fattoquello che si doveva

fattoquello che si doveva fare (parlare con la nonna, ovverosia l’orale per l’esame di stato), comperati alcuni regali fra feltrinelli e seeber, attendo sviluppi per la stagione delle feste. L’esame in sè: tanto tremito e stage fright prima dell’occasione di dire quello che sapevo con alcuni errori e rimarchi ovvi e poi mi hanno chiesto pure i ferri nell’aggetto della gronda. Meno male che me li ero guardati, perchè anche se il c.a. è materiale non isotropo io in realtà l’ho sempre considerato tale.

Sono fiero di essere stato promosso col minimo dei voti, e anche se mi avessero dato il massimo la soddisfazione sarebbe stata la stessa: meglio un bel piatto di carciofi fritti.

Similitudini fra l’esame di guida e l’esame di stato ce ne sarebbero a cercarne: entrambi da sopportare come uno scappellotto non necessario dallo zio triste grigio nevrotico purchè si decida a sganciarti le diecimila lire di rito. Entrambi comportano una necessaria umiliazione (in realtà assolutamente non necessaria, ma guai ad entrare in polemica) perchè si ha il torto di essere ancora privi di quel bollino/certificato/pezzo di carta che ci permette di esercitare una certa funzione peraltro normale nell’odierno mondo d’oggi.aereo

Mah, ho già rimosso, devo dire. Riesco con difficoltà ad immaginarmi in paranoia a studiare le contorsioni del sistema legislativo.

Ma cambierà questo paese? Succederà qualcosa? Da qui difficile dire. Si sa quello che non va ma il tappo è troppo incancrenito, è tutt’uno col collo della bottiglia. La gente non ha le idee chiare, la verità è una questione di opinione e orientamento politico e tutti pagano il privilegio di abitare nel bel paese a caro prezzo, abbastanza tagliati fuori dal resto dell’europa.

Come si fa a far finta di niente e avanzare commenti educati a margine quando le proprie opinioni sono non diverse, ma diametralmente opposte da quelle dominanti/che informano lo sviluppo del paese? Anche solo ad esprimere un’opinione (cosa che in regime democratico dovrebbe essere non solo tollerata ma incoraggiata) si passa per estremisti. Alla fine uno si ritira nel mondo delle idee platoniche o nella televisione via satellite.

Adesso ho finito quello che mi ero proposto di fare tornando in Italia. Patente-EdS: missione compiuta. Secondo il programma, dopo la pausa natalizia potrei anche tornarmene da dove sono venuto. Ho però un lavoro part time di insegnamento presso università americana fino a maggio.

Devo fra l’altro ricercarmi casa nel nuovo anno che non posso più stare dove sto. Mi attacco malvolentieri ai posti se devo combattere, quando so che tutto sommato sarebbe meglio andarsene: mi lamento per la mancanza di una “base” ma ho paura di perdere la mobilità.

Sarebbe opportuno capire cosa voglio.

Grazie della posta, cuore

xxx

p.s.: in realtà ho ancora attacchi di panico quando passo in prossimità di aereoporti, per cui non è ancora il momento di andare.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

16 risposte a fattoquello che si doveva

  1. elena scrive:

    AIUTOO!!!!
    VORREI AVERE INDIRIZZI O E – MAIL DEGLI
    UFFICI COMUNALI DI SOUTHAMPTON, STO CERCANDO UNA PERSONA DI CUI CONOSCO SOLO IL NOME E IL CUI FIGLIO O FIGLIA
    è FRATELLO/SORELLA DI MIA MADRE CHE
    PURTROPPO DA QUI NON HA MODO DI RITROVARLO, IO ABITO VICINO MILANO, PER
    FAVORE PUOI DARMI INDICAZIONI SU COME FARE?
    GRAZIE E VIVISSIMI AUGURI

  2. elena scrive:

    AIUTOO!!!!
    VORREI AVERE INDIRIZZI O E – MAIL DEGLI
    UFFICI COMUNALI DI SOUTHAMPTON, STO CERCANDO UNA PERSONA DI CUI CONOSCO SOLO IL NOME E IL CUI FIGLIO O FIGLIA
    è FRATELLO/SORELLA DI MIA MADRE CHE
    PURTROPPO DA QUI NON HA MODO DI RITROVARLO, IO ABITO VICINO MILANO, PER
    FAVORE PUOI DARMI INDICAZIONI SU COME FARE?
    GRAZIE E VIVISSIMI AUGURI

  3. mi. scrive:

    GRANDEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    W LA LIBERTà!

  4. stefano scrive:

    Grande Fede
    Vivissimi complimenti per l’esame di stato superato nella difficile commissione ……..
    Caro Fede bravo, ma siamo punto e accapo,la piccola guerra continua, anche io come te sono nel grande dubbio su cosa fare, te l’ho già detto altre volte, anche a me molte cose in Italia nn piacciono, io qui faccio libero professionista in Umbria, ho molte “piccole commissioni con privati” e a fine anno sbarco tranquillamente lunario, ma ciò nonostante dal punto di vista “architettonico” nn sono per niente soddisfatto,perchè ovviamente faccio casette per Zio peppe, negozietti per Mario, abitazioni private etc,………………………mi manca il panorama internazionale che hai vissuto tu, ed immagino che ora ti sentirai come un pesce fuor d’acqua, ma in verità anche io lo sono, così come sono ribelle a tutto quello che è gavetta italiana presso A,B,C,……………; quindi ahime nonostante sono libero sogno di incontrare e lavorare per un grande maestro che sia oltre che bravo anche buono- quindi anche io nonostante abbia in ballo molti lavori per andare a lavorare con un Norman Foster sono disposto a piantare tutto…………………………..poi si vedrà a tornare a dimensione regionale faccio in tempo.
    Stefano

  5. Chiara scrive:

    Complimentoni!
    Bravo Federico! Anche io ho superato l’esame di stato col minimo dei voti. Fondiamo una giornata di abilitaticolminimoPRIDE! P.S. Ti leggo sempre volentierissimo ma il giallo che usi ultimamente mi fa diventare cieca.

  6. isa scrive:

    “In gioventù le mie ali erano forti e instancabili ma non conoscevo le montagne.
    In vecchiaia conoscevo le montagne ma le mie ali stanche non potevano seguire i miei occhi. Genio è sapienza e gioventù”(E.L.M)
    Troverai sicuramente quello che stai cercando…tanti auguri.

  7. Stefano scrive:

    Consigli

  8. stefano scrive:

    consigli
    ciao Federico! a febbraio verrò a Londra con lo scopo di riuscire ad entrare in qualche studio di architettura, l’unico mio problema è la scarsa conoscenza dell’inglese (direi un problemino 🙂 mi sarebbe molto utile qualche tuo consiglio a riguardo!! ciao e complimenti per il blog

  9. Paola scrive:

    Auguri
    Ciao Fede,
    auguroni per la missione compiuta,
    auguri di buon Natale
    e speriamo in un 2006 full of joy!!!

    xx

    Paola

  10. anna scrive:

    congratulatiooonnnnnnssss!!!!
    congratulatiooonnnnnnssss!!!!
    buon natale carissimo!
    baci!

  11. Nico scrive:

    info e anche se non ti conosco auguroni
    Ciao mi chiamo Nicola e mi sto per laureare in ingegneria edile a Bologna. Mi piacerebbe venire a Londra a lavorare (Lavoro da 4 anni in uno studio di progettazione e mi occupo di progettazione civile ed industriale). Credi che sia una buona idea venire li?? La mia laurea in ingegneria equivale a quella in architettura in inghilterra?? Ho visto alcuni annunci di lavoro e mi pare che gli stipendi non siano malaccio. Un augurio di Buon Natale. N.

  12. tiziana scrive:

    auguri e saluti e info
    ciao, anche se non ti conosco fa sempre piacere scambiare gli auguri.
    sono un architetto di 28 anni e lavoro già da 3 anni…lavoro nel campo dell’arte contemporanea i particolare sono progettista di allestimenti, vorrei fare un’esperienza lì a londra, puoi darmi un consiglio per come muovermi o dei riferimenti per come cercare dei contatti?
    ti ringrazio comunque
    tanti saluti e in bocca al lupo per tutto

  13. Giulia scrive:

    corrispondenze con RIBA
    Ciao Federico, mi son appena laureata in Ingegneria Edile – Architettura, e vogli osostenere l’esame di stato da architetto..però intanto vorrei fare uno stage in qualche studio estero, fondamentalmente inghilterra o Olanda, e dato che le richieste di collaboratori riguardano prevalentemente candidati con gradi designati dal RIBA, mi chiedo quale sia la corrispondenza fra questi e le nostre lauree.
    Mi chiedo anche se la nostra laurea quinquennale e dunque specialistica sia come quella in Uk, e perciò corrispondente all’architect part II..o se sia necessario aver superato l’esame di stato per essere in qualche modo calcolati.
    Ho visto che anche Nicola ha più o men ole mie stesse lacune, solo che la mia situazione è un pò più precipitosa perchè a breve devo decidere del mio destino…
    Ci sono alcune università approvate dal RIBA, ma quelle italiane non vi rientrano,pertanto non so proprio cosa pensare.
    Puoi darmi un aiuto? grazie mille, auguri di buone feste!
    Ju

  14. giulia scrive:

    ti volevo chiedere se……
    ©iao federico ho appena dato un’occhiata a ciò che scrivi e incantata dalla verita’ dei tuoi sogni,delle tue aspettative ti volevo chiedere se secondo te fosse il caso d’iscriversi ad un’universita’ a Londra,premetto che ho vissuto in quella misteriosa e “dura” citta’ per un anno saltando da un lavoretto all’altro con l’obbiettivo di portare avanti il mio inglese un pò “bugiardo” (scusa ,ma io vivo di virgolette) comunque…..sono rientrata in italia da pochi mesi,e ho continuato la scuola d’interpreti e traduttori qui a pisa,dove abito….spero che la tua intelligenza nonsi renda peccatore nel diverbio tra le nostre belle città!!!il problema che qui in italia le cose vanno un pochino male,nel senso che bisogna essere equipaggiati di una forte dose di fantasia per dare stimoli ai nostri sogni,le immagini sono in bianco e nero…non prendono identita’ nè forma…tutto scorre lento,senza un vero e proprio suono,e a me mancano le lacrime e i sorrisi che provavo in quella citta,perchè erano “estremi”ma veri.quindi visto che tu sei li da molto tempo,ti chiedevo se così istintivamente mi potevi dare un consiglio e se non altro indicarmi qualche universita’ dove poter studiare…un bacio giulia

  15. vale scrive:

    tante cose…:)
    ciao federico,
    prima di tutto complimenti per l`esame… io sto ancora aspettando i risultati dello scritto di pescara…
    immagino che mail come queste ne riceverai tantissime, scusa, ma avrei proprio bisogno di qualche consiglio.
    Io sono gia a londra da un mesetto, mi sono fatta un corso di inglese, ho iniziato a lavorare come cameriera, ma ovviamento l`obbiettivo e` quello di iniziare a fare l`architetto da queste parti.
    ho iniziato a mandare curriculum a destra e manca… ma con scarsi risultati, l`ho mandato anche al riba, ma mi hanno risposto che non hanno nulla per me visto che non sono iscritta all`ARB, e non ho delle grandi conoscenze della normativa tecnica inglese… Ecco… il problema e` che a me andrebbe bene fare anche un tirocinio o uno stage da queste parti… sai darmi qualche consiglio?
    a proposito che valore ha il nostro esame di stato in inghilterra?…
    grazie ed in bocca al lupo per la tua carriera

  16. JU scrive:


    VALE!!!
    Ciao!Guarda ho cheisto le tue stesse cose a federico,che gentilissimamente mi ha risposto e ho seguito il suo consoglio di chiedere info al validation committee del RIBA.mi ha dato info in merito anche un impiegato,o almen ocredo fosse tale, di una sorta di agenzia di collocamento per architetti…vorrei anche io fare uno stage a londra, o lavorare direttamente sarebbe meglio, e mi sto informando per farlo al più presto. Perchè non rimaniamo in contatto?gildedlizard@yahoo.it scrivimi,così ci scambiamo info e ci diamo man forte!

    Ju

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *