SAME SAME BUT DIFFERENT

SAME SAME BUT DIFFERENT

La Thailandia , dolce cara Thailandia.

Chi ha visitato almeno una volta il sud est asiatico, sa que questa frase ironica, è diventata la frase piu famosa da queste parti, negli ultimi 10 anni. Tutto deriva dal fatto che i negozianti o mercanti, che vogliono venderti un prodotto, a qualsiasi domanda si faccia, risponderanno sempre SAME SAME BUT DIFFERENT. le magliette con questa scritta, le ho viste in ogni paese del sud est asiatico. (ovviamente prima di lasciare la thailandia, ne comprerò una, perchè poi in fondo, può anche essere una frasetta con una sua filosofia…)

La thailandia delle ragazze giovani abbracciate ai turisti 50enni e dei bambini di 4 anni che vanno in giro da soli, vendendo ghirlande di fiori, è una realtà, cruda, ma è una realtà fatta di sorrisi e gente dolce.

Le spiagge, di questa bistrattata Phuket, mal consigliata da tutti, perchè troppo turistica, sono fantastiche, sabbia bianca finissima, piena di silicio, quindi sembra di galleggiare e l’acqua del mare, raggiunge sempre varie sfumature del verde..

Il tutto viene incorniciato, dal fatto che una birra al tramonto, in una località come questa, all’after beach che domina la baya e le spiagge di Phuket, ti fa realmente vivere la dimensione di una vacanza….

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a SAME SAME BUT DIFFERENT

  1. catia scrive:

    WOW
    Ohh…my God!!! It’s wonderful.

    Kisses
    Catia

  2. Clara scrive:

    la Thailandia
    E’ una foto mozzafiato, nel senso proprio che ti lascia con il fiato sospeso. Come non credere ad un essere Supremo che ha ordinato così bene tutte le cose. Lo spettacolo della natura è troppo bello esso ti eleva e ti proiettano oltre, verso dimensioni che cominciano ad acquistare consistenza già quì. Un bacio. A breve uscirà un libro tratto dal blog di Fabrizio: I COLORI DI FABRIZIO – una vita straordinaria, il coraggio di essere diversi.

  3. valentina scrive:

    WOW
    Ciao Giordana: che invidiaaaaaa!!! Io sono qua a scervellarmi per metter su questa tesi e tu che addirittura intervisti il mio personaggio chiave! Proprio stamattina sono stata in una libreria per cercare il suo ultimo libro, ma non l’ho trovato! Accetto volentieri una tua mano! E da qui in poi:grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

  4. valentina scrive:

    dimenticavo…Buon viaggio e buon lavoro! Baci

  5. valentina scrive:

    Conto di ricevere una mail con i retroscena dell’intervista! La curiosità mi sta divorando…

  6. Marina L. scrive:

    tramonto
    Cara la mia giordana….se mi piace la fotooooo? Stupenda! E anche il post mi è piaciuto un sacco, si sente anche che sei entrata in modalità vacanza….abbronzati tanto, rilassati e pensami di tanto in tanto.

    Ps, una delle nostre foto a Tokyo, la foto del trio, sta appesa al muro di casa IN BELLA VISTA!
    Bacio

  7. marcoe scrive:

    bellissima
    Tecnicamente qualche purista della fotografia avrebbe da ridire,ma per quanto riguarda il significato..è perfetta perchè si lega perfettamente al tuo post.
    Ciao cara,buon viaggio.
    PS: sono a Londra sai?

  8. giordana scrive:

    ken yeang
    retroscena dell’intervista a ken yeang, aveva 3 macchiette di salsa sulla camicia bianca ( cosa che mi ha fatto stare subito bene….;-))) e due mani enormi! ma con queste enormi mani grassoccie mi ha fatto degli schizzi per farmi capire la sua teoria sulla biosfera. mi ha anche invitata a colazione e mi ha regalato un libro, ovviamente con dedica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *