Sebastiano a Brisbane

Se, parafrasando una delle mie domande in “ardire&partire”, “…ci vogliono due grandi ali e … un soffio di vento”, qualcuno, partendo per l’ Australia, e’ diventato il perfetto testimonial di questa similitudine!

Le grandi ali le ha costruite anno dopo anno con esperienze lavorative in studi di architettura e le ha rinforzate con un master in Hotel Design al Politecnico di Milano…ad un certo punto ha pensato all’Australia perche’ e’ tra Brisbane e Sydney che ha trovato il suo vento ideale.. per il suo lavoro …ma anche per il suo Kitesurf!

Pronti per un salto “down under”? Vi presento Sebastiano!

Architetto, interior designer,  34 anni, dopo aver lavorato  in diversi studi di architettura, ho deciso di aprire un mio studio di architettura nella città in cui vivevo, Messina, con l’obiettivo di operare in vari ambiti di intervento, avvalendomi  di differenti figure  professioniali.

Dopo un ‘esperienza a Milano tra il 2008 e il  2009, dove ho conseguito presso il Politecnico di Milano una specializzazione per la progettazione di Hotel, sono diventato partner di uno studio di interior design a Milano.

Successivamente ho maturato la decisione di partire per la meta australiana, tra Brisbane e Sydney…senza dimenticare le relazioni e i contatti italiani. Attualmente, ad esempio, sto proponendo ad una giovane azienda italiana, che crede nelle potenzialità di nuovi designers, alcuni prodotti che ho pensato qui in Australia traendo ispirazione dai comportamenti della gente di questo affascinante paese.

Ardire & Partire…ma quando si parte?

Quando pensi che puoi metterti in gioco,  ma pochi hanno intenzione di giocare con te, ed allora vai alla ricerca di nuovi giocatori che accettano la tua sfida  e sono sempre pronti ad aiutarti quando sei game over!!! … quando hai un desiderio forte di esprimerti, di fare vedere come lavori e cosa sai fare e non cosa gli altri ti devono dire di fare.

E infine per non sentire dentro di te la vocina …” se l’avessi fatto!!!

Come hai scelto la citta’ dove vivi?

Ho scelto  Brisbane per la città, e l’Australia in generale, per la sensazione di territori sconfinati dove la tua creatività si scontra con nuove culture, che hanno la voglia del nuovo, dell’originalità tipicamente italiana, dove trovi gente che ha voglia di ricevere nuovi stimoli  e soprattutto è pronta ad ascoltarti.

La tua quotidianita’, nella citta’ dove vivi, in un flash

La sera o meglio ancora la notte, organizzo la giornata successiva, elaboro schizzi, concepts progettuali, e la mattina una volta in movimento le uniche soste che mi concedo durante la giornata sono per decidere, riflettere, a volte arrestarmi per  valutare le scelte progettuali e le idee che mi passano troppo velocemente, o semplicemente per  un caffè australiano.

Le 5 cose che ti mancano dell’Italia

–          il mare della Sicilia ed i suoi profumi

–          il caffè

–          gli affetti

–          il design italiano ed i suoi eventi

–          Milano e la sua movida

Le 5 cose che non ti mancano dell’Italia

–          La politica i suoi show

–          La lentezza burocratica

–          Le persone che occupano spazio ed ossigeno

–          La poca umiltà

–          Le attese per pagarti un lavoro già effettuato

Come vivi la lontananza dai tuoi cari e dai tuoi amici?

Come un po’ tutti faccio una buona dose di skype ed internet…e qualche sms a qualsiasi orario anche se so che lo leggeranno la mattina successiva!!!

Come si vive il gap culturale, se c’e’, con i tuoi nuovi colleghi, amici,…

Il gap puoi creartelo o meno. In genere essere socievole e disponibile ti gratifica molto. Le differenti culture ti aiutano a crescere ed a cambiare i tuoi modi di pensare che magari ritieni perfetti od intoccabili …molte volte basta un sorriso di un collega della Nuova Zelanda o lo sguardo attonito di un partner della Malesia , per farti prendere tutto con ottimismo.

Dove ti vedi da qui a 5 anni?

In giro per  il mondo… anche se l’Italia è nei miei pensieri, ma dovrebbero cambiare tante cose…e comunque in Australia non mi dispiacerebbe…

La tua definizione di architettura

L’architettura è qualcosa che ogni individuo ha dentro, alcuni la lasciano perdere , altri la coltivano, la curano e ne fanno buon uso, e comunque la passione la si deve avere già prima di nascere…per il resto la mia visione è di elegante, essenziale e senza troppe ostentazioni che rischiano di  fare cadere tutto nel ridicolo.

La tua idea di architettura in un’immagine

La tua idea di design in un’immagine

Consigli per i 5 sensi: film da vedere – cd da ascoltare – piatto da assaggiare – un profumo da scoprire – sei piu’ digitale o manuale?

–          Carlo Verdone tutti

–          Compilation Buddha Bar

–          Carne di cavallo e polpette

–          Limone verde

–          Sicuramente manuale

Da dove trai ispirazioni

Da riviste specializzate e da tutto ciò che mi circonda … potrebbe essere una potenziale fonte di ispirazione

Toglietemi tutto ma non…

Il mare ed il kite surf

In questo momento considera che tra tutti i lettori puo’ esserci un ragazzo come te, in un piccolo paesino di una delle tante periferie italiane che, pur avendo due grandi ali…e’ in attesa di un soffio di vento. Cosa gli consiglieresti

Guarda le previsioni, stai in allenamento sempre, ed alla prima raffica  di vento lanciati … non pensare  troppo…una seconda raffica potrebbe farti cambiare idea…

Un aspetto da valutare molto attentamente prima di poter esclamare “questa destinazione …si puo’!!!”

Le proprie potenzialità, la voglia di far valere le proprie ambizioni…e gli ostacoli immaginarli come gelati che se li mangi li superi, altrimenti si scioglieranno addosso a te!!!

Attualmente  sei impegnato nel disegno di oggetti che verranno presentati durante il Salone del Mobile dall’azienda Ad Maiora Milano (  www.admaioramilano.com/ ) per la quale stai iniziando a collaborare. Come unisci design italiano, Australia ed ispirazioni creative?

Durante il giorno questo paese riesce a regalarmi innumerevoli sensazioni e ispirazioni, successivamente elaboro i miei schizzi progettuali e i disegni nel corso della notte, correggendoli la mattina successiva quando ho ancora in circolo la creatività notturna. Per verificare il lavoro svolto immagino poi una grande porzione di territorio australiano, tanti oggetti sparsi sulla sua superficie e tra questi uno solo deve primeggiare e distinguersi. Ad Maiora Milano è una realtà giovane che annovera e promuove tra i suoi designer, oltre a quelli noti a livello internazionale, i progettisti emergenti dei corsi di alta formazione “ExperienceDesign” di Poli.Design – Consorzio del Politecnico di Milano, come me, ed  ha colto le mie intuizioni ed idee. Il resto è un processo di verifica e crescita del progetto continua che  insieme cerchiamo di migliorare senza alterare l’idea fondante.

Chi ti ha aiutato nelle tue scelte o meglio chi ti sta vicino , quando prendi delle decisioni importanti?

Le decisioni le prendo in prima persona ma spesso chi mi aiuta, o a volte mi fa anche cambiare idea, è Vanessa, la mia compagna, che mi indica alcune tra le scelte decisamente migliori.

Questa voce è stata pubblicata in ardire & partire, Australia, Oceania e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Sebastiano a Brisbane

  1. bepi scrive:

    Sei un grande….hai la mia stima…..fossimo tutti come te! Quest’ intervista mi ha prorio trafitto, forse perchè l’ Australia è il mio sogno di sempre. O forse perchè capisco cosa significa voler vivere dignitosamente nella propria terra ma purtroppo si è costretti a scappare via da questo Italia della Cuccagna.
    Continua così ;)

  2. raffaele scrive:

    Ci sono stato in australia per un anno ,ma per la questione del permesso di soggiorno ho dovuto lasciare.Come ti sei organizzato per la VISA?
    Ho la possibilita’ di ritornarci ,ma questa seconda volta ci sto pensando molto di piu’,troppo.sto seguendo un master in light design a roma ,vedremo.
    in bocca al lupo

    • girasole scrive:

      ciao!
      anche io ho una curiosità…partire per andare dall’altra parte del mondo….
      conoscevi qlc ?c’eri gia stato prima?
      e per raffaele: come ti trovi al corso di Light design anche io ero interessata a farlo!
      baci

  3. Giuseppe scrive:

    Ciao, sono Giuseppe. da 2 giorni sono a Melbourne alla ricerca di un lavoro da architetto. Concordo con le 5 cose che non ti mancano dell’Italia, però io credo che l’Italia sarà sempre così.
    Che possibilità ci sono a Brisbane? Sarei disposto a muovermi anche lì.
    Giuseppe

    • Nicola scrive:

      Ciao Giuseppe, mi chiamo Nicola e sono stato a Melbourne l’anno scorso per turismo. E’ fantastica l’Australia!
      Sono anch’io architetto (37enne) e sto cercando informazioni per fare un’esperienza lavorativa o anche uno stage in uno studio di architettura l’anno prossimo a Melbourne. Con quale tipo di visa sei li? Keep in touch!

  4. gianluca pante' scrive:

    Grande Seby, continua cosi’ perche’ il tuo modo di pensare e di vivere la vita sono i tuoi due grandi alleati, pensa sempre in grande e libera la mente falla spaziare come sai fare tu, ed i risultati e le soddisfazioni lavorative verranno da sole…..
    In bocca al lupo per la vita……..
    NIENTE SACRIFICIO NIENTE VITTORIA

  5. Marco scrive:

    Tutti lo conoscete ora come Sebastiano, ma per me è e rimarrà sempre “Binno” e che sia in a Messina, a Milano o dall’altra parte del mondo sarà sempre nei miei pensieri come un grande amico che ho avuto la fortuna di incontrare, assieme ad Alberto, nel comune soggiorno milanese. Binno ti abbraccio forte e cavalca il point break ;-) omadicomapor………

  6. nicola scrive:

    Bravo Sebastiano,

    con la luce dell’ Australia si può fare “vera” architettura. Con la quale puoi vivere e sognare.

    Ad majora,
    np

    • nicola scrive:

      Ti ho scritto dalla “grande” Germania, Paese nel quale ho trovato quello che tu cerchi (e troverai) in Australia.
      Anch’ io sono siciliano . . . però ho qualche annetto (71) in più di te e due nipotini che mi fanno impazzire e diventare sempre più giovane.
      Ritienimi a Tua disposizione.

      Ciao,
      np

  7. Peppe Muzio scrive:

    Ogni giorno che passa è un giorno in meno verso qualcosa!

    Ogni giorno che passa è l\’inizio di qualcosa…………

    seby GOAL…..!!!!!!!!!!

  8. gianni scrive:

    Grande sabastiano… veramente i miei complimenti anche io sto pensando di spostarmi in australia.. potresti darmi qualche dritta sul tipo di visto e lavoro. grazie infinite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *