Poltrone Barcellona: un must.

Sono in studio. Stamattina fa un freddo pinguino in val Padana e nonostante il riscaldamento acceso a manetta, non riesco proprio a trovare il coraggio di togliermi il piumino. Sto facendo dei lavoretti, e fondamentalmente me la meno un pò perchè piove a dirotto e oggi non ho voglia di andare in Comune, comunque può attendere. Sono in attesa del corriere espresso che mi porti le due Barcellona da mettere in ingresso. Eh si, perchè, come dicevo in altri post, dopo lunga e dolorosa ricerca siamo riusciti a strappare due poltrone Barcellona ad un prezzo vergognoso! 😉 Chiaramente non sono quelle della Knoll nè della Cassina, ma sembravano molto carine e siccome c’è la possibilità del soddisfatti o rimborsati ne abbiamo approfitato. Perchè alla fine, la poltrona Barcellona dello zio Mies, anche se è stata progettata nel 1929, tutt’ora è splendida e attuale, e ben si adatta a tutti gli arredamenti moderni, e si sposa perfettamente anche con oggetti disegnati più di 50 anni dopo. E spesso mi trovo a pensare: ma che testa deve avere uno che riesce a pensare e realizzare oggetti del genere precorrendo i tempi e i luoghi e i modi di pensare? Meditate gente, mediatate…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.