Hellooo… still rain won’t

pioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggiapioggia

Hellooo… still rain won’t stop. Ho preso la metro oggi, dormicchiando in trance per tutto il tragitto. Curioso come la stazione di South Kensington sia probabilmente l’unica di tutta la metropolitana che la mattina profuma di caffe’ e cornetti appena sfornati invece che puzzare di cane bagnato e panico di folla. Alla fermata del bus il solito alienato urbano con cuffia piu’ grande della testa canta (stonato a bestia). Piove. Oh dear.

Floriana, anche qui allo studio ci sono molti tedeschi, io mi trovo molto bene con loro devo dire. L’asserzione 1 tedesco per 4 italiani mi ricorda le fosse Ardeatine e non mi piace per nulla. Vero che hanno una formazione molto pratica e sono in genere molto ben organizzati (anche se ogni generalizzazione e’ una mezza verita’), per cui se c’e’ da organizzare un lavoro prevedibile senza uscire dai binari, sono ottimi. D’altro canto la formazione italiana (almeno dei miei tempi) con la sua ampiezza e investigazioni approfondite nei campi piu’ disparati ha i suoi vantaggi quando si richiede una soluzione creativa e personale ad un problema complesso.

Poi i guai e l’arretratezza dell’universita’ italiana sono un altro capitolo che richiede una lunga dissertazione, che io, non essendo piu’ in contatto con essa da anni, non sono neanche tanto pronto a trattare. E so che negli ultimi anni le cose sono cambiate molto (in meglio e/o in peggio).

Luca, se tu riuscissi a farlo buona la prima saresti un re e ti risparmieresti la pena di riaffrontare la solita farsa over and over again. La voglia diminuisce proporzionalmente con l’eta’ e l’esperienza.

In bocca al lupissimo!!!

Speak later…stella

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Hellooo… still rain won’t

  1. Eli scrive:

    Tools
    Ciao Federico,mi chiamo Eli e ti scrivo da Bari, profondo sud.Anch’io arch.ma senza tetto(se non avessi quello dei miei…).Qui giù gran voglia di fuggire anche se l’Eden non esiste da nessuna parte.Comunque, visto che tra qualche mese parto per andare a lavorare all’estero(e magari rimanerci, parchè no?!)mi sembri il tipo giusto per fugare i miei dubbi.
    Pensi che la preparazione italiana abbia delle lacune rispetto quella straniera?Secondo te quali sono le più evidenti?Quale livello di padronanza linguistica serve avere da subito per lavorare al meglio?Quali sono i programmi informatici per la grafica più importanti e diffusi?L’architetto è un creativo o un tecnico?Chi si occupa della parte tecnica dei progetti?Beh, le ho sparate un pò a raffica, però se mi rispondi mi aiuti davvero!Grazie

  2. Paola scrive:

    Interbuild
    Ciao Federico,
    cosa è InterBuild di Birmingham? una specie di SAIE inglese???
    Baci

  3. luca scrive:

    crepi il lupoooo
    crepi il lupoooooooo!!!!
    tks fede
    😉

  4. luca scrive:

    esami esami esami
    ciao ciao fede!!!tutto bene?
    beh carina la mostra che hai visto, chissà, si portrebbe proporre alla mattel quel video colla barbie per una nuova pubblicità!!ma guarda un po’ te quante cose si possono fare con quella bambola!!! ;-P non si finisce mai di imparare!!! tranquillo ..non ho nessuna intenzione di emulare il soggetto del video!! 🙂
    cazzate a parte ieri ho fatto il mio primo esame di stato..probabilmente mi irradierano dall’albo prima ancora di farmici iscrivere 😀
    buona giornata
    besos
    luca

  5. FRA scrive:

    muschio
    nn t preoccupare
    piove anche qui da giorniegiorniegiorni..
    nn so da quanto ormai(noth of italy!)
    e sta crescendo a tutti una strana patina verdognola sulla faccia..e nei pensieri:..sembrano tutti un pò british…
    sarà muschio:lo terremo per natale!
    bax
    siamo sempre all’ascolto!
    fra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *