Hee hee… Che dire,

Hee hee… Che dire, non ho parole. sorrisoGiordana, corazoncito, grazie. Ti prometto che d’ora in poi saro’piu’ umorale che mai. Duron, le magie di calce umida seducono irresistibilmente anche me purtroppo, e siano pure odori di legno, vernice, e rumori di martellate.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Hee hee… Che dire,

  1. stefano scrive:

    occhio anche a australiani e cinesi
    Duron, da come scrivi si vede subito, che anche te come Federico, sei appassionato di contemporaneità, occhio anche a la vecchia pechino che per il 2008 sta preparando qualcosa di eccezzionale, e anche gli australiani costruiscono sempre con rispetto dell’ambiente e molta creatività, oggi tutti i più grandi studi australiani hanno delle sedi in cina, e noi italiani?
    Continuiamo a coltivare un piccolo orticello, facciamo tutto da noi, impianti, ingegneria, architettura, condoni, grafica, restauro,…………
    eeeeeeeeeeeee quindi è normale che siamo sempre a rincorrere, in inghilterra, america nord, gli studi sono di 500/1000 persone con sedi sparse nel mondo, con associati più o meno importanti. Nel mio studio siamo in due , come facciamo a competere con gruppi di studio di 20 /30 persone con competenze professionali diverse?
    quindi anche nella competizione siamo tagliati fuori…………………a questo punto nn rimane che privato e pubblico……..
    Il primo è quello che chiede 4 preventivi, il secondo è “politicamente” inaccessibile……….
    Ma la nostra passione e l’odore del cantiere è talmente grande che nn molleremo mai, cresceremo comunque e cammineremo sempre a testa alta perchè un pezzo del nostro cuore dice
    W ARCHITETTURA

  2. anna scrive:

    ohhhhhhh
    ohhhhhhhh stasera francois roche!! ..sarà un bluf o è davvero uno degli architetti pià geniali del pianeta?? :))) come al solito quando mi emoziono esagero! … magari vi racconto!! ..x stefano: viene pure federico the 3rd. italiani all’estero unitevi! ..e poi imparate imparate e prima o poi mettete tutto in pratica…. non sarebbe la prima volta che a un certo puno – pluf! – sconvolgete il mercato! pensiamo alla moda… sono beni mobili mi direte… eh ma pure le idee sono mobili!! baci cari, a presto.. anna

  3. anna scrive:

    roche
    oh madonna. quanti errori che faccio entre dgt. ..cmq no. francois roche non è un bluf. lascio stare i contenuti (weeeird. molto divertente!!).. ma un cosa ve la racconto… lavora a parigi e dichiara. io in francia non costruisco. progetti nell’est europa, est del ondo, est… in europa progetti – installazioni – artistiche giustoo per finanziarsi la ricerca.. e dichiara ancora… vado dove ci sono i soldi… di recente arriva per un progetto i giappone. volo lunghissimo, arrivo a tokio, trasferimenti, ore di treno, raccolto in macchina ancora ore di macchina… arriva sul posto pensando — wwwooww sarà il progetto più grande di tutta la ia vita!!! — era un parcheggio di venti posti auto. :(. domanda: ci andresta voi fin laggiù, provincia sconosciuta del giappone e perdi più ricoperta di neve e gelo d’inverno??? forse si. se vi facessero costruire un parcheggio come il suo. :)).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *