ho tardato tanto

IL RITORNO A CASA

ho tardato tanto a scrivere questo post perchè il ritorno è stato un’inondazione di doveri, ai quali, ovviamente avevo perso l’abitudine.

quando ho aperto gli occhi la prima mattina in camera mia, avevo stampato sul viso, un sorriso che rimbalzava da una parete all’altra e riempiva tutta la stanza. Dopo 12 ore dal ritorno, quando nemmeno tutti gli amici erano stati informati dell’evento, era già pronto nel mio destino barcellonese, un lavoro che mi avrebbe rubato 12-13 ore al giorno, per circa 7 giorni.

Per entrare ancor di più in quell’atteggiamento naif da idealista-viaggiatrice-romanticasognatrice, vedendo già nitidamente, la mia posizione di scrittrice che si bilancia tra una economia e l’altra, mi ci sono tuffata a capofitto.

CONDIZIONI DELLA LA CASA

Non ho avuto, quindi, nemmeno il tempo di vedere in che condizioni i ragazzi, mi avevano lasciato la casa. l’ho scoperto questo finesettimana. a dire la verità niente male, con tutti i conmfort al suo posto! birre in frigo, scorta di carta igienica, e tutti i detersivi nuovi!

a parte questo devo dire che mi posso ritenere fortunata perchè:

il ferro è tutto graffiato in quanto un chiodino fuoriesce dal tavol da stiro, dico io, toglilo invece di rivinare il ferro, che è nuovo…

la mia padella antiaderente, testimone di numerose cenette prelibate, oramai è dabuttare, perchè ci hanno grattuggiato con coltelli e forchette, ed è venuto via, a pezzi, lo strato antiaderente….

nel bagno un neon è fulminato e nell’altro bagno il lavandino ha seri problemi nel tragugiare acqua, se ti lavi i denti devi stare attento, perchè si riempie subito…la mia analisi: è mezzo otturato…

Una parte del’imbottitura del divano è stata smontata, e aspetto la venuta di mia madre, affinchè con molta pazienza lo rimetta a posto.

tutte le piante alte sono morte.

per non parlare delle cose che non trovo e che chissà dove saranno…

di tutto ciò non ho minimamente parlato ai due fanciulli ai quali ho lasciato il mio appartamento, (saranno al corrente della mia minima scontentezza da questo blog) perchè , considerando quello che c’è in giro…, ripeto, posso ritenermi fortunata di aver trovato quasi integra la mia casetta.

emozioni E PROGETTI

“non ti viene in mente di dire : se muoio domani, per lo meno ho fatto quello che volevo?”

mi chiede Sandra, un’amica catalana, che ha fatto un giro del mondo, molto ridotto rispetto al mio, ma in ogni caso sempre RTW. Sandra ha già scritto due manuali su come si viaggia, e se li è pubblicati da sola.

è sabato sera, davanti ad una scadente pizza al prosciutto le dico:

“Si, realmente un pensiero del genere si fa….”

Mi sento in ogni caso emozionata, e molto più paziente, tollerante e flessibile.. In un altro momento avrei già chiamato 3000 volte Daniel per gridargli tutta la bile scaturata dalla sua poca attenzione per le mie cose.

mi sento come in una strada scivolosa, scivolo di qua e di là, a metà tra compostezza e vaga elettricità, ma senza aver paura di cadere. Ho solo bisogno del mio nuovo equilibrio, che spero non tarderà a venire.

confidando nelle mia memoria e nei miei appunti di viaggio, nei prossimi mesi il mio lavoro sarà quello di scrivere. Mi sono data una scadenza, entro la quale se il libro non è completato, si scende in campo architettonico, comunque.

E non solo per una esigenza economica, ma per una necessità fisica. ho bisogno di progettare. scrivere il testo su architecTour, mi fara in ogni caso sentire architetto, ma se non c’è disegno e non c’è discussione e vendita ai clienti delle proprie idee, probabilmente non c’è, per me, soddisfazione personale.

tra una manciata di orette, decolla il volo della ryanair, per portarmi a Roma. la trafila seguirà autobus, fino a Termini, e treno fino a Napoli centrale. Mi fermo in terra partenopea 48 ore esatte per tornare sotto la gonna materna qui a Barcelona. L’emergenza è davvero grave, lo so. in questi casi, mi sa che una preghiera a San GENNARO è veramente quello che ci resta da fare. Perchè per eliminare 5200 tonnellate di rifiuti, ci vuole solo un miracolo.

e quest’è.

statevi bene

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

12 risposte a ho tardato tanto

  1. simona scrive:

    lavorare in spagna
    Ciao giordana sono simona, una neolaureata in architettura U.E.. Sarei tanto interessata a lavorare in Spagna in uno studio, non so ancora se a madrid o a barcellona e volevo avere da te qualche consiglio anche in base alla retribuzione e alla possibilità effettiva di trovare lavoro. Ti ringrazio anticipatamente e spero che tu possa aiutarmi.

  2. giordana scrive:

    DURAN DURAN
    uffa…niente solo per dire che mentre Ligabue era in concerto a Barcellona io ero in Messico, e mentre i DURAN DURAN saranno in concerto matedì a Barcellona, io sarò in quel di Napoli…ma dico i DURAN DURAN??? e se venissi a vederli in Italia?? a giordà e pinatala con le fregnacce!!!nuncestanalira!!!!

  3. Marina scrive:

    Attenzione sui binari
    Ma da Roma a Napoli ci stanno quelli che decidono di suicidarsi sotto un treno come fanno i giappi dalle mie parti? Baci e buona permanenza.

  4. g. scrive:

    x la tokyana
    marina spero tu non sia stata testimone di uno di questi suicidi…deve essere terribbile.

  5. Salvatore D'Agostino scrive:

    Intervista
    Gentile Giordana Querceto,
    da qualche tempo ho aperto un blog che indaga su alcuni aspetti marginali dell’architettura, una prima inchiesta è nata con delle interviste sul mondo del blog e l’architettura. Un’altra inchiesta (che vorrei iniziare) è sul mondo degli architetti “immigrati”, quel fenomeno che in Italia con un eufemismo chiamano ‘fuga dei cervelli’. Ho trovato il suo blog solare e interessante, se era possibile le vorrei chiedere un’intervista per iniziare la mia rubrica.
    Cordialmente Salvatore D’Agostino
    http://wilfingarchitettura.blogspot.com/

  6. Barbara scrive:

    Bentornata!!
    Un bacio e a presto!!!

  7. Marina scrive:

    Treni
    No, per fortuna non ho ancora assistito e spero mai…terribile lo è davvero. Un bacio!!

  8. Glu scrive:

    tra le varie cose
    tra le cose da fare … valorizzare il sito … che te l’ho fatto a fà? a presto!

  9. stefania scrive:

    Ciao Giordana,
    non so se faccio in tempo ma mi pare di aver capito che dovresti ripassare da Roma oggi (48 ore da lunedi dovremmo esserci!). Io sono ritornata oggi dopo quello che tu sai e sono in ufficio, se passi da termini oggi me lo fai sapere? Ciao
    Stefania

  10. sebastiano scrive:

    info lavoro barcellona
    Ciao, mi chiamo sebastiano, ho 28 anni, a gennaio del prossimo anno otterrò la laurea specialistica in costruzioni presso la facoltà di Venezia, e una laurea presso la facoltà di Buenos Aires dove ho vissuto per più di un anno grazie ad un programma di scmbio tra i due atenei, vorrei terminati gli studi trasferirmi a Barcellona, vorrei lavorare e percepire uno stipendio che rispecchi le mie capacità, poter affittare un monolocale con la mia ragazza e costruirmi un futuro (cose che in italia sono impensabili) è solo un sogno oppure si può realizzare? grazie

  11. Carmen scrive:

    LIGABUE
    LIGABUE SARà A CAGLIARI A LUGLIO, VIENI IN SARDEGNA ALMENO…………..2 PICCIONI CON UNA FAVA……BACI

  12. simona scrive:

    ..è uno scherzo?
    …ma questa Chiara Cazzulani che vi ha infestato il blog – tuo e dei tuoi vicini – ma esiste davvero? ma come mi stanno simpatici questi che vi mettono la pubblicità sul blog!!!
    bentornata giordana, grazie di tutte le tue foto del mondo che hai visto, anche quelle sull’acquascooter! e grazie di tutte le cose che hai scritto, un’oasi di pace e relax tra i miei vari copia&incolla… baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *