story of stuff

ECOLOGIA

ENERGIA SOTENIBILE

COMPRATE MENO OGGETTI E

RICICLATE; PENSATE IN VERDE.

cosa ho fatto dopo aver visto questo video? ho cercato la pagina web e ovviamente la mail di Annie Leonard e le ho chiesto il testo del video cosí da poterlo tradurre in Italiano, visto che nel sito international, proprio la nostra liingua madre mancava.

Personalmente, mi sono fatta venire la repulsione per la materializzazione e il consumo, dopo aver visto una mostra sul consumismo e i suoi danni all´écologia, al Forum di Barcellona. Probabilmente la scelta di fare un viaggio intorno al mondo intervistando architetti famosi sul futuro dell´architettura inerente alla sostenibilitá, affonda le sue radici anche in quella mostra.

Bene il video spiega quanto sia dannoso, comprare, spendere soldi per beni di consumo dei quali possiamo fare a meno. Spiega l ássurda possibilita dei costi bassi e la provenienza di certi prodotti e il loro destino quando saranno per noi, inutilizzabili. O almeno questo é ció che si pensa quando queste cose materiali si buttano.

la differenza di un paese educato al rispetto dell´ambiente e un paese non educato a questo fondamentale dovere che abbiamo verso le future generazioni, la sto sperimentando in Germania. Ma di questo parleremo in un altro post.

appena aprirete il video su you tube, in spagnolo, noterete che dura 20 minuti. Non avete tempo? MALISSIMO. il tempo per ascoltare un messaggio, assolutamente da diffondere, che tende a spronare le persone verso un mondo meno inquinato e piú salutare per tutti, É SPESO MEGLIO DI TUTTO IL TEMPO IMPIEGATO OGGI NELLA ROUTINE DI QUESTA SOCIETÁ MARCIA.

THE STORY OF STUFF (WIKIPEDIA)

The Story of Stuff is a web-based documentary about the life-cycle of goods and services.

The documentary, released online on 4 December 2007, is narrated by Annie Leonard, who has an undergraduate degree from Barnard College and a graduate degree from Cornell University in city and regional planning.It is sponsored by Tides Foundation and The Funders Workgroup for Sustainable Production and Consumption, with Free Range Studios to produce the film.

According to the hosting site, it has already more than 4 million viewers.

Ralph Nadercalled the film “a model of clarity and motivation.”

http://video.google.es/videosearch?q=la+historia+de+las+cosas&hl=es&emb=0&aq=f#

the story of stuff

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a story of stuff

  1. paolo M. scrive:

    Futuro in …verde
    Cara Giordana,
    mi è piaciuta la bella iniziativa che hai avuto nel diffondere il video attraverso il tuo blog; personalmente l’avevo già visto qualche mese fa (in italiano, s’intende) attraverso quella bellissima rete di amici che pensano a te come “uno di loro”. Apprezzo econdivido la tua sollecitazione “in rosso” a saper usare bene il tempo prezioso che sprechiamo nella “routine di questa società marcia”….. Un caro abbraccio

  2. Franco Pietripaoli scrive:

    COMPRATE MENO OGGETTI E RICICLATE; PENSATE IN VERDE
    ciao ,
    Mi chiamo Franco sono un architetto vivo e lavoro a Roma (spero per poco, sto facendo di tutto per andarmene J, capirai da sola le motivazioni J ) , ti scrivo per condividere il tuo pensiero ….fa sempre piacere non sentirsi soli, ti invito inoltre a vedere questo linK

    http://www.myspace.com/in_contaminate

    quello che vedi sono gioielli (creati dalla mia ragazza Francesca anche lei architetto)

    gioieli che nascono dall’idea di realizzare qualcosa di prezioso con un materiale povero (lattine), di riutilizzare e rivalorizzare degli oggetti che altrimenti sarebbero rifiuti.
    è un modo sia per sensibilizzare la gente al rispetto dell’ambiente e sia la prova concreta che ci sono milione di modi per vedere le cose, basta avere gli occhi giusti!

    Non siamo dei fanatici ma vogliamo lasciare ai nostri figli almeno quello che abbiamo trovato noi (ad eccezione delle giacche con le spalline) , è difficile, molto difficile, ma ci stiamo provando ……………..

    ciao Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *