colloquio

Oggi ho avuto il solito colloquio d’inizio anno con i 2 architetti che gestiscono lo studio per cui lavoro…ero parecchio tesa per tutta una serie di cose che volevo comunque dire. E’ andata…almeno sono riuscita a dire quello che penso…ma ho sempre quella netta impressione che tanto le cose non cambieranno…

Bando al pessimismo…anche perché avevo promesso a me stessa di relativizzare tutto con questo 2009 !

Bisogna che mi rimbocchi ancora le maniche e che dimostri il mio valore soprattutto a me stessa ; il problema é che ho deciso di fare un mestiere che in fin dei conti é basato sul giudizio esterno, in teoria siamo formati per costruire « edifici » di diversi metri d’altezza e che normalmente devono poter restare in piedi qualche decennio e di conseguenza esposti costantemente al giudizio altrui…questa ossessione del giudizio é un po’ un arma a doppio taglio per me che la fila per l’autostima la deve aver saltata a pié pari…é chiaro che esiste in me questo reale piacere di poter un giorno, perché no, sedurre attraverso una mia creazione, ma questa ricerca di approvazione e bisogno di essere riconfortata nelle mie scelte mi impedisce di credere veramente che un giorno potro’ esercitare questo mestiere completamente da sola. Un po’ come quando da piccola ti dici « da grande voglio fare l’architetto ! », bello, bello, ma in pratica ? Che cosa vuol dire? Sono diventata una grande tecnica che macina dettagli…ma saro’ mai capace di « fare l’architetto » con le mie ali ???

Si vede che i 30 si avvicinano inesorabilmente e con loro tutti i dubbi dell’età…penso sempre a quando ero bambina e che m’immaginavo la mia vita a 30 anni : casa bianca, regolarmente con camino e fumo che esce, cane che esce fuori dalla porta, io che porgo la merenda al mio bimbo che sta perdendo l’autobus, marito ( genere big jim…tanto per capirci !) che mi bacia teneramente prima che parta per il lavoro e io che mi appresto a prendere la macchina per andare al lavoro (perché già all’epoca ci tenevo all’indipendenza…eh bé !!!!)…insomma un tenero ritratto della famiglia del mulino bianco !!! E ci credevo pure…

Ad ogni modo mi avvicino a un’età nella quale, non so per quale recondito motivo, avevo riposto mille aspettative e invece mi sembra sempre di essermi fermata all’età dei 18…mah !

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a colloquio

  1. Domenico scrive:

    Che bel sorriso!..come parlare di Architettura con te?! ..pausa,pausa, parliamo di noi?!!
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *