Tut tut… ok, chiuso

Tut-tut… ok, chiuso l’argomento Firenze vs. rest of the world passiamo volentieri ad altro. La bistecca l’abbiamo digerita, anche grazie ai corroboranti input di alcuni “estranei” dalla mente molto sveglia (meglio della hoha-hola). E’ ufficiale: sono esaurito. Se non arriva presto venerdì non rispondo più di me stesso. Non so più da dove cavare soddisfazione chiuso fra queste quattro mura a far tornare particolari costruttivi (sempre i soliti), norme regolamenti e definizioni (idem). Forse gli sto dando troppo peso, dovrei prenderla più alla leggera. Consulterò l’ I-Ching e vi saprò dire. Domattina vado in piscina, ho un nodo psicofisico che mi ottunde il terzo occhio e devo sciogliere, fluidificare, altrimenti all’esame potrei mangiare la testa di qualche esaminatore. Che dire, sono cose pratiche e le dovrei volare; invece l’ho presa come l’esame di scienza delle costruzioni di buona memoria, in cui per settimane on end non mangiavo non mi distraevo non facevo altro se non masticare sigme, castigliano-menabrea e momenti di nodi tripli. Quando sono uscito di casa dopo una settimana per andare all’esame avevano cambiato il senso di marcia alla via bolognese, tanto che per poco non mi scontro coll’ovosodo piantato in mezzo alla strada. Mi ha guardato in faccia e ha capito che non avevo capito, ma ormai al ponte rosso ci dovevo arrivare, anche pensando “rob de mat…” Forse non è necessario, e io sono preso dall’incubo l’oreal di dimostrare che I’m worth it. Potrei anche rovinare tutto in un impeto di vanità suprema come quando all’interrogazione finale di filosofia al liceo mi bevvi una bialetti da 3 intera dopo una nottata e arrivai lì che non stavo nei vestiti dalla paranoia rossa verde e blu. Avevo grande ammirazione per la prof di filosofia, forse troppa per il mio stesso bene. Ho sempre avuto un trasporto emotivo terrificante per le donne intelligenti, ma la cosa non paga bene agli esami. Mah, la notte mi porterà un coniglio, magari con l’orologio come quello di alice. Miao-xxx p.s.: Herr Holzkopf!?! che diavolo di fine hai fatto, non ti vedo nè ti sento dal mesozoico, fatti vivo please… x

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Tut tut… ok, chiuso

  1. anna scrive:

    : ) .. ma dddai ma che è diventata una battaglia firenze contro tutto il resto del mondo??? io adoro firenze, e spero di tornarci a vivere presto – ovvio se l’universo di equilibri a nome ‘soddisfazione personale’ me lo conentirà… anyway, la mia era solo una bacchettatina fed, ma voleva essere simpatica… che ti eri chiuso un pò troppo sul tema villette e casette a schiera, quando invece alcune cose – frammentate, periferiche, piene di difetti – succedono vicino a te.. e magari meriterebbero un pò di curiosità…. tutto qui. e comunque. viva la bstecca a lla fiorentina cari! 😉 baci.

  2. MAURIZO scrive:

    CAPODANNO
    LONDRA MILANO PARIGI JOHANNESBURG
    TOKIO MOSCA

    TUTTI ABBIAMO CAZZI DA PELARE ( SCUSA LA VOLGARITA’)

    IO ENTRO IN DEPRESSION EVERY MOMENT
    VORREI VEDERE LONDRA

    INVITAMI O TROVAMI QUALCOSA
    TI PORTERO’ UN PO’ DI SANA DEPRESSIONE

    DAI ABBI IL CORAGGIO DI FARE UN CAPODANNO CON ME E FORSE DUE MIEI AMICI

    NON SEI UN SERIAL KILLER
    ALTRIMENTI LASCIAMO PERDERE

    DALLA FOTO SEMBRA COSI’ E VEDRAI QUANDO TI INVIERO’ LA MIA

    mY NAME IS morice SONO STATO PITTORE ALCOLIZZATO INGEGNERE
    O MI AMI O MI ODI NON SEI CURIOSO

    BANDO ALLE STRONZATE HO APERTO GOOGLE HO DIGITATO “BARCELLONA A CAPODANNO IN SACCO A PELO 31 12 2005”
    E MI è USCITO IL TUO BLOG
    TI STO SCRIVENDO DAL COMPUTER DI UN MIO AMICO CHE Fà ARTE FUNERARIA
    LA MIA AMICA MI CONTINUA A TELEFONARE
    STO ACOLTANDO MUSICA BRASILIANA
    COME VEDI SONO IN FASE UP
    DOMANI DOWN DOPODODOMANI UP
    FAI IL CONTO COME SARO’ A CAPODANNO

    ps A LONDRA CONOSCO UN cERTO dARIO CHE VIVE LI’ DA UNA VITA
    CHIAMERò ANCHE LUI
    FAREMO UN CAPODANNO INEDITO
    PERCHE’ INVITERO’ MEZZO MONDO A LONDRA

    tI SALUTO A STAI UP
    CIAO
    mAURIZIO

  3. mi. scrive:

    firenze e gli estranei…
    giusto giusto il fatto che i fiorentini doc definiscano estranei toutcourt tutti gli altri dà già la dimensione culturale della città, e non aggiungo altri commenti alla nota triste di Silvia, chè mi associo a quello che ha risposto Stefano.
    Prima di giudicare muoviamo il fondoschiena da mammà e dagli spaghetti o dalla fiorentina alla brace, mettiamoci alla prova in un altro paese, ma che dicoin un’altra città. già sarebbe un miracolo se un fiorentino con sua spocchia si trasferisse a Milano (orrore) o Roma (terroni) e forse sarebbe un pò meno campanilista e apprezzerebbe il resto!
    Chi ha vissuto a FIrenze pur amandola, ne conosce bene i difetti, e sa che cosa si può avere e che cosa invece ti è negato.
    Cara Silvia, vai a farti un giro fuori dall’italia, e se ci sei già stata fanne ancora, non si finisce mai abbastanza di imparare dagli altri…soprattutto dagli ‘estranei’.
    però adesso torniamo ad un dibattito civile,grz.

  4. anna scrive:

    e noi incrociamo le dita per te!!!!!!!!!!!!
    in bocca al lupo! …!!!! … : o io invece di rientro in italia e come al solito mi prende lo spaseamento… a ognuno la sua 😉

  5. Lorenzo scrive:

    Aiuto!
    Ciao…
    sono un ragazzo di 19 anni che quest’anno terminerà la scuola superiore e vorrebbe lanciarsi sulla design… per ora stò frequentando l’ITSOS a Milano che sarebbe una sucola di comunicazione multimediale… sono molto indeciso sul mio futuro… mi ispira molto l’Istituto Europeo di Design a Milano ma mio padre mi consiglia di trovare una scuola a Londra… penso che tu mi possa consigliare… aspetto con ansia la tua risposta!

  6. stefano scrive:

    consiglio Lorenzo
    Caro Lorenzo, secondo me
    per Architettura _bartlett o Architectural association
    Per product design _ royal collage of art
    Per fashion design _ st’martin collage
    Per graphics design _insitute of collage printing
    Per interactive design_surrey institute
    tuttee hanno i siti valle a vedere
    ……ma se nn sai l’inglese ……….l’università la prendi dopo un anno che studi inglese ….nn puoi entrare senza certificati di lingua tipo Toefl o Cambridge certificate…….

    Ma forse è meglio che prima decidi che design………..(royal è la migliore come fama per il design in genere)
    Se vuoi lavorare in italia poi……ti consiglio interactive (puoi lavorare da qualsiasi città anche piccola)……….se sei di milano è un altra storia
    qualsiasi settore va bene…………………………
    CiAo e buona carriera

  7. marina scrive:

    work
    ciao Federico
    mi spiace romperti le scatole per avere dei consigli di lavoro, forse sarebbe molto più interessante per te parlare di qualche altra cosa, ma vorrei esporti il mio problem.
    Sono un architetto di 36 anni e desidero dare un cambio totale alla mia vita, per questo vorrei venire a Londra a lavorare per almeno 4/5 mesi. Potresti consigliarmi qualche studio che si occupi principalmente di interior design, meglio se legato al settore fashion, dato che attualmente mi occupo anche di ricerche di nuovi trends per moda e design (sono ciò che viene definito una “cool hunter”).
    Scusa ancora il disturbo e grazie.
    ciao Marina

  8. mi. scrive:

    cross your fingers
    fede in bocca al lupo per l’orale!

  9. silvia scrive:

    messaggio per federico ed i suoi amici.
    Carissimi, vedo che anche a voi non piace……….. che si parli di voi senza che gli altri vi conoscano, e secondo il mio parere vi è successo la stessa cosa abitando-studiando a Firenze.
    Non limitatevi alla superficialità, al solo aspetto esteriore, al nastro e alla carta del pacchetto, guardate meglio, guardate all’essenza delle cose, le vostre “bistecche e coca-cola” mi fanno ridere…..vuol dire che non avete conosciuto la vera essenza della città.
    Carissimi, visto che il mio intervento non vi è piaciuto come del resto a me non sono piaciuti i vostri voglio solo raccontarvi 2 cose di me.
    1) sono vegetariana
    2) il mondo lo giro per lavoro

    P. S. Se riuscite a fare amicizia con un fiorentino, ricordatevi che sarà una vera amicizia.
    Ciao sfigati………….

  10. stefano scrive:

    Silvia
    Cara Silvia, potrei capire tutto quello che hai scritto, ma sinceramente nn capisco l’ultima frase
    CATTIVA E GRATUTITA (ciao Sfigati……….)
    Sai, girando il mondo per lavoro hai la fortuna di poter osserervare, la gentilezza è il primo passo verso la civiltà, la bontà il secondo, la cortesia il terzo……………………..decidi tu che passo sia quello della fiorentinità, io nn ci riesco.
    Quindi dolce Fiorentina sei passata dalla brace alla padella per tua volontà.
    Io ti saluto con rispetto,
    Ciao Fiorentina ci vediamo a cena……

  11. silvia scrive:

    Ultimo messaggio
    Cari amici di blog, con sollievo leggerete che d’ora in poi non vi scriverò più un rigo, ma ho ancora qualcosa da dirvi, e mi accingo a farlo.
    Carissimi, vedo che scrivervi sfigati vi brucia abbastanza, ma visto che ero abbastanza inferocita, ve lo siete meritato…..scommetto che su un piano più civile, intorno ad un buon caffè ci saremmo fatti 4 risate su tutto ciò, sulle villette a schiera, sull’urbanistica fiorentina, oppure sul cetriolo-grattacielo nato sulle rive del Tamigi.
    Penso pure che Federico il blogger, non abbia bisogno dell’acume dei suoi difensori(i paladini di Federico) per dissentire dalle mie affermazioni, Lui, ha dialettica sufficiente per farlo anche da solo.
    Carissimi architetti di belle speranze, lo riconosco, Firenze non è l’ombelico del mondo, ma non è fatta solo di menù a prezzo fisso, di pub per stranieri, di turismo mordi e fuggi…..Dico a voi, sì propio a voi che non riuscite a trovare la vera essenza della mia bella città, se foste i miei amici trasferiti qui da poco, vi consiglierei di passeggiare con la testa rivolta verso l’alto, per catturare un’immagine, un arco, una statua, un frammento di qualcosa che si fa fatica a vedere, impegnati a contestare un servizio pubblico (l’ataf) giustamente, che quando piove, propio non funziona! Entrate in quelle Chiesette disperse in città e fuori, forse un pò trasandate ma che profumano ancora di incenso e di cera bruciata, non faranno bella mostra di sè su guide turistiche patinate, entrateci in punta di piedi, per non disturbare chi prega scoprirete dei piccoli capolavori.
    A chi firenze propio non va, consiglio di vivere-visitare Berlino,vedrete vi stupirà.
    Cari giovani, avete tutte le carte in regola, e allora rimboccatevi le maniche: lavorate, progettate, fate vedere agli altri chi siete, lasciate un segno tangibile del vostro passaggio, sarei felice in un futuro non troppo lontano di sapere che avete posato la 1 pietra del vostro nuovo lavoro.
    A quell’amico che passerà le feste ad Amsterdam per canne, consiglierei un bel tuffo nella natura…..avete presente una bella camminata in montagna, che vi porta fino a toccarne la Croce? Ragazzi!!! Ammirate il panorama, guardatevi intorno, godete delle bellezze della natura e respirate a pieni polmoni Queste sono vere emozioni!
    Caro Federico, raccolgo il tuo gentile invito a non farmi più sentire, ma aggiungo all’amico Stefano che la bistecca alla fiorentina, è giusto che la mangi solo chi la apprezza veramente.
    Buone feste a tutti Silvia.

  12. stefano scrive:

    Ciò che nn hai capito
    Cara Silvia,
    è chiaro che il nostro Federico può difendersi da solo e bene, ora sta studiando per l’esame di stato e mi auguro che i professori siano umani come lo sei stata tu Silvia,(incrociamo le dita)
    perchè siamo tutti nella stessa arca.
    Lascia stare la storia dell’ultimo messaggio, nn mi sembra che Fede ti abbia detto questo.
    Nella vita terrena la medaglia ha sempre due faccie, Firenze a i suoi difetti,la Fiorentina purè e io come persona ne ho altrettanti,
    bene/male- Amore/odio – luce/ombra- bello/brutto-pace/guerra- Ricchezza/Povertà
    come vedi per ogni cosa c’è un contrasto e ahime anche le città cosi come le persone sono fatte di questo.Fa parte della vita.
    Tutti apprezzano, ma la perfezione nn esiste, tutti meritano di mangiare una fiorentina, ma mai essa sarà perfetta, è questa la molla perversa della ricerca, del progresso, dell’esperimento, dell’architettura, dell’arte, perfino quel tonto di Michelangelo lo aveva capito. Vedi il nn finito della Pietà(hahahahahahahahaha)
    Solamente in Paradiso ci sarà la perfezione stella Fiorentina purosangue e li si che si apprezzerà solamente. Ed ora che sono anch’io diventato vegetariano ti saluto con un abbraccio, buon Natale e visioni international per l’anno nuovo
    Steve Lachance

  13. mi. scrive:

    Perfecto
    E chi la vuole la perfezione?? Siamo per natura imperfetti e il Paradiso dev’essere una tale noia…ammesso che ci sia.
    In attesa di avere notizie del nostro, chiudo questo controverso dibattito con una massima di Wilde che da Albione ci insegna: la fantasia imita, è lo spirito critico che crea.
    W il cetriolo-grattacielo nato sul Tamigi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *