Salve… Sopraffatto dalla stanchezza,

Salve… Sopraffatto dalla stanchezza, mi iscrivo ai campionati mondiali di flatlining e vinco col vecchio trucco del cavallo, addormentandomi in piedi con la testa appoggiata al palo della fermata del 345. Sono sponsorizzato da un’associazione caritatevole che si occupa di togliere il sangue agli anemici per donarlo ai non-estinti.

Ho la giacca, oggi. Stasera c’e’ un party organizzato da Formica UK da Madame Tussaud’s (!?!). Champagne e canape’, ma preferirei un letto.

Preferibilmente con qualcuno dentro.

Jazz band e sosia di Elvis, George Michael e Marilyn Monroe. Ce n’e’ abbastanza per un film set di una sceneggiatura di J.G.Ballard. I creativi del rebranding si sono dati da fare.

Meno male che abbiamo una macchina che ci viene a prendere allo studio.

Domani torno (!) a Coventry per ispezionare i componenti del Padiglione Architettura. Mi aspetto molteplici applicazioni della legge di Murphy. L’ingegnere strutturista latita.

Voce registrata sull’intercom:

“Possiamo assicurarvi con assoluta certezza che tutto andra’ per il meglio.”

E’ vero in effetti, pero’ bisogna che qualcuno ogni tanto lo ricordi.

Te’ verde, please.caffè

fiore

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Salve… Sopraffatto dalla stanchezza,

  1. isa scrive:

    saluti
    Felice di ritrovarti!Scusa se mi permetto ancora di scriverti…capisco che il tuo sia un libero blog che poco vuole avere a che fare con quanti ti leggono…eppure nel leggere le tue parole nasce spontaneo il desiderio di comunicarti l’universalità delle tue riflessioni (“Oh, è proprio vero!.” è la frase che più ricorrentemente esclamo leggendoti e poi “Eh, si, l’amore si trova non si cerca!”, filosofia da bar, se vuoi )…
    Forse è solo la stanchezza che mi fa scrivere queste cose…
    E poichè mi piace parlare per citazioni..
    “Mi perdo se mi incontro, dubito se trovo, non possiedo se ho ottenuto. Come se passrggiassi, dormo, ma sono svelgio. Come se dormissi, mi sveglio, e non mi appartengo. Infondo la vita è in se stessa una grande insonnia e c’è in lucido risveglio brusco in tutto quello che facciamo”

  2. rossella caselli scrive:

    un tuffo nel passato….
    -Ti ricordi ancora di me?
    ogni volta che mi capita di ascoltare un pezzo dei genesis non posso fare a meno di pensare a te e a tua madre, e a tutti i tuoi sforzi per insegnarmi l’inglese.
    Adesso vivo a Seattle da sei anni, ho una figlia di cinque anni bilinque che parla italiano con un funny accento americano-fiorentino e che non perde occasione nel correggermi quando parlo.
    In questo periodo sto studiando per dare l’esame d’inglese all’universita’ di washington….sto pensando di prendere un undergraduate in architettura….buffe ehhhh!!!
    ….e tu cosa fai a Londra, almeno per la distanza te la sei presa molto piu’ comoda!!!!!!

    con infinito affetto

    rossella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *