è arrivata la primavera?

è arrivata la primavera? bhe qui oggi si è dimenticata di passare…ho disegnato un sole con un pastello giallo e l’ho attaccato alla finestra del mio salotto!!!embè… le cose belle se non arrivano bisogna immaginarsele o crearle….

ieri sera all’Espai de danza i musica, nello splendido quartiere di Gracia, ho assistito ad uno spettacolare concerto di Peppe Barra, il primo di una serie di eventi che UDITE UDITE apre il ciclo “Els napolitans” .Potente fautore della musica napoletana sviluppata con un’eccellente teatralità, il maestro ha concluso con una autentica e originalissima tamburriata nera:

inizia come di consueto con un 1-2-3-4- e il publico risponde 5-6-7-8- in dialetto napoletano… e poi attacca…

brividi ragazzi brividi davvero il foclore, il colore, la grinta, il coraggio della mia città per una sera a Barcellona……..

Tammurriata Nera

Io nun capisco, ê vvote, che succede…
e chello ca se vede,
nun se crede! nun se crede!
E’ nato nu criaturo niro, niro…
e ‘a mamma ‘o chiamma Giro,
sissignore, ‘o chiamma Giro…
Séh! gira e vota, séh…
Séh! vota e gira, séh…
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo, o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…
II
‘O contano ‘e ccummare chist’affare:
“Sti fatte nun só’ rare,
se ne contano a migliara!
A ‘e vvote basta sulo na guardata,
e ‘a femmena è restata,
sott”a botta, ‘mpressiunata…”
Séh! na guardata, séh…
Séh! na ‘mpressione, séh…
Va’ truvanno mo chi è stato
ch’ha cugliuto buono ‘o tiro:
chillo, ‘o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…
III
Ha ditto ‘o parulano: “Embè parlammo,
pecché, si raggiunammo,
chistu fatto nce ‘o spiegammo!
Addó’ pastíne ‘o ggrano, ‘o ggrano cresce…
riesce o nun riesce,
sempe è grano chello ch’esce!”
Mé’, dillo a mamma, mé’…
Mé’, dillo pure a me…
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo…’o ninno, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a è arrivata la primavera?

  1. Carmen scrive:

    Pasquetta
    Cara sorellina Giordanina, dolce e affettuosa, che non riesco proprio a sentire, a parte il 16, giorno del tuo arrivo.
    Conosci il mio invito per Pasquetta, si presuppone faccia bel tempo e la Sardegna ti aspetta.
    Dolcissima amica, ho bisogno di sentirti e di raccontarti gli ultimi sviluppi tra me e Donato (finito tutto).
    Mi manca la verve di un’amica viva e solare come me, che abbia voglia di vivere e sorridere.
    Ti voglio bene, come sempre, e ricordati che qui tu sei la benvoluta.

    Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *