E cosi’ ho paura

Ah, che bello che il blog funziona anche come luogo di incontro! Rosy e Cristina, propongo di incontrarci appena torno a London, verso l’inizio di novembre.
Bene, qui cosa succede, a parte la mia latitanza dal blog causa mancanza di connessione a casa e non frequentazione dello studio di amici che mi ospita e per cui faccio un po’ di lavoro senza sforzarmi troppo.
Succede molto poco, e succede anche molto lentamente. La settimana a Londra al confronto è densa quanto un mese, lavorativamente intendo.
Cinque colloqui in una settimana, due trattative con studi ancora in corso e altre proposte che continuano ad arrivare dalle agenzie, principalmente da Adrem (www.adrem.uk.com).
In qualche modo entrare in contatto diretto con gli studi è meglio perchè hai le redini in mano e a volte le agenzie ti fanno perdere un sacco di tempo perchè cercano di piazzarti in posizioni che a te tutto sommato non interessano se non per il brutale quattrino, comunque è un esercizio interessante anche solo averci a che fare perchè ti costringe a mettere a fuoco esattamente quello che vuoi dal tuo prossimo lavoro, a che stadio di evoluzione ti trovi nella tua carriera professionale e stimolano anche considerazioni generali su cosa ti aspetti dal tuo lavoro (se casomai non ci avessi mai pensato).
Ho un’ultimo colloquio a Roma lunedì e poi posso dire di aver sparato tutte le mie cartucce in Italia. Il che vuol dire che o mi rassegno a questa vita e mi ci assesto dentro e la smetto di agitarmi avanti e indietro per l’Italia e l’europa, o risalto la manica e mi trattengo un altro po’ in terra d’Albione, vincendo il terrore dell’isolamento e della solitudine e facendo quello che so e che devo.
Segue training autogeno con opera di autoconvincimento.
fiore

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a E cosi’ ho paura

  1. max scrive:

    mah
    mah, caro federico, secondo me ti sei stufato dell’italia e al contempo rasserenato. il tutto ti fa vedere la citta’ dove hai vissuto con occhi diversi… probabilmente gli stessi con ci pensavi a Viareggio o Firenze quando non ne potevi piu’ di Londra. con tutto cio’ meglio rompersi i coglioni a londra che a viareggio… o no? in ogni caso una buona idea e’ rompere le triangolazioni consuete, chesso’… perche’ non new york o un’altra delle magnifiche metropoli che a noi architetti ci piacciono tanto.
    a presto

  2. Renzo Piano scrive:

    APRI IL TUO STUDIO
    7 anni con aslop, penso che come dipendente hai già dato molto, ora basta nn stare a sbattere più per gli altri, sbatti per te ……………….
    disegna la prima cosa per un rimborso spese
    la seconda al 3% la terza al 6% e cosi via.
    Vantaggi? è chiaro il tempo è tuo
    è chiaro quello che fai è tuo
    è chiaro vivi dove vuoi vivere
    Renzo

  3. rosy scrive:

    londra
    ciao Federico!
    mi farebbe piacere davvero incontrarti a Londra…Seguo il tuo blog da diverso tempo e mi aspettavo che riprendessi in mano la tua idea di tornare a Londra. E’ un pò quello che è successo anche a me, anche se i misura minore. Da quando mi sono laureata (anche io a Firenze) ho lavorato sempre nel campo editoriale legato all’architettura e al design. Quattro anni fa ho avuto l’occasione di fare uno stage in una casa editrice molto bella a Londra. Purtroppo mi sono illusa che in Italia la situazione non fosse così drammatica e ho fatto la scelta di tornare, nonostante mi avessero dato la possibilità di continuare a lavorare lì…Inutile dire che qui ho trovato il deserto..come hai detto tu anche io mi sono davvero sparata tutte le mie cartucce italiane, finchè, dopo aver riflettuto tanto anche io ho fatto la scelta di tornare e devo dire che, pur stando qua, sono riuscita già ad avere diversi contatti e a metà novembre salirò a fare dei colloqui…Credo che anche tu sappia quanto è pesante fare una scelta di questo tipo, credo di avere adesso, rispetto a quattro anni fa, quella desterminazione che allora mi mancava e forse anche un pò di rabbia in più…caratteristiche assolutamente necessarie per sopravvivere a Londra! Ti faccio un grosso in bocca al lupo e spero di incontrarti nella City!

    baci

    Rosy

    ps non è che mi sai dare qualche contatto per trovare casa?

  4. CRISTINA scrive:

    INCONTRI…
    BELLA DAVVERO QUESTA COSA DEGLI INCONTRI! INASPETTATA. HO APPENA SCRITTO A ROSY E SPERO DAVVERO DI POTERLA INCONTRARE A LONDRA E DI INCONTRARE ANCHE TE. DAI SCRIVIMI. CRIS.

  5. giordana scrive:

    luce
    se ne avessi, ti regalerei luce, e ancora luce affinchè tu potessi leggere dentro te e decidere bene.
    sono con te.
    e….una visita a Barcellona..me la devi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *