Amsterdam, aereoporto Schipol, 22.09.05

Amsterdam, aereoporto Schipol, 22.09.05

Dopo aver consultato una buona mezzora il pavimento dell’aereoporto in stato semidepressivo ho preso questo computer per fissare le sensazioni di questi istanti: mi sembra di aver fatto una cazzata! Tornare in Europa!

Si’ l’europa ora e’ un solo paese…paragonando le dimensioni del Brasile mi sembra un’ unica entita’ geo-politica…

Mi manca pazzescamente il Brasile!

Non mi ero reso conto della partenza, sono triste e commosso per la felice riuscita dell’ esperienza…tristezza e felicita’ sono due sentimenti contrastanti ma che vengono spesso insieme…

Ci provo a non farlo…ma il pensiero di quando potro’ tornare a Belo Horizonte mi tormenta sin dalla primissima partenza in autobus dalla stazione…

Qui non mi sento a mio agio, ci mettero’ poco (lo immagino) a riambientarmi, ma non sara’ la stessa cosa…una parte di me e’ stata consumata e un’ altra e’ nata.

Qui mi immagino tutto come prima…in realta’ non arrivero’ mai ad accettare di essermi perso qsa!

Mi devo laureare! secchione sono stufo sono stufo sono stufo

Ieri ho conosciuto Marta e Fernando dello studio MMBB di Sau Paulo…lavorano con Paulo Mendes da Rocha e la loro architettura mi commuove

Sta scadendo il tempo utile ad

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Amsterdam, aereoporto Schipol, 22.09.05

  1. martin scrive:

    bem vindo
    hey matteo
    welcome, benvenuto, bienvenue, willkommen, o come dicono i nostri amici holandesi “feestelijk inhalen”.
    caspita chi contenti chi siamo. veramente non pensavamo che ritornavi in italia. pero complimenti sembra che cel’hai fatta.
    ti do un abracio fortissimo. dopo ti rempiamo di botte cosi pensi meno a brasile. dai scerzo.
    spero a prestissimo

    martin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *