Quanto tempo… e nel

Quanto tempo… il vostro bussare insistente alla fine mi ha richiamato alla finestra, e insieme sono arrivati i primi freddi. Ho traslocato di nuovo, questa volta in pieno centro: il rumore di via machiavelli, della gente e del mercato mi assedia ma non mi disturba piu’ di tanto (per ora).

Oggi ho superato la prova teorica per il conseguimento della patente di guida B e ho fatto forse l’ultima traumatica nuotata dell’anno nella piscina del mergellina. L’acqua era a 24 C° e un freddo boia, anche dopo le prime 20 vasche il corpo non si scaldava. Mi sono sentito un po’ stupido a impormi cotanta punizione, per cui sono tornato a casa come in una trance da ipotermia e ho fatto una doccia molto calda e mentre mi bevo il te’ allago mezzo bagno, l’acqua che scola lungo il piede del lavabo col costume a mollo.

Ho appena adesso preso in mano il primo libro che dovrebbe darmi le basi per studiare per l’esame di stato: fabbri-comparini-jodice-novelli-preti: esercizio professionale per architetti. Napoli, firenze o palermo ancora non so. Comunque l’autunno mi ispira e mi condensa giusto giusto, ne’ troppo presto ne troppo tardi. La ripresa delle attivita’ coincide col mio desiderio di riprenderle.

Prima di dare forfait alla vasca voglio provare ad andarci verso le 11:30, quando il sole ancora scalda. Dalla finestrina del bagnetto sulla corte interna, attraverso la cortina di vapore che fuoriesce dalla doccia ho provato l’illusione del sole d’agosto, li’ fuori ancora caldo e presente che fa sudare e arrostisce le persone e le cose. Un effetto speciale realistico. Penso che comprero’ un maglioncino di lana sottile di buona qualita’ anche se non cachemire. E una sciarpa leggera, magari di seta grezza. Dalla stanza di sotto mi arrivano i Portishead smembrati della pubblicita’ dell’alfaromeo. Avrei quasi voglia di riascoltare quel disco.

Presagisco castagne.

cuore

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Quanto tempo… e nel

  1. NICOLE scrive:

    fede??? ci 6??? perchè non scrivi più? non ti è successo nulla di spiacevole spero….!

  2. fabrizio scrive:

    esame di stato?
    io direi napoli. l’ho fatto lì nel 2002 e tutto era molto tranquillo. certo a volte all’orale rompono un po con chi viene da fuori ma basta non sembrare saccenti, e non pretendere di sapere tutto. quindi napoli no problem!

  3. stefano scrive:

    stato
    Lascia perdere i matti di firenze, (vai solo se hai agganci)………Io ti consiglio Napoli Federico secondo—–70% Promossi……..non Aversa perchè qualche sessione fanno stragi …..io e altri 3 miei amici promossi subito.
    Difetto tra lo scritto e l’orale passano 3/4 mesi…se non hai fretta è un pregio.
    Stefano

  4. mi. scrive:

    welcome back
    ciao FEDE!
    bella che ci scrivi di nuovo!!!
    missin u

  5. giordana scrive:

    x stefano….
    a Stè ma che cavolo dici? a Napoli solo il 50% viene promosso e il 50% di quel 50% è raccomandato….
    comunque fosse solo per approfittare del sole a via partenope che accarezza i cuori…sono l’ennesima persona che dice.
    federico vai a Napoli!! e poi se passi di qua puort’m na bella sfugliatella…
    kisses

  6. stefano scrive:

    X GIORDANA
    Giordana ogni sessione è una storia a se……..,
    e tutto il mondo è paese………….., ma a Napoli la gente è più calda, e i professori più umani a me a dato questa sensazione…….dopo che ho fatto l’esame di stato aFirenze per due volte (città dove mi sono laureato)……Napoli mi è sembrata l’ America ……….se il sud d’ italia non avesse i problemi ……… che ha, io mi ci trasferirei di corsa……..anzi andrei in Sicilia….a vita, ci sono dei paesi di mare più belli del mondo, ( la vita è un punto di vista)……Il punto però è ………perchè Cazzo L’italia è governata così male ormai da 40 anni………ed ecco che la gente emigra …………….come gli uccelli, per andare a mangiare meglio in altre terre.
    Quindi BELLA FARFALLA vai………….ma non dire che dico cavolate.Ciao e un Bacione con lo schiocco.
    Stefano

  7. stefano scrive:

    X GIORDANA
    Giordana ogni sessione è una storia a se……..,
    e tutto il mondo è paese………….., ma a Napoli la gente è più calda, e i professori più umani a me a dato questa sensazione…….dopo che ho fatto l’esame di stato aFirenze per due volte (città dove mi sono laureato)……Napoli mi è sembrata l’ America ……….se il sud d’ italia non avesse i problemi ……… che ha, io mi ci trasferirei di corsa……..anzi andrei in Sicilia….a vita, ci sono dei paesi di mare più belli del mondo, ( la vita è un punto di vista)……Il punto però è ………perchè Cazzo L’italia è governata così male ormai da 40 anni………ed ecco che la gente emigra …………….come gli uccelli, per andare a mangiare meglio in altre terre.
    Quindi BELLA FARFALLA vai………….ma non dire che dico cavolate.Ciao e un Bacione con lo schiocco.
    Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *