Mi nutre, mi (in)trattiene,

Mi nutre, mi (in)trattiene, mi consuma; London is my oyster. Questa e’ l’estate dell’assestamento, in cui uno si immerge nell’odore/sapore di una citta’ dove prima scalfiva timidamente la superficie, straniero e sconosciuto alle profondita’ in cui naviga chi vive qui.

Ovviamente e’ sempre una conoscenza parziale, ovviamente uno conosce solo quello che vuole conoscere e gli e’ affine, ovviamente e’ presente la sensazione di rischio, ma uno deve andare oltre, sotto, dentro.

Poi uno (io) si immagina chissa’ quali labirinti di perdizione, mercati di anime e corpi, punizioni divine varie; in realta’ siamo circondati di gente normale (ok, con l’occasionale untore, serial killer, impiegato del council).

L’accrocchio/selfportrait sopra e’ inteso come un umilissimo e sentito omaggio a Filippo Scozzari (http://www.filipposcozzari.org/)

Scoperti altri due o tre altarini, me ne levo.

Auguriidea

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mi nutre, mi (in)trattiene,

  1. bruna scrive:

    info
    ciao Federico
    misono laureata in dicembre a Napoli, vorrei come te vivere un’esperienza all’estero in questo momento è anche stato pubblicato il bando per il programma leonardo per i laureati nelle mia università, ma avrei bisogno di un contatto e nonostante invii curriculum su curriculum (l’ultimo proprio ad alsop) nn ho ricevuto molte risposte.
    Tu come hai fatto ad arrivare lì?
    parlo inglese abbastanza bene (lo studio con una madrelingua) e sto seguendo un corso per migliorare la mia conoscenza del 3D studio.
    Puoi darmi qualche consiglio????????
    grazie mille
    Bruna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *