy

  2. eleonora scrive:

    mario
    grazie del tuo punto di vista. tendenzialmente sarei stata piu’ contenta se avessi argomentato sul perche’ sono controproducenti o patetiche, a seconda che si calchi il suolo italiano o meno, ma va bene cosi’. accetto comunque di essere definita patetica, sai, non mi interessa. come ho scritto non ho nessun problema a dire quello che penso e a manifestarlo pubblicamente, anche dovessi rimanere pateticamente da sola 😉

    la demagogia…mah e’ un’altra di quelle parole di cui tutti si riempiono la bocca e che assume colori diversi a seconda di chi la pronuncia.

    ciao 🙂

  3. Ce scrive:

    Non rimarrai mai sola
    Non rimarrai mai sola Eleonora!
    Il tuo blog e’ uno dei piu’ belli!
    Qualcuno che spara a zero senza ragione c’e’ sempre!

    Saluti e complimenti
    (almeno per me sei un esempio!)

  4. Mario scrive:

    please don’t let me be misunderstood.
    Cara Eleonora, ti scrivo perche´ non voglio essere frainteso. Scrivi benissimo, in modo intelligente e divertente: ti seguo gia´ da tanto (quando scrivevi ancora dalla Toscana e con piu´ frequenza) e mi sento molto affezionato al tuo blog.
    Sono anche convinto che potresti farci tranquillamente un libro di successo e magari ricavarne un film.
    Penso pero´ che sarebbe sbagliato cominciare a scrivere un blog politico, per seguire forse solo una moda… e ritengo la strategia dell´NO BERLUSCA DAY veramente controproducente perche´ concentra tutta l´opposizione unicamente sui problemi giudiziari del Presidente del Consiglio. Tutti gli altri problemi del Belpaese passano in secondo piano e Berlusconi vede addirittura aumentare i consensi (purtroppo e´ vero)…..

    Anche se abbiamo opinioni diverse, a quella splendida persona che scrive un blog altrettanto splendido, i miei migliori complimenti e auguri per un grande futuro!

    P.S.:
    sono felicemente fidanzato altrimenti ti avrei gia´ chiesto di sposarmi.

  5. Marco Tabacco scrive:

    Good vibrations
    Ciao Eleonora,se hai bisogno ,noi giriamo il mondo e poi mia mamma è senese ed io ho frequentato l’ABA a Firenze (bei tempi ) e da genovese tirchio non ho potuto fare a meno di lasciare un pezzo del mio cuore in Toscana,dove torno regolarmente.
    Guarda un pò se ti interessa quello che facciamo http://www.tabaccosecco.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *