Tut tut…good morning!27 gradi

Tut tut…good morning!troppo sole27 gradi oggi (circa 35 allo studio, e niente aria condizionata…bene?).

Grazie Alessandra… commenti come i tuoi mi fanno venir voglia di continuare gli sproloqui.fiore

Weekend con spettacoli: World Press Photo Awards (premio mondiale di fotogiornalismo) al South Bank centre. Dio, noialtri occidentali viviamo nella nostra bolla di confort, beatamente ignari del fatto che ci sono un sacco di zone nel mondo la’ fuori in cui la gente si va scannando senza pieta’….e non c’e’ fine in vista. Incredibile come in situazioni a rischio per la propria incolumita’ personale questi riescano a catturare immagini di una bellezza incredibile. Il fotografo nella striscia di Gaza a terra con un’arteria femorale recisa da una scheggia fotografa la distesa di corpi sparpagliati nella strada, cadavere in primo piano, edifici butterati sullo sfondo. La bellezza dei volti spruzzati di terra in una fossa comune in Liberia. Lo sguardo perso nel vuoto dell’incertezza di un uomo riflesso nella vetrina di un caffe’ di Baghdad, pochi giorni prima dell’attacco. E cadaveri, ovunque; in Cecenia, la donna uccisa sulla porta di casa accasciata nella neve come una bambola buttata via, il non-sguardo rivolto al cielo plumbeo. In bianco e nero, ovviamente.

E qui la gente si appassiona a Big Brother. Io no, ma ho altre frivolezze necessarie.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Tut tut…good morning!27 gradi

  1. Alessandra scrive:

    ti leggo per caso..
    accidenti. stamattina vagavo nella rete in cerca di ispirazione per il mio progetto e…toh, mi imbatto in un’esistenza sconosciuta spalmata sulle righe, emozioni frastagliate, pensieri banali, pensieri profondi, un’inquietudine che mi è molto familiare, leggo un po’ e poi mi viene voglia di leggere ancora e poi ancora…mi sa che c’è un buco nero sotto qs righe che porca miseria non si colma, per quanti sforzi uno faccia per sentirsi parte dell’ingranaggio che fa girare tutto sto casino…
    mah, sarà che Londra è una delle mie fisse, sarà che ci sono tornata ancora da meno di 10 giorni, sarà che la laurea non è lontana e urge pensare al futuro maledizione, sarà che non mi sento tagliata per tuffarmi nella grande macchina da guerra che è il mercato, sarà che gli architetti con la prosopopea mi stanno decisamente sulle palle(mi auguro non sia il tuo caso), sarà che non lo so e che avevo voglia di cazzeggiare…insomma mi sono letta la tua vita in pillole e per pareggiare il conto ti do una pillola della mia…uao, che culo.
    buona vita. alessandra

  2. Lucia scrive:

    Master a Londra
    Ciao Federico!
    Sono Lucia,architetto da Settembre, mi piacerebbe seguire un Master a Londra ad Agosto…Sapresti consigliarmi?
    Grazie!!

  3. Vanessa scrive:

    Ciao
    Potresti spiegarmi cosa é questa terra d´Albione?

    Grazie
    a presto
    Vanessa

  4. Alessandra scrive:

    World Press Photo Awards
    …già. ci sono stata anch’io. e certe immagini ti costringono a buttare giù la maschera e calare la patina di superficialità di cui necessariamente ci ricopriamo come grasso di foca per gli inuit… all’improvviso ti trovi solo e negli occhi istanti tremendi di una vita che poteva essere la tua…e subito ti senti in colpa, senti tutte le colpe del mondo su di te. perchè sei nutrito. perchè indossi dei vestiti. perchè hai dei genitori. perchè hai ancora le gambe.
    lo scatto che mi ha turbato di più? madre disperata che accarezza la testa del suo piccolo nudo costretto su un letto di fortuna dalle ustioni e dalle gambe amputate…
    ..e dire che anch’io guardo grande fratello…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *