Ho preso una laurea

basta cosi…non mi fermerei piu….

costa come una utilitaria. Io lavoro da 20 anni e ho scelto di comprare una utilitaria di fantasia per girare veramente tanto….

Ho preso una laurea in architettura con 110 e lode, in cinque anni e una sessione. ma questa [e una cosa che fanno in molti..quindi non gli do peso.

la cosa meritevole e che durante questi famosi 5 anni, dietro la facolta c-era un posto che puzzava di patate fritte e carne bruciata, presso il quale, mentre i miei amati colleghi, facevano le loro lunghissime partite di tressette, io lavoravo e sudavo, tutti i giorni per avere a fine mese il mio stipendio. Dormivo e mangiavo a casa dei miei, lo stipendio andava al 60% tutto alla posta. Arapete na bella libretta a post, e’ la frase delle nonne napoletane!!!

quei risparmi nel corso di tutti gli anni universitari, piu sostanziosissime e meritatissime borse di studio, mi hanno permesso di cominciare e credere in una vita all-estero.

e quando dopo il turno di sera, i miei colleghi del McDonalds uscivano e mi chiedevano se andavo con loro, avevo pronta sempre la stessa risposta> no guarda, domani ho un corso alle 8, oppure no la settimana prossima ho un esame.

questo come premessa….

Poi, come sapranno i lettori attenti e pluriennali di questo blog, quando lavoravo come architetto nella VODAFONE, accettai uno stupendo lavoro di Restauro di un edificio, sulla gran Via de las cortes Catalanes, dopo aver vinto un concorso privato a inviti.

che significava? svegliarsi alle 6 tutte le mattine per stare in cantiere alle 8, e sgusciare alle 9 alla Vodafone nella fumosa parte di Barcellona. Nell-ora di pranzo, tornavo al cantiere e mangiavo in piedi il solito panino pan tumacat

amb pernill, mentre davo ordini e controllavo quello che stavano facendo. Il venerdi pomeriggio, libero alla Vodafone, c-era la riunione settimanale con quelle due cacacazzi delle mie clienti, e tutti gli operai. Il fine settimana lo passavo a controllare preventivi di provaider, a disegnare dettagli e a cercare qualche altro cazzo che mi avevano chiesto le due arpie.

tutto questo per almeno 10 mesi. 14/15 ore al giorno di lavoro per 10 mesi. [e ovvio che il gioco doveva valere la candela, infatti chiesi un sacco di soldi e me li dettero tutti! Addirittura i miei colleghi catalani, ancora oggi mi dicono che chiesi una cifra molto alta. Per il resto quando a Barcellona, si ha un buon curriculum, lavoro da 7 anni, non si ha difficolta a trovare lavoro. Sono fiduciosa per il ritorno.

Altra parte che a qualcuno e sfuggita, e tutto scritto nel blog, basta spulciare, dopo il mio primo viaggio in Australia, quando era appena finito il contratto con la Vodafone, vedi ottobre 2006, Giordana e andata a scaricare bottiglie d-acqua, mentre aspettavo le risposte dei pochi curriculum mandati.

credetemi scrivo con totale tranquillita, se qualcuno pensa che il denaro di questo viaggio viene da profumati conti familiari si sbaglia di parecchio…

e la cosa piu bella di fare questo viaggio, appunto e non dover dare conto a nessuno, prendere taxi e stanze negli ostelli o hotel, senza preoccupazione alcuna. Senza che nessuno ti ricrimina nulla.

Una piccola cosa carina, a Marzo la proprietaria dell-appartamento in cui vivo da molti anni, normalmente mi aumenta. L-ho chiamata per dirle che stavo in Peru e non potevo andare a firmare l-aumento, chiedendole la cifra esatta, in modo da poterla comunicare al mio direttore di banca, per il pagamento. anche io vivo di affitto, bollette e cavoli vari…

La maggior parte dei giovani tra i 27 e i 33, a Barcellona, ha un casa di proprieta con un mutuo in corso. Perche la qualita di vita lo permette. Ovviamente per fare cio si deve dare una entrata. c-e chi come me sceglie di fare il giro del mondo. I miei coetani hanno tutti una macchina, io non ho mai avuto nemmeno la patente.

per quanto riguarda Laura, devi credere nelle cose, nei sogni, crederci tanto tanto, qualcosa deve cambiare. per tutti gli altri, andate via se potete dall-Italia, se fossi rimasta nella mia bella Napoli, avrei avuto la stessa vita che hanno i miei ex colleghi universitari, addobbano vetrine di negozi e fanno ristrutturazioni di appartamenti di conoscenti e parenti, mentre io fino a maggio scorso ero il direttore di cantiere di un altro edificio da restaurare il cui cliente era il comune di Barcellona. ……non cliente mio, ma dell impres a presso la quale lavoravo.

Ma sapete quanta gente fa il giro del mondo o di parte di esso? tantissima e non ho mai visto un italiano. tutto li sta. l-italia spezza le ali a chi vuole volare. E visto che io di voglia di volare ne ho semopre avuta tantissima, sono andata via a 25 anni, subito dopo la laurea.

comunque mo mi e passata la voglia di parlare di macchu picchu.

mi bevo un bicchiere di vino e vado a nanna.

ps una cosa che nessuno mette in conto, io, per grazia ricevuta di Dio, ho i miei genitori che schiattano di salute, ma stare lontani tutta la vita da loro e molto triste.

ps 2 rileggendo, e pieno di errori, ovvio sta tastiera fa caga….


http://it.oneworld.com/enit/ow/flight-info/itinerary-planner

clicca su questo link e vai a destra se vuoi sapere un itinerario intorno al mondo quanto costa.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Ho preso una laurea

  1. giordana scrive:

    x carlo
    carlo sei di una pochezza esasperante!! non lo sai che 4 carte di credito possono benissimo appartenere a un unico conto_?
    portare 4 carte di credito, che in spagna si pagano 8 euro all anno e non 50 come in Italia, e solo una formalita, per sicurezza, se per caso si smagnetizzano.
    esci da quell Italia che ti fa essere cosi piccinoooooooooooo e smettila di chiamarmi arrogante, un prossimo messaggio e ti censuro. quindi non perdere tempo.

  2. giordana scrive:

    un utilitaria fatta di fantasia per girare tutto il mondo.
    sempre diretto a Carlo
    parli di rispetto? ma come ti permetti scusa? qui l unico che manca di rispetto sei tu.
    il giro del mondo , ho controllato adesso su google, per essere sicura, costa come una utilitaria economica!
    io a 14 anni, facevo i gelati all ippodromo di Agnano. tu dove eri a 14 anni? pensi che in 20 anni di lavoro me la possa permettere una utilitaria fatta di fantasia per girare il mondo?
    ps x chi pensa che il giro del mondo costa una assurdita, sappiate che non e vero. esistono i biglietti multifermate dell alleanza ONE WORLD che si vendono in base alle miglia che si sceglie di percorrere e costano 2000 3000 3500 4000 euro!!! non cifre allucinanti!! in sardegna come diceva laura, una settimana costa 2000 euro in un villaggio turistico! se si dividono questi prezzi per i voli che si hanno, nel mio caso 16, andare in polinesia o in nuova zelanda, costa come un ritorno a casa da barcellona a napoli con alitalia.
    e quest e….

  3. Beppe scrive:

    Volere è potere
    Mia carissima Giordanella. Sono tra quelli che conoscono fin troppo bene il tuo back ground familiare, avendone in qualche modo fatto parte (da vicino di casa/amico di famiglia per chi non lo sa). Pertanto le tue giustificazioni a me non servivano. Il tuo post mi ha permesso di mettere insieme qualche tassello che il tempo, la lontananza, la famiglia (quella che mi sono creato), il lavoro. mi avevano fatto perdere. Tu sei la dimostrazione che chi vuole, può. tanti giovani delle Ns parti si lamentano sempre e non agiscono. Ci vuole intraprendenza, spirito di sacrificio, capacità ed un pizzico di fortuna e pure gli (inesistenti nel tuo caso) fondi familiari diventano inutili.
    Secondo me il problema non è “quanto spendi” o da dove prendi i soldi, ma solo come li spendi. E se questo è quello che vuoi, ben venga Ad maiora.

  4. B. scrive:

    uffi…
    Ma è possibile che si debba sempre polemizzare su tutto! Il risultato qual’è? che invece di trovare stamattina un post di impressioni su MaPi mi devo leggere le gustificazioni (neanche dovute poi) di Giordana sul perchè e percome puo fare un viaggio in giro per il mondo! Che alla fine credo interessi a pochi. O meglio sarebbe anche interessante sapere quanto costa un giro del mondo, come poterlo organizzare, gli aspetti piu divertenti e piu noiosi, etc etc…ma a me francamente sapere come e perchè G. l’ha organizzato e con quali fondi interessa ben poco!
    Vabbè io aspetto sempre che ti ritorni la voglia di parlare di MaPi.
    B.

  5. catia scrive:

    Perchè?
    Sinceramente, il post non lho letto, non per una offesa a te ma per il semplice fatto che non ritengo sia necessario giustificarsi verso chi non ci conosce affatto. Chi siamo per giudicare? E soprattutto, senza sapere il passato delle persone, la loro storia, i sacrifici, etc etc non è giusto farlo. Cerchiamo di essere più flessibili e meno puntigliosi sui rapporti con le persone (che si conoscano o meno), capita a tutti un momento difficile, capita a tutti mancare di educazione qualche volta, capita a tutti non essere sempre al top…nella vita ci sono cose più incasinate a cui pensare che soffermarsi su ciò.
    Saluti Catia

  6. Sara Maria scrive:

    La major part de jovent no te casa de propietat
    Ho sento, discrepo en aixó de que el joves de Barcelona entre 27 i 33 anys tenen un pis en propietat, pagant hipoteca… Això és completament irreal. Justament les manifestacions dels últims mesos, per la situació de la vivenda a Barcelona, ho demostren, i les dades també.
    La major de part de joves, fins a 45 anys (i m’hi incloc jo) no tenim pis en propietat per que no el podem pagar!

  7. sara scrive:

    😉
    meno lamentele e piu’ coraggio di seguire i propri sogni!!!!!

  8. val scrive:

    e’ che solo chi lavora davvero sa cosa vuol dire poi prendersi una vacanza vera; e solo chi lavora davvero poi ha i mezzi per farlo…ci sono pochi girotondi…lavori= ti impegni= ti prendi pause= ricominci…

    almeno, io l’ho provato sulla mia pelle ed e’ cosí.quindi…cara gio “impippatene”, come dice mia mamma, degli altri…ovvero fai spallucce e goditi la tua “utilitaria”;
    bacio:=)

  9. dante scrive:

    “Fama di loro il mondo esser non lassa;
    misericordia e giustizia li sdegna:
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa.”

  10. Caterina scrive:

    per Val
    certo che il vino cileno produce strani effetti… Un periodo di vacanza (non di studio) di un anno lo chiami pausa? Un libero professionista se lascia il lavoro per un anno, secondo te, non perde i committenti (dei quali sta seguendo personalmente i lavori) e la sua credibilità?
    Fammi sapere…

  11. daniela scrive:

    brava giordana!!!
    Che bella risposta! Ammetto che talvolta nn amo le tue repliche..(jamm nù poc’ arrogante o’ ssì..;)) però stavolta veramente mi sono arricreata! Mi è sembrato di vedere la moglie di Totò in Miseria e nobiltà che alla fine urla…”aaah, alla facciaccia vostra!”…eheh…Scherzi a parte..condivido pienamente!!! Odio chi si lamenta. E odio anche me che spesso cado nella trappola dell’autocommiserazione. Qua il culo chi più chi meno ce lo facciamo tutti! Per quanto esistano delle penalità nella vita non è detto che chi nn ne abbia cmq faccia una strada in discesa. Quindi basta criticà! E tu fatti un bicchiere di vino alla salute mia..;)…
    Un abbraccio partenopeo.
    Daniela.

  12. giordana scrive:

    architecTour
    x caterina
    in questi 6 mesi di viaggio, alla fine saranno 7 credo, ho creato e portato avanti per il mondo il mio architecTour, un progetto che prevedeva le interviste a KENGO KUMA, COX, LYONS, EDWARD SUZUKY, KENNETH YEANG, CLORINDO TESTA, ENRIQUE BROWN, PTW y altri architetti. il materiale raccolto gia gode di una offerta di pubblicazione. Anche se non mi convince la casa editrice, speriamo che non leggano!!hihihihi. Poi parallelamente sto scrivendo e raccogliendo appunti per scrivere un altro libro stavolta che si concentri sulle persone, luoghi, odori , sapori e colori del viaggio, che e’ il libro che spero comnprerete.
    quindi come vedi io in realta 7/8 mesi di vacanza sono stati associati ad attivita didattiche e professionali.
    A Barcellona, io non ho clienti propri, ma ho moltissimi buoni contatti , ( 7 anni di studi, imprese costruttrici e cantieri) soprattutto persone con le quali ho lavorato in modo sereno e corretto. Da queste persone mi aspetto una mano al rientro. Potrebbe darsi che si dimentichino di me, ma il rischio e tutto li. la sfida e’ questa. In ogni caso hai fatto una affermazione giusta. spero la mia risposta tu abbia soddifatta.

  13. Diane Pepin scrive:

    Hi! I hope this works because I can’t understand any Italian….

    I miss you Giordana! I am very impressed with you and your fearlessness. I wish there were more women like you in the world. I hope this is a trip you will never forget! Your pictures are beautiful. I only wish I could translate all of your blog.

    I hope to see you soon! Feel like coming to Montreal? You can stay with me any time for FREE. 😉

    Kisses,
    Diane xxxxxxxxxxx

  14. Catia scrive:

    A chi lo regali?
    Quanto stai bene in questa foto e come ti dona questo maglione verde!!! A chi lo regali ad ester o a ME?????
    :-))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *