…a un certo punto

…a un certo punto rompe il silenzio che gia’ si faceva denso e scomodo e se ne esce con la frase ricorrente del film:” E’ cosi’ che pranzi? caffe’ e sigarette… non si puo’ certo definire un menu salutare”.

La cosa piu’ eccitante di questo momento e’ l’universita’: gli studenti producono, alcuni trovano la loro via con facilita’, altri sbattono la testa nel muro ripetutamente senza capire da dove gli e’ arrivata, altri attraversano una serie variabile di false partenze che li lascia confusi e potenzialmente demoralizzati. Mi rincresce molto di potergli dedicare solo un giorno la settimana, non basta ma deve bastare… sperando di stimolarli abbastanza perche’ trovino la via in mezzo alla confusione, cavalcando l’onda dei disturbi semantici.

Vita di studio, again, per 4 giorni la settimana. Molto meglio: si evita di infognarsi troppo con le solite dinamiche interne della ditta di qualcun altro e si riesce a cogliere l’immagine totale. Punti positivi, punti negativi… sembra che in qualche maniera il lato organizzativo mi dia piu’ soddisfazione del progettare, soprattutto in questo caso, in cui non riesco ad identificarmi piu’ di tanto con la filosofia debole e da consenso di massa che sembra essere il leitmotiv. Una delle cose positive e’ che gli office meetings esistono e ti viene offerta l’opportunita’ di parlare… anche se la gente raramente ne approfitta e ancora non ho capito bene se la cosa e’ solo una vuota abitudine o se ne tiene conto. Comunque sono alla terza settimana di rodaggio, e ho firmato il contratto, anche se ancora non l’ho consegnato.

Staremo a vedere.

Ieri intanto ho raccattato un po’ di freebies, i.e. biglietti gratis per la ruota, courtesy of MBA.

A tal proposito, affezionati lettori, ne metto qui in palio ben 10, a due alla volta, ad esaurimento.

Ne faccio dono a tutti quelli che hanno intenzione di visitare Londra prima della fine dell’anno (tale e’ la scadenza dei biglietti, ahime’) e mi mandano gentile richiesta… vi prego non vi picchiate, dignita’ e contegno.

aperitivoenjoy

xxx

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

19 risposte a …a un certo punto

  1. michela ricciotti scrive:

    biglietto!!!!!!!!!!!
    ciao io arrivo venerdi 5/11 ce n’ è uno anche per me???????grazie

    mi

  2. federico scrive:

    job center
    Fede altro che MBA potresti aprire un jobcenter!! Ahh sono qui ad aldgate alla nuova scuola di inglese, che sara’ vicina alla mio nuovo flat…speriamo bene…domani c’e’ eisemann al RIBA andiamo se non sei impegnato? fammi sapere se leggi

  3. Antonella scrive:

    Candidatura!
    Ciao, architetto (si fa per dire) di 33 anni, sono a Londra dal 4 all’8 dicembre, ponte dell’Immacolata (remember?). Mai stata sulla ruota, nonostante, grazie alla Ryanair e a quella fanatica di mia sorella, venga a Londra ogni 3 mesi. Se hai ancora due biglietti ed un consiglio per una Londra fuori dal comune…

  4. richard scrive:

    oh-ho!
    ma tu guarda…
    finalmente un collega-compatriota che non adora ciecamente londra, how refreshing!:)

    Curiosita’: in che unit sei a brighton? ho un paio di amici li.

    beh, a NON rivederci al prossimo meeting di italianialondra.com!

  5. isa scrive:

    bentornato
    Ma guarda che è stato troppo triste aprire il tuo blog per tutto questo tempo e non trovare assolutamente niente….. il silenzio. Si dice che si scrive poco quando si è o troppo felici o troppo tristi…l’avrà detto un filosofo, non c’è che dire. Ben tornato. Qui la vita lavorativa è sempre più triste…a volte può bastare sapere che qualcun altro, anche solo dietro l’angolo o dall’altra parte del mare, se la passa meglio…

  6. riemerge dagli anfratti ed eccolo qua!!! ciao fede:) scrive:

    riemerge dagli anfratti ed eccolo qua!!! ciao fede:)
    Ciao Fede!!
    come stai? ho perso parecchie puntate del tuo blog ma vedo che ogni volta c’e’ sempre qualcosa di nuovo!!!spero che tutto vada piu’ che bene…anche qui ci sono stati molti cambiamenti e stanchezza a parte…tutto procede egregiamente…o quasi ;-P In bocca al lupo,un abbraccio e a presto
    luca

  7. alice scrive:

    tesi di laurea
    Ciao, sono una studentessa della facolta di ingegneria di Cagliari e devo preparare la tesi sul recupero edilizio di una zona di londra(zona sud- est lungo il fiume), ma nn so come muovermi, come recupreare materiale, puoi darmi una mano?magari indicarmi dei siti che potrebbero interessarmi, o uffici dove posso recarmi a londra?
    Grazie
    Alice

  8. xiomara scrive:

    alcune dritte…
    ciao, sono Xiomara, laureata a firenze l’ anno scorso, argentina e in partenza per Londra il prossimo giovedì…se hai un pò di tempo e, fondamentalmente, tanta voglia ti ringrazierei se mi potessi dare qualche dritta su come fare a trovare casa e lavoro…facile NO?!?!
    Grazie!
    Xiomara

  9. Debora scrive:

    Consiglio
    Ciao Federico, ho letto i tuoi messaggi e dirti il vero mi hanno fatto molto sorridere!Ti volevo chiedere un consiglio visto che ti trovi a londra!Vorrei tanto trovare un lavoro a londra, sono laureata in economia ho 23 anni e sono stata 6 mesi in Galles per work experience…non riesco ad allanciare nessun contatto? cosa posso fare? Ti prego dammi alcuni in put!Se vuoi scrivermi la mia email è:debora_buratti@hotmail.com
    Ciao

  10. STEFANO scrive:

    lavoro
    Ciao Federico io mi chiamo Stefano e sono titolare di una ditta di abbigliamento in Italia e mi piacerebbe avviare un’attività a Londra, magari sempre abbigliamento oppure tu che dici?

  11. Paola scrive:

    nostalgia
    Ciao Federico, il tuo blog mi arriva sott’occhio proprio nel momento in cui sto decidendo di venire a Londra a passare una settimana a dicembre, per festeggiare il mio compleanno con il mio fidanzato. Ho vissuto a Londra per quattro anni parecchi anni fa e da allora ho nostalgia di quella fantastica città. Ho quasi deciso dunque i regalarmi questo piccolo grande viaggio, che dici, hai qualche consiglio da darmi su come passare una grandiosa settimana?

  12. Giulia scrive:

    libro
    Ciao Federico,
    ti ho scoperto solo oggi, e sono rimasta piacevolmente colpita dal tuo modo di scrivere..
    Non smettere mai..

    Baci Giulia

  13. Nemes scrive:

    corrispondenze entropiche
    Ciao…stavo cercando blogs di architetti e percaso ho trovato il tuo.
    Interessante sapere che un pò dappertutto la nostra è una categoria di pseudo-artisti disadattati sociali..;)
    A parte gli scherzi..ammiro molto il tuo coraggio nel cercare di allargare gli orizzonti..ho notato leggendo che siamo anche delle stesse parti..e che probabilmente abbiamo interessi musicali in comune..singolare come cosa..l’entropia internettiana a volte risuona come una corda su persone diverse che si muovono mentalmente attraverso reti telematiche e reali, in modo casualmente fatale.
    Se ti va di condividere paranoie, depressioni e momenti di folle gaiezza priva di senso con una quasi-architetta amante del goth, (che però vorrebbe fare la fashion-designer) …questo è il mio blog

    http://nemesii.splinder.com

    a presto.

  14. Ilaria scrive:

    Lavoro
    Caro Federico,
    ho letto molte mail di persone che ti chiedono consigli su come trovare lavoro e sistemazione a Londra ed ho deciso di unirmi al coro.
    Non sono laureata, ho 30 anni, con l’inglese me la cavo e, cosa più importante, se rimango ancora per molto a lavorare per il più disonesto dei mobilieri veneti mi piglia l’esaurimento.
    Attendo tuoi preziosi consigli,sei forte
    baci
    Ilaria

  15. Beatrice scrive:

    Consiglio!
    Ciao Federico!sono in uno dei mille interenet centre di Londra!Mi chiamo Beatrice, ho 26 anni sono laureata in filosofia e ho fatto un master in PR e sono a Londra per studiare l’inglese. Sono qui da un mese e sto cercando disperatamente lavoro (sempre come 1000 persone )Oggi sono particolarmente giu..mi sono presa un periodo di riposo dal mio lavoro a Milano per poter studiare la lingua..ma qui tutto e diventato stra complicato perche la vita e veramente cara!Il mio inglese debole e sicuramente in problema!Sto meditando di ritornare..ma per me sarebbe un fallimento!!Cosa mi cond#sigli?fino a questo momento ho evitato i job centre..tu conosce qualche agenzia per trovare lavoro efficace!Oppure conosci alcune parole per tirarmi su di morale!????
    Spero in una tua risposta!
    A presto

  16. Silvia scrive:

    10/11/2004
    Ciao Federico qui a Firenze è arrivato l’inverno, e seguendo le notizie del meteo ti posso dire che c’è neve tra Barberino e Roncobilaccio. All’Abetone minacciano già di aprire gli impianti se la situazione neve continua di questo passo.
    E a Londra che cosa succede? Ma soprattutto, cosa stà accadendo a te?
    Forse una crisi di identità?
    O forse troppo lavoro?
    Ancora una volta sono costretta a rimproverarti e a ricordarti che aspettiamo ancora tue notizie.

  17. anna scrive:

    non sono tutte rose e fiori…
    Ciao Federico e ciao a tutti i lettori del blog.
    Mi chiamo Anna e due anni fa ho avuto la grande fortuna di fare una splendida esperienza di lavoro a Londra. Vedo che moltissime persone chiedono informazioni su come fare a trovare lavoro a Londra e vorrei dire a tutti che fate bene a cercare lavoro lì, perchè io ho deciso di tornare in Italia e me ne sono pentita, perchè veramente nel nostro paese la situazione sotto questo punto di vista è critica..Vorrei anche dire questo però, sappiate che, passato l’entusiasmo dei primi tempi, Londra è una città durissima da vivere, con ritmi assurdi a cui noi italiani non siamo lontanamente abituati e la vita quotidiana vi posso assicurare che è davvero pesante. Inoltre trovare un buon lavoro, soprattutto se non si ha un inglese di un certo livello, non è cosa facile. Non voglio scoraggiarvi ma solo dirvi che, sebbene la città sia sensazionale, un conto è viverla per una vacanza, un conto è viverla giorno dopo giorno col lavoro e tutto il resto. Insomma come Federico sa bene, non sono tutte rose e fiori. Detto questo in bocca al lupo a tutti!

  18. Lorena scrive:

    ciao
    Ciao Federico!
    Sono siciliana, architetto, ed ho 31 anni. Non so se risponderai alla mia e-mail visto che ne ricevi così tante, onde per cui non mi prolungherò più di tanto. Io ho già una vita lavorativa a Palemo (anche se non mi soddisfa pienamente), insegno, e a breve aprirò un piccolo studio di architettura e grafica, visto che da un paio di anni ricevo incarichi soprattutto relativi a quest’ultima. Il mio più grande progetto di grafica è stato quello di occuparmi dell’immagine coordinata di un’azienda di Bagheria (Pa) che produce birra non pastorizzata e per la quale ho progettato etichetta, carta intestata, packeging, sottobicchieri, ecc…
    Il mio grande handicap è l’inglese che conosco appena; sto frequentando il 3 livello dell’International school ma non è abbastanza. Vista la situazione pensavo di cercare qualche lavoretto a Londra o dintorni durante i mesi estivi (Luglio, Agosto e parte di Settembre). Mi piacerebbe lavorare in qualche studio. C’è una remota possibilità che ciò possa avvenire? O è meglio che punti su qualche lavoro in pub, ristoranti e simili. Hai qualche indirizzo o suggerimento da darmi?

    Complimenti e in bocca al lupo

    By Lorena

  19. Tiziana scrive:

    ciao
    Ciao Federico…ti scrivo da udine da uno studio di design con cui collaboro.
    Stiamo cercando un ragazzo/a inglese che abbia voglia di fare uno stage qui in studio con noi a udine…sono disponibile ad ospitarlo/a eventualmente in casa mia a Gemona del Friuli…tutto questo perchè mi occupo del product design da sola ed ho voglia di una ventata di novità e di una collaborazione con una persona di cultura differente. Io sono siciliana e vivo qui da due anni.
    Il sito dello studio è http://www.annalombardi.it

    Se conosci qualcuno che abbia voglia di scatenarsi un pò in questo settore, che abbia creatività e voglia di proporsi alle aziende
    fammi sapere.
    Un grazie. Faremo due chiacchiere alla prossima.
    ciao
    Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *